Stampa
PDF

 

La fede tra

«stare» e «andare»

Lidia Maggi

Siamo esseri di desiderio, affascinati dalla vita piena annunciata da Cristo. E osiamo sperare che la risurrezione di Gesù riguardi anche noi. Di fronte, però, alle forze mortali, questa fede è messa a dura prova.
Non termina tutto con la morte, una genesi al contrario?
L’umanità non è destinata al sepolcro, costretta a percorrere a ritroso il cammino della nascita?
Signore, rotola la pietra e scioglici dai legami della morte! Con questa invocazione, che nasce dal desiderio e sfida l’evidenza, entriamo nel giardino della risurrezione, luogo in cui l’evangelista Giovanni annoda i diversi fili della trama. Di quella biblica, innanzitutto: viene riaperto il giardino dell’Eden e quello del Cantico trova qui il suo compimento, nell’incontro di chi vive un amore più forte della morte. Ed anche la trama del Quarto Vangelo.
A metà del quale troviamo la resurrezione di Lazzaro: l’ultimo dei «segni», posti da Gesù per esprimere il sogno di Dio; e insieme, anticipo della sua «ora», quando, per amare i suoi «fino alla fine», deve anche Lui affrontare la morte ed essere deposto in un luogo a parte, lontano dai viventi.
«Dove l’avete deposto?» (11, 34), chiede Gesù a proposito dell’amico Lazzaro. «Dimmi dove l’hai deposto…» (20, 15), domanda la Maddalena al presunto giardiniere.
Dove va a finire la vita?
Perché continuiamo a cercarla, anche a tempo scaduto?
Per Giovanni, è decisivo il legame affettivo. Gesù amava Marta e sua sorella e Lazzaro (11, 5; cfr. v. 36); e la Maddalena viene descritta come la ragazza del Cantico, «malata d’amore». Il pianto di Maria (20, 13.15), come il turbamento di Gesù (11, 33) manifestano un amore che si oppone alla perdita.
I due racconti di resurrezione allestiscono la scena della resistenza amorosa e suggeriscono che solo essa possa generare una ri-esistenza.
Entrambi, poi, illustrano una dinamica dei movimenti, che implica uno «stare» ed un «andare», dando forma al cammino della fede. Per Giovanni, lo «stare» è l’elemento di congiunzione tra la scena del Golgota e quella del primo giorno della settimana.
Presso la croce di Gesù stavano sua madre e la sorella di sua madre, Maria di Cleopa, e Maria Maddalena (19, 25). Nel giardino della resurrezione, Maria se ne stava fuori vicino al sepolcro a piangere (20, 11). Stare è verbo chiave del racconto di Giovanni.
Dalle prime battute, quando due discepoli del Battista vanno a vedere dove abita Gesù e stanno con Lui tutto il giorno (1, 39); agli insegnamenti del Maestro sul rimanere in Lui, come il tralcio sta unito alla vite (15, 1ss); fino alla fine, quando il Risorto rimane grazie alla testimonianza del discepolo amato, Scrittura destinata a stare fino al suo ritorno (21, 21ss).
Lo «stare» di Giovanni significa sempre decidere di restare, senza fuggire, operare sui tempi lunghi, superando la tentazione della resa, come quando, sul Golgota, tutto sembra finito e non resta che tornare sui propri passi, in preda alla delusione e allo sconforto. Esprime tenacia, pazienza del leggere, senza lasciarsi tradire dalla fretta di giudizi sommari, di emozioni altalenanti. Ma perché lo «stare» non degeneri in un immobilismo passivo, come quello della pietra del sepolcro, che invece deve essere tolta, ecco che nel giardino della Pasqua risuona l’imperativo opposto: va’ dai miei fratelli (20, 17). Stare e andare, entrambi ingredienti necessari alla fede nel crocifisso risorto. E tutti e due così rari nel nostro presente.
Siamo incapaci di «stare», noi che viviamo vite di corsa, che agiamo su più fronti (multitasking!), mossi dall’urgenza di trovare soluzioni immediate (problem solving!).
La comunità inoperosa che scommette sul rimanere in ascolto della Parola, che la medita e la custodisce, attendendo con perseveranza una luce dall’alto, è continuamente sottoposta al sospetto di inefficienza e inutilità.
Eppure, proprio quell’accelerazione che irride lo «stare», si ritrova a non sapere più dove si stia andando, spostando i problemi più che risolverli, provando tutto e non concludendo niente. E così, anche l’«andare» fa problema, oggi. Certo, ci muoviamo spasmodicamente, ma è come se girassimo a vuoto. E una volta finita la carica, eccoci a terra, tristi e depressi, con la sensazione che, in fondo, niente valga veramente la pena.
La pasqua ci richiama ad una sapienza che stiamo perdendo. Il racconto di Giovanni ne evidenzia la grammatica: quella che dà voce al desiderio inquieto che abita i cuori di chi ama la vita e se ne prende cura, coltivando relazioni profonde; quella di chi non fugge la vita, ma sceglie di starci, con consapevolezza e tenacia; e si muove in essa, vincendo la paralisi della morte, andando oltre i tanti sepolcri che ci tengono in ostaggio.
Qui intuiamo la sfida della Pasqua: che anche noi, come Gesù, possiamo risorgere, fin da subito.
Che anche le nostre fughe frettolose o le nostre pietre pesanti possano non avere l’ultima parola.
Fanno esperienza della potenza della vita quanti scelgono di «stare», di fermarsi ai piedi di Gesù, in ascolto della sua Parola. La quale, poi, ci dirà di «andare», indicandoci il cammino da percorrere, rimettendoci in piedi e facendo delle nostre comunità stanche delle chiese in uscita, capaci di scommettere sull’amore e di tessere legami con gli altri fratelli di Gesù.

(Fonte: “Riforma” - 14 aprile 2017)

Newsletter
Aprile-maggio
2017

NLaprile-maggio2017

invetrina2

I cammini
Un'esperienza di pellegrinaggio 
per i giovani

via-francigena

Per accompagnare
i cammini
Lo zaino del pellegrino giovane

vie

Sinodo sui giovani 
Un osservatorio
Commenti. riflessioni, proposte  

sinodogiovani

Storia "artistica"
della salvezza 

agnolo bronzino discesa di cristo al limbo 1552 dettaglio2

Con o senza Te
#nonèlastessacosa
Proposta pastorale MGS 2016-17 
 

tornarea

Interpellati 
da Gesù

interpellatidagesu

Società, giovani 
e ragazzi
Aspetti socio-psico-pedagogici  

ragazziegiovani

L'educatore
competente
 
Formazione e spiritualità
 

educatore competente

Istituzioni, luoghi, 
contesti educativi 
 

cittaeducativa

Santi e testimoni 
di ieri e di oggi
Proposta di un cammino spirituale 
 

Icona Martiri2016

Educazione 
e bellezza 
 

educazione bellezza

Sussidi e materiali 
x l'animatore in gruppo 
 

cassetta

Newsletter NPG



Ricevi HTML?

PGNEWS

stampa

NPG: appunti 
per una storia

2010 SDB - NPG Logo 02 XX

Lo zibaldone. 
Di tutto un po'
Tra letteratura, arte e pastorale...

zibaldone

rubriche

Le 10 Parole 
(Ravasi, RadioRai,
Di Sante)

tavoledellalegge

Pedagogia 
interculturale

pedagogia interculturale

 Frammenti di fede
nel quotidiano
Dio, Cristo, Maria. Chiesa
 

fedenelquotidiano

I giovani 
e Maria
Comprensione e devozione cristiana

mariadinazareth

Corporeità e
pastorale giovanile

corporeita

Educazione 
e mistica

meistereckhart

Formazione 
(giovani) animatori

giovani -_pastorale_giovanile_animatori

Educare
alla Costituzione

costituzione

Le interviste: 
PG e...

interviste

LIVE

webtvpic

Il numero di NPG 
in corso
Aprile - Maggio 2017

00NPGcoveraprilemaggiohomepage

novita

ipad-newspaper-G

Le ANNATE di NPG 
1967-2017 
 

annateNPG

I DOSSIER di NPG 
(dall'ultimo ai primi) 
 

dossier

Le RUBRICHE NPG 
(in ordine alfabetico)
Alcune ancora da completare 
 

Rubriche

Gli AUTORI di NPG
ieri e oggi 

pennapennino

Gli EDITORIALI NPG 
1967-2017 
 

editorialeRIDOTTO

INDICI NPG
50 ANNI
 
Voci tematiche - Autori - Dossier

search

VOCI TEMATICHE 
di NPG
(in ordine alfabetico) 
 

dizionario

I LIBRI di NPG 
Giovani e ragazzi,
educazione, pastorale
 

libriNPG

I «QUADERNI» 
dell'animatore

quaderni

 

Alcuni PERCORSI 
educativo-pastorali in NPG
 

percorsi

I SEMPREVERDI 
I migliori DOSSIER di NPG 
 

vite N1

NOTE'S GRAFFITI 
Materiali di lavoro
con gruppi di ragazzi e adolescenti 
 

medium

Un percorso di spiritualità
per giovani

spirit-giovanile

Teologia e antropologia 
per la pastorale
Contributi NPG dal 1996 al 2016 
 

statuetta-buon-pastore

Cantieri
dell'anima
Piste educative estemporanee

cantieredellanima

Temi biblici
per la PG
e la spiritualità
 

bibbia-rubriche

Alla scuola
di Gesù
Percorsi di Giubileo

allascuoladigesu

Semi di
spiritualità
Il senso nei frammenti

spighe

 

Maestro, 
dove abiti?

merc28mag

Itinerari 
di educazione  
alla fede

Sentiero 02

Temi 
«generatori»
Pastorale e spiritualità giovanile

inprimopiano

Imparare
a pregare
Obiettivi, metodi, esperienze

lorante

Vocazione,
vocazioni
Nella Chiesa, per il mondo

vocazione

Interiorità
questa inattuale
L'educazione del e dal profondo

reiki 02

PG per la vita 
e la speranza
Un approccio «scientifico» alla PG

giov

Amore 
giovane
Temi di pastorale del fidanzamento

giovani-amore-internet

Educazione 
alla virtù

virtu

SOCIAL AREA

 
socialareaok2 r1_c1_s1 socialareaok2 r1_c2_s1 socialareaok2 r1_c3_s1 socialareaok2 r1_c4_s1

Contattaci

Note di pastorale giovanile
via Marsala 42
00185 Roma

Telefono: 06 49 40 442

Fax: 06 44 63 614

Email

MAPPE del SITO 
per navigare con una bussola

mappesito

PROGRAMMAZIONE
NPG 2017

programmazione

La DOTTRINA SOCIALE 
della Chiesa

dottrina

Le INTERVISTE: 
PG e...

interviste

cospes vis tgs cnosfap cgs cnosscuola scsOK1 cnossport
Salesiani di Don Bosco Figlie di Maria Ausiliatrice editrice elledici università pontificia salesiana Servizio nazionale di pastorale giovanile Movimento Giovanile Salesiano salesitalia Mision Joven Dimensioni Mondo Erre DonBoscoland Scritti di Don Bosco ans bollettino
LogoMGSILE valdocco missioni missionitv asc exallievi vcdb mor ICC icp ILE ime ine isi