Stampa
PDF

 

Religione e vita

Fratel Ludwig - Bose

11 settembre 2017


In quel tempo 6 un sabato egli entrò nella sinagoga e si mise a insegnare. C'era là un uomo che aveva la mano destra paralizzata.7 Gli scribi e i farisei lo osservavano per vedere se lo guariva in giorno di sabato, per trovare di che accusarlo. 8 Ma Gesù conosceva i loro pensieri e disse all'uomo che aveva la mano paralizzata: «Àlzati e mettiti qui in mezzo!». Si alzò e si mise in mezzo. 9 Poi Gesù disse loro: «Domando a voi: in giorno di sabato, è lecito fare del bene o fare del male, salvare una vita o sopprimerla?». 10 E guardandoli tutti intorno, disse all'uomo: «Tendi la tua mano!». Egli lo fece e la sua mano fu guarita. 11 Ma essi, fuori di sé dalla collera, si misero a discutere tra loro su quello che avrebbero potuto fare a Gesù.
Lc 6,6-11

Secondo la tradizione di Israele, in obbedienza alla rivelazione data dal Signore a Mosè sul Sinai (cf. Es 20,8-11; Dt 5,12-15), il sabato è giorno in cui non si lavora. Questo per riconoscere la signoria di Dio, per dedicarsi con più attenzione e disponibilità di tempo alla lode a lui, “l’Amante della vita” (Sap 11,26). Ma come può celebrare in pienezza la vita, rispondendo alla volontà originaria del Signore, chi è prostrato nel corpo o nello spirito, chi è menomato? Gesù lo sa bene, per questo altrove dice, con una semplicità disarmante eppure così “strana” per i professionisti della religione: “Il sabato è stato fatto per l’uomo e non l’uomo per il sabato” (Mc 2,27).
Il nostro brano ci presenta un caso evidentissimo a cui questo principio può, anzi deve essere applicato. Mentre Gesù insegna in sinagoga, scorge nell’assemblea liturgica un uomo la cui mano destra è paralizzata. Il suo sguardo coglie il bisogno di questa persona, mentre lo sguardo di scribi e farisei spia il comportamento di Gesù, “per vedere se lo guarisce in giorno di sabato, e così accusarlo”. Quale differenza di sguardo, dunque di cuore! E soprattutto, che triste esempio di cattiveria questo secondo sguardo, vera violazione interiore del giorno che dovrebbe essere dedicato al Signore…
Ma Gesù non si cura di loro, la sua attenzione va al bisogno dell’uomo in difficoltà. Per questo gli chiede di mettersi in mezzo, così che tutti possano vederlo e il suo bisogno sia il vero centro del sabato. Poi, rivolto a quanti lo disprezzano con lo sguardo e i pensieri del cuore, pone una domanda semplicissima: “In giorno di sabato, è lecito fare il bene o fare il male, salvare una vita o sopprimerla?”. La risposta sembrerebbe ovvia. Eppure non arriva, come precisa Marco: “Ma essi tacevano” (Mc 3,4). Perché? Perché pongono la legge religiosa al di sopra del bene dell’essere umano, della vita. Perché preferiscono mettere in cattiva luce Gesù piuttosto che riconoscere che ha ragione. Lo stesso avverrà più avanti, come solo Luca attesta (cf. Lc 14,1-6), sempre in giorno di sabato, sempre in presenza di un uomo malato, sempre di fronte a uomini religiosi che contestano Gesù per una sua azione di cura umana. Lì Gesù chiederà: “È lecito o no curare di sabato?”. Poi, visto il loro consueto silenzio: “Chi di voi, se un figlio o un bue gli cade nel pozzo, non lo tirerà fuori subito in giorno di sabato?”. Un figlio o un bue…
Qui la conseguenza è già scritta: Gesù, “guardandoli tutti intorno”, ridona salute alla mano di quest’uomo, e così lo restituisce alla piena integrità, alla condizione di creatura voluta e amata da Dio (ben più che guarirlo!); gli altri, lividi di collera e odio, congiurano su come fare fuori Gesù. E così, nel giorno dedicato alla celebrazione della vita, sono immersi in trame di morte. Quale splendida celebrazione del sabato!
Ma concentriamoci sulle semplici domande di Gesù, e chiediamoci una buona volta: perché non capiamo (non accettiamo?) che la via aperta da Gesù, compimento della volontà originaria del Padre, è la via della vita, quella vita da potenziare, di cui godere e far godere in pienezza chi ci è accanto, ogni giorno? Ogni giorno è l’oggi di Dio, ogni giorno è celebrazione della vita. Perché insistiamo a far prevalere la religione sulla vita? Gesù ha detto, fatto, voluto il contrario.

Sinodo sui giovani 
Un osservatorio
Commenti. riflessioni, proposte  

logo-SINODO-GIOVANI-colori-295x300

Newsletter
Aprile-Maggio 2018

NL aprile-maggio 2018

Di animazione,
animatori
e altre questioni
NPG e «animazione culturale»

animatori

Newsletter NPG



Ricevi HTML?

invetrina2

Laboratorio
dei talenti 2.0
Una rubrica FOI

rubrica oratorio ridotta

No balconear 
Rubrica ispirata al/dal Papa
 

lostintranslation 1

Sulle spalle... 
dei giganti

giganti

Temi di PU 
(pastorale universitaria)

temi di PU

rubriche

 Il Vangelo
del giorno
(Monastero di Bose)

Lezionario 1

Storia "artistica"
della salvezza 

agnolo bronzino discesa di cristo al limbo 1552 dettaglio2

I cammini 
Una proposta-esperienza
per i giovani
e materiali utili

vie

Bellezza, arte 
e PG
(e lettere dal mondo)

arteepg

Etty Hillesum 
una spiritualità
per i giovani

 Etty

Semi di
spiritualità
Il senso nei frammenti

spighe

 

Lo zibaldone. 
Di tutto un po'
Tra letteratura, arte e pastorale...

zibaldone

Società, giovani 
e ragazzi
Aspetti socio-psico-pedagogici  

ragazziegiovani

Sussidi e materiali 
x l'animatore in gruppo 
 

cassetta

LIVE

Il numero di NPG 
in corso
Estate 2018

cop estate2018

Il numero di NPG 
in corso
Settembre-Ottobre 2018

cop sett-ott2018

Post It

1. Stiamo allestendo insieme, per un'unica spedizione il numero estivo e quello di settembre-ottobre di NPG. Il primo riporta i materiali di approfondimento per la proposta educativo-pastorale salesiana ("Io sono una missione - #perlavitadeglialtri") e il secondo è sul Sinodo "Nel cuore del Sinodo. Temi generativi, sfide provocatorie, inviti alla conversione")

2. Uno splendido omaggio ai nostri abbonati: il libretto dell'INSTRUMENTUM LABORIS del Sinodo, in allegato alla spedizione dei due NPG di cui sopra

3. On line tutta NPG fino all'annata 2013 (come promesso, fino a 5 anni fa), e pulizia-aggiornamento definitivo dei files delle annate precedenti

Progettare PG

progettare

novita

ipad-newspaper-G

NPG: appunti 
per una storia

2010 SDB - NPG Logo 02 XX

Le ANNATE di NPG 
1967-2018 
 

annateNPG

I DOSSIER di NPG 
(dall'ultimo ai primi) 
 

dossier

Le RUBRICHE NPG 
(in ordine alfabetico)
Alcune ancora da completare 
 

Rubriche

Gli AUTORI di NPG
ieri e oggi 

pennapennino

Gli EDITORIALI NPG 
1967-2018 
 

editorialeRIDOTTO

INDICI NPG
50 ANNI
 
Voci tematiche - Autori - Dossier

search

VOCI TEMATICHE 
di NPG
(in ordine alfabetico) 
 

dizionario

I LIBRI di NPG 
Giovani e ragazzi,
educazione, pastorale
 

libriNPG

I «QUADERNI» 
dell'animatore

quaderni

 

Alcuni PERCORSI 
educativo-pastorali in NPG
 

percorsi

I SEMPREVERDI 
I migliori DOSSIER di NPG 
 

vite N1

NOTE'S GRAFFITI 
Materiali di lavoro
con gruppi di ragazzi e adolescenti 
 

medium

webtvpic

SOCIAL AREA

 
socialareaok2 r1_c1_s1 socialareaok2 r1_c2_s1 socialareaok2 r1_c3_s1 socialareaok2 r1_c4_s1

Contattaci

Note di pastorale giovanile
via Marsala 42
00185 Roma

Telefono: 06 49 40 442

Fax: 06 44 63 614

Email

MAPPE del SITO 
navigare con una bussola

mappesito 1

PROGRAMMAZIONE
NPG 2018

programmazione 1

LECTIO DIVINA 
o percorsi biblici

lectiodivina 1 

DOTTRINA SOCIALE 
della Chiesa

dottrina 1

LE INTERVISTE: 
PG e...

interviste 1

ENTI CNOS

cospes tgs cnosfap cgs cnosscuola scsOK1 cnossport

SITI AMICI

Salesiani di Don Bosco Figlie di Maria Ausiliatrice editrice elledici università pontificia salesiana Servizio nazionale di pastorale giovanile Movimento Giovanile Salesiano salesitalia Mision Joven Dimensioni Mondo Erre DonBoscoland Scritti di Don Bosco ans bollettino
LogoMGSILE valdocco missioni vis asc exallievi vcdb mor ICC icp ILE ime ine isi