Stampa
PDF

Solennità del Corpo e Sangue di Cristo

 

Solennità

del Corpo e Sangue

di Cristo 

Anno A

Franco Galeone*

 

UltimaCena

Ti ho condotto per questo deserto, luogo di serpenti e di scorpioni

In questo tempo di violenza e di confusione, la festa del Corpus Domini, con la sua processione lungo le strade coperte di fiori, può essere un raggio di speranza che viene da Dio. Il messaggio che questa tradizione ci trasmette è quello di tenere unite l’eucaristia e la vita, di non adorare l’eucaristia al di fuori della vita e della storia. Che senso può avere questa processione oggi? Anche noi oggi dovremmo ricordare tante cose del nostro viaggio, non solo gli scorpioni e i serpenti (Dt 8,15), ma anche l’acqua sgorgata un giorno dalla roccia, all’improvviso, e la manna discesa dal cielo, quando credevamo di morire di fame. Quante volte eravamo disperati e tristi, ed ecco dal cielo un aiuto, uno squarcio, a ricordarci che non viviamo la storia da soli, chiusi nel tragico cerchio dell’immanenza. Quante piacevoli sorprese! Potremmo dirci che quelle sorprese sono subito passate, che il nuovo viene come un fiore che sboccia e la sera è già secco. Ma dentro la roccia arida scorre la linfa. Questo lo sappiamo perché Dio è presente nella vita. Questa è la nostra fede! Certo, evidente è la vecchiaia e non la novità, la ferocia e non il perdono, l’egoismo e non la solidarietà, la morte e non la risurrezione. Ma chi vuole solo l’evidenza deve rassegnarsi a essere il custode del passato. Avere fede significa essere privo di evidenze razionali, di prove scientifiche. Avere fede significa credere in Dio, che ha stretto un patto con l’uomo in cammino nel deserto. Senza questo punto di appoggio, tutto diventa come un ciarpame di simboli vuoti.

La mia carne è vero cibo…

Queste parole di Gesù nel vangelo di Giovanni sono talmente gravi che, al termine di queste, gran parte dei suoi discepoli lo abbandonerà e non tornerà più con lui. Vediamo allora che cos'è di grave, di importante, che Gesù ha detto. Nel capitolo 6 del vangelo di Giovanni troviamo un lungo ed intenso insegnamento sull’eucaristia. Giovanni è l'unico evangelista che non riporta la narrazione della cena, ma è quello che, più degli altri, riflette sul profondo significato della stessa. “Allora i Giudei” - con questo termine nel vangelo di Giovanni si indicano le autorità - “si misero a discutere aspramente tra loro: «Come può costui darci la sua carne da mangiare?”. Un Dio che si dona all’uomo fino ad arrivare a fondersi con lui, si fa alimento per lui. Questo è inaccettabile per le autorità religiose che basano tutto il loro potere sulla separazione tra Dio e gli uomini. Un Dio che vuole essere accolto dagli uomini e fondersi con loro, questo per loro non solo è intollerabile, ma è pericoloso. Gesù rinforza le sue parole; passa dal verbo φαγειν al verbo τρωγειν : “Chi mastica la mia carne”. Il verbo “masticare” in greco è molto rude, primitivo, significa “masticare, spezzettare”. Gesù vuole evitare che l’adesione a lui sia un’adesione ideale, ma dev’essere concreta, reale, vitale.

Celebrare le nostre liturgie nel cuore della storia e non ai margini del villaggio

Quando celebriamo l’eucaristia, ripetiamo un vuoto simbolo se non giuriamo a noi stessi di lavorare per l’unità della famiglia umana. Il corpo del Signore non è solo quello che sta sull’altare, ma anche quello che è raccolto attorno all’altare. Il corpo del Signore siamo anche noi, è tutta l’umanità. Non si può separare la fede in Dio dalla fede nell’uomo. Noi l’abbiamo a volte separata, per cui la fede in Dio ha provocato il disprezzo dell’uomo. Ci sono “credenti” che trasudano disprezzo per l’uomo; il loro fervore religioso è una copertura, una sublimazione del disprezzo dell’uomo. La nostra eucaristia si colloca all’interno del viaggio nella vita; questo incontro, questa processione, anche se ancora legata a ritmi e cerimoniali stabiliti, è però un appuntamento che ci ristora. Essere cristiani significherà in futuro solo questo: celebrare nell’eucaristia la storia e la vita di tutti i credenti. E forse potremo un giorno mettere sull’altare, oltre al messale, anche il giornale quotidiano, e celebrare così l’eucaristia, e fare anche la predica con la Bibbia nella destra e il giornale nella sinistra. Noi siamo gli esegeti della novità! Come cambierebbero le nostre liturgie se esse fossero davvero celebrate nel cuore della vita e della storia e non ai margini del villaggio, come diceva D. Bonhoeffer! Il Corpus Domini è in qualche modo anche il Corpus hominis, la celebrazione della grandezza di Dio attraverso la piccolezza delle cose umane, scelte da Dio per entrare in comunione con noi. Se tutto questo è vero, allora le nostre piccole cose diventano grandi cose, epifania di Dio!

Dalla cena alla messa! Dalla messa alla processione!

Ha scritto Castillo J. M. che la cena del Signore ha subito tanti cambiamenti, a partire da Gesù, che oggi risulta semplicemente irriconoscibile. Perché, da una “cena che ricrea ed innamora” (Giovanni della Croce), è passata ad essere una cerimonia religiosa, che ogni giorno si capisce sempre meno ed interessa meno persone. Non si sa quando abbia smesso di essere una cena di intimità e di amore e si sia trasformata in un rituale sacro. Di sicuro, a partire dal sec. VIII il rituale si è separato dai fedeli, ha continuato ad essere celebrato in latino, benché la gente avesse già iniziato a parlare le lingue attuali, la “diceva” un prete di spalle al popolo e la “ascoltava” un popolo al quale ha iniziato ad interessare soprattutto il “vedere l’ostia consacrata”; con questo l’eucaristia ha smesso di essere un atto della comunità ed è passata ad essere un privilegio del clero. Così il “miracolo”, il “mistero” e la “autorità” hanno prevalso. Perché sono “le tre forze capaci di soggiogare per sempre la coscienza dei deboli” (F. Dostoevskij). E questo ci è rimasto: messe con le quali il clero mantiene il suo potere ed i suoi vantaggi (anche economici), alle quali assistono normalmente persone anziane, alle quali risulta difficile comprendere la messa, atti sociali per mettere in luce alcuni o liturgie pompose che nessuno sa a che cosa servano. È urgente rinnovare l’esperienza originale della Cena di Gesù. È una delle urgenze più grandi che ha la Chiesa in questo momento. E tutti dovremmo chiederlo ai preti, ai vescovi, alla Curia Vaticana. È responsabilità di tutti. Buona vita!

(* Gruppo Biblico ebraico-cristiano)

 

Newsletter
Aprile-maggio
2017

NLaprile-maggio2017

invetrina2

I cammini
Un'esperienza di pellegrinaggio 
per i giovani

via-francigena

Per accompagnare
i cammini
Lo zaino del pellegrino giovane

vie

Sinodo sui giovani 
Un osservatorio
Commenti. riflessioni, proposte  

sinodogiovani

Storia "artistica"
della salvezza 

agnolo bronzino discesa di cristo al limbo 1552 dettaglio2

Con o senza Te
#nonèlastessacosa
Proposta pastorale MGS 2016-17 
 

tornarea

Interpellati 
da Gesù

interpellatidagesu

Società, giovani 
e ragazzi
Aspetti socio-psico-pedagogici  

ragazziegiovani

L'educatore
competente
 
Formazione e spiritualità
 

educatore competente

Istituzioni, luoghi, 
contesti educativi 
 

cittaeducativa

Santi e testimoni 
di ieri e di oggi
Proposta di un cammino spirituale 
 

Icona Martiri2016

Educazione 
e bellezza 
 

educazione bellezza

Sussidi e materiali 
x l'animatore in gruppo 
 

cassetta

Newsletter NPG



Ricevi HTML?

PGNEWS

stampa

NPG: appunti 
per una storia

2010 SDB - NPG Logo 02 XX

Lo zibaldone. 
Di tutto un po'
Tra letteratura, arte e pastorale...

zibaldone

rubriche

Le 10 Parole 
(Ravasi, RadioRai,
Di Sante)

tavoledellalegge

Pedagogia 
interculturale

pedagogia interculturale

 Frammenti di fede
nel quotidiano
Dio, Cristo, Maria. Chiesa
 

fedenelquotidiano

I giovani 
e Maria
Comprensione e devozione cristiana

mariadinazareth

Corporeità e
pastorale giovanile

corporeita

Educazione 
e mistica

meistereckhart

Formazione 
(giovani) animatori

giovani -_pastorale_giovanile_animatori

Educare
alla Costituzione

costituzione

Le interviste: 
PG e...

interviste

LIVE

webtvpic

Il numero di NPG 
in corso
Aprile - Maggio 2017

00NPGcoveraprilemaggiohomepage

novita

ipad-newspaper-G

Le ANNATE di NPG 
1967-2017 
 

annateNPG

I DOSSIER di NPG 
(dall'ultimo ai primi) 
 

dossier

Le RUBRICHE NPG 
(in ordine alfabetico)
Alcune ancora da completare 
 

Rubriche

Gli AUTORI di NPG
ieri e oggi 

pennapennino

Gli EDITORIALI NPG 
1967-2017 
 

editorialeRIDOTTO

INDICI NPG
50 ANNI
 
Voci tematiche - Autori - Dossier

search

VOCI TEMATICHE 
di NPG
(in ordine alfabetico) 
 

dizionario

I LIBRI di NPG 
Giovani e ragazzi,
educazione, pastorale
 

libriNPG

I «QUADERNI» 
dell'animatore

quaderni

 

Alcuni PERCORSI 
educativo-pastorali in NPG
 

percorsi

I SEMPREVERDI 
I migliori DOSSIER di NPG 
 

vite N1

NOTE'S GRAFFITI 
Materiali di lavoro
con gruppi di ragazzi e adolescenti 
 

medium

Un percorso di spiritualità
per giovani

spirit-giovanile

Teologia e antropologia 
per la pastorale
Contributi NPG dal 1996 al 2016 
 

statuetta-buon-pastore

Cantieri
dell'anima
Piste educative estemporanee

cantieredellanima

Temi biblici
per la PG
e la spiritualità
 

bibbia-rubriche

Alla scuola
di Gesù
Percorsi di Giubileo

allascuoladigesu

Semi di
spiritualità
Il senso nei frammenti

spighe

 

Maestro, 
dove abiti?

merc28mag

Itinerari 
di educazione  
alla fede

Sentiero 02

Temi 
«generatori»
Pastorale e spiritualità giovanile

inprimopiano

Imparare
a pregare
Obiettivi, metodi, esperienze

lorante

Vocazione,
vocazioni
Nella Chiesa, per il mondo

vocazione

Interiorità
questa inattuale
L'educazione del e dal profondo

reiki 02

PG per la vita 
e la speranza
Un approccio «scientifico» alla PG

giov

Amore 
giovane
Temi di pastorale del fidanzamento

giovani-amore-internet

Educazione 
alla virtù

virtu

SOCIAL AREA

 
socialareaok2 r1_c1_s1 socialareaok2 r1_c2_s1 socialareaok2 r1_c3_s1 socialareaok2 r1_c4_s1

Contattaci

Note di pastorale giovanile
via Marsala 42
00185 Roma

Telefono: 06 49 40 442

Fax: 06 44 63 614

Email

MAPPE del SITO 
per navigare con una bussola

mappesito

PROGRAMMAZIONE
NPG 2017

programmazione

La DOTTRINA SOCIALE 
della Chiesa

dottrina

Le INTERVISTE: 
PG e...

interviste

cospes vis tgs cnosfap cgs cnosscuola scsOK1 cnossport
Salesiani di Don Bosco Figlie di Maria Ausiliatrice editrice elledici università pontificia salesiana Servizio nazionale di pastorale giovanile Movimento Giovanile Salesiano salesitalia Mision Joven Dimensioni Mondo Erre DonBoscoland Scritti di Don Bosco ans bollettino
LogoMGSILE valdocco missioni missionitv asc exallievi vcdb mor ICC icp ILE ime ine isi