Stampa
PDF

 

Una trasgressione

lecita

Fratel Luciano - Bose

9 settembre 2017


In quel tempo in giorno di 1 sabato Gesù passava fra campi di grano e i suoi discepoli coglievano e mangiavano le spighe, sfregandole con le mani. 2 Alcuni farisei dissero: «Perché fate in giorno di sabato quello che non è lecito?». 3 Gesù rispose loro: «Non avete letto quello che fece Davide, quando lui e i suoi compagni ebbero fame? 4 Come entrò nella casa di Dio, prese i pani dell'offerta, ne mangiò e ne diede ai suoi compagni, sebbene non sia lecito mangiarli se non ai soli sacerdoti?». 5 E diceva loro: «Il Figlio dell'uomo è signore del sabato».
Lc 6,1-5

Nella Scrittura il sabato è il giorno memoriale della creazione e della redenzione, è il giorno “per il Signore” (Dt 5,14), è tempo altro, santo, che l’uomo è chiamato a “osservare”. Osservare il sabato è una confessione di fede: non l’uomo con il suo operare manda avanti il mondo, ma Dio. La cessazione del lavoro rende il sabato anche giorno “per l’uomo”. E Gesù conduce alle estreme conseguenze il fatto che “il sabato è fatto per l’uomo” (Mc 2,27), per la sua libertà e pienezza di vita. Normalmente l’attività di Gesù in giorno di sabato consiste nel curare persone malate anche quando non sono in pericolo di vita o sono afflitte da malattie croniche. Si pensi alla donna curva da diciotto anni, “raddrizzata” da Gesù in giorno di sabato, cosa che suscita questo rimprovero da parte del capo della sinagoga: “Ci sono sei giorni in cui si deve lavorare, in quelli dunque venite a farvi guarire e non in giorno di sabato” (Lc 13,14).
Nel nostro testo, invece, Gesù giustifica i suoi discepoli che, in un momento di bisogno, hanno strappato spighe in giorno di sabato, azione ritenuta proibita dai farisei. In verità, come recita il Talmud: “Le prescrizioni sul sabato assomigliano a montagne appese a un capello perché si fondano su pochi testi scritturistici e su molti precetti”. In effetti, in Esodo 34,21 si proibisce di arare e di mietere di sabato, ma in epoca più tarda anche raccogliere poche spighe di grano era considerato mietitura.
Spesso, negli ambienti religiosi, le osservanze e i precetti diventano sempre più dettagliati, minuziosi e, nel loro insieme, mastodontici, un vero ginepraio che impegna le energie del credente a osservare dettagli insignificanti e a credere che siano volere di Dio.
Gesù si muove all’interno della liberante distinzione tra mezzi e fini della vita spirituale. Le istituzioni religiose sono a servizio dell’uomo, che è la vera immagine di Dio nel mondo, e qualora divenissero il fine a cui l’uomo tende, si muterebbero in idoli. Ogni istituzione, usanza e tradizione religiosa, per quanto santa, se diviene semplicemente segno identitario di un gruppo, smarrendo la sua portata teologica e spirituale, si corrompe in dato sociologico e culturale e diventa manipolabile a piacimento. Scrive Pascal: “Ci si può fare un idolo della stessa verità; infatti, la verità senza la carità non è Dio; è solo un idolo che non bisogna amare né adorare”.
Dal paragone che Gesù poi istituisce con l’episodio di David e dei suoi compagni che, spinti dalla fame, fecero ciò che è illecito, mangiando i pani dell’offerta, che solo i sacerdoti potevano mangiare, emerge un criterio che guida Gesù nel suo agire: il bisogno dell’uomo giustifica azioni che possono trasgredire tradizioni, leggi e prescrizioni religiose. Del resto, diceva già il libro dei Proverbi: “Non si disapprova il ladro, se ruba per soddisfare l’appetito della fame” (Pr 6,30). Esiste dunque una trasgressione lecita, anzi doverosa, che onora la volontà di Dio.
Sempre l’agire di Gesù è mosso da due criteri di discernimento: la persona umana e la sua integrità; la volontà di Dio colta nel suo cuore, nella sua purezza sorgiva, a monte delle consuetudini e osservanze che gli uomini ne hanno ricavato.

Newsletter
Novembre 2017

NL-novembre17

Temi di PU 
(pastorale universitaria)

temi di PU

 Il Vangelo
del giorno
(Monastero di Bose)

Lezionario 1

Sinodo sui giovani 
Un osservatorio
Commenti. riflessioni, proposte  

sinodogiovani

Temi 
«generatori»
Pastorale e spiritualità giovanile

inprimopiano

invetrina2

Storia "artistica"
della salvezza 

agnolo bronzino discesa di cristo al limbo 1552 dettaglio2

I cammini
Un'esperienza di pellegrinaggio 
per i giovani

via-francigena

Per accompagnare
i cammini
Lo zaino del pellegrino giovane

vie

Percorsi geografici
culturali e religiosi
Lettere da ogni parte del mondo

percorsiruozi

Newsletter NPG



Ricevi HTML?

PGNEWS

stampa

Lo zibaldone. 
Di tutto un po'
Tra letteratura, arte e pastorale...

zibaldone

rubriche

Società, giovani 
e ragazzi
Aspetti socio-psico-pedagogici  

ragazziegiovani

Sussidi e materiali 
x l'animatore in gruppo 
 

cassetta

LIVE

webtvpic

Il numero di NPG 
in corso
Novembre 2017

cop-nov2017-400

Progettare PG

progettare

novita

ipad-newspaper-G

NPG: appunti 
per una storia

2010 SDB - NPG Logo 02 XX

Le ANNATE di NPG 
1967-2017 
 

annateNPG

I DOSSIER di NPG 
(dall'ultimo ai primi) 
 

dossier

Le RUBRICHE NPG 
(in ordine alfabetico)
Alcune ancora da completare 
 

Rubriche

Gli AUTORI di NPG
ieri e oggi 

pennapennino

Gli EDITORIALI NPG 
1967-2017 
 

editorialeRIDOTTO

INDICI NPG
50 ANNI
 
Voci tematiche - Autori - Dossier

search

VOCI TEMATICHE 
di NPG
(in ordine alfabetico) 
 

dizionario

I LIBRI di NPG 
Giovani e ragazzi,
educazione, pastorale
 

libriNPG

I «QUADERNI» 
dell'animatore

quaderni

 

Alcuni PERCORSI 
educativo-pastorali in NPG
 

percorsi

I SEMPREVERDI 
I migliori DOSSIER di NPG 
 

vite N1

NOTE'S GRAFFITI 
Materiali di lavoro
con gruppi di ragazzi e adolescenti 
 

medium

SOCIAL AREA

 
socialareaok2 r1_c1_s1 socialareaok2 r1_c2_s1 socialareaok2 r1_c3_s1 socialareaok2 r1_c4_s1

Contattaci

Note di pastorale giovanile
via Marsala 42
00185 Roma

Telefono: 06 49 40 442

Fax: 06 44 63 614

Email

MAPPE del SITO 
per navigare con una bussola

mappesito

PROGRAMMAZIONE
NPG 2017

programmazione

La DOTTRINA SOCIALE 
della Chiesa

dottrina

Le INTERVISTE: 
PG e...

interviste

cospes vis tgs cnosfap cgs cnosscuola scsOK1 cnossport
Salesiani di Don Bosco Figlie di Maria Ausiliatrice editrice elledici università pontificia salesiana Servizio nazionale di pastorale giovanile Movimento Giovanile Salesiano salesitalia Mision Joven Dimensioni Mondo Erre DonBoscoland Scritti di Don Bosco ans bollettino
LogoMGSILE valdocco missioni missionitv asc exallievi vcdb mor ICC icp ILE ime ine isi