Stampa
PDF

 

Viva immagine

di Cristo

Fratel Emanuele - Bose

4 ottobre 2017


25 In quel tempo Gesù disse: «Ti rendo lode, Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai nascosto queste cose ai sapienti e ai dotti e le hai rivelate ai piccoli. 26 Sì, o Padre, perché così hai deciso nella tua benevolenza. 27 Tutto è stato dato a me dal Padre mio; nessuno conosce il Figlio se non il Padre, e nessuno conosce il Padre se non il Figlio e colui al quale il Figlio vorrà rivelarlo. 28 Venite a me, voi tutti che siete stanchi e oppressi, e io vi darò ristoro. 29 Prendete il mio giogo sopra di voi e imparate da me, che sono mite e umile di cuore, e troverete ristoro per la vostra vita. 30 Il mio giogo infatti è dolce e il mio peso leggero».
Mt 11,25-30

“Ti rendo lode, Padre…”, cioè ti riconosco, ti confesso e ti rendo grazie. Tutta la vita del Cristo trova in questo inno di ringraziamento il suo compendio, e quelle parole risuonano poi sulle labbra dei discepoli di Gesù, quando sanno riconoscere che tutto ci è stato donato e consegnato da quel Padre che – attraverso il Figlio – ci apre l’accesso alla rivelazione e alla conoscenza del suo mistero di benevolenza.
“Se si vuol conoscere un uomo, bisogna cercare Colui verso il quale la sua vita è segretamente rivolta, Colui al quale, più che a qualsiasi altro, egli parla, anche quando in apparenza si rivolge a noi. Tutto dipende da quest’Altro che si è scelto. Tutto dipende da Colui al quale si rivolge in silenzio, per ottenere la considerazione del quale ha messo insieme fatti e prove, per amore del quale ha fatto della sua vita quello che è” (Ch. Bobin). Il Cristo è esattamente questo Figlio, tutto rivolto verso il Padre, dal quale è uscito e al quale fa ritorno (cf. Gv 16,28). Allo stesso modo, ritroviamo questa stessa “estroversione” in Francesco d’Assisi – di cui in questo giorno la liturgia fa memoria –, il giullare di Dio, l’alter Christus, tutto teso a cantare, con la propria esistenza, il Dio delle misericordie: “Altissimu, onnipotente, bon Signore, tue so’ le laude, la gloria e l’honore et onne benedizione. Ad Te solo, Altissimo, se konfane e nullu homo ène dignu Te mentovare” (Laudes creaturarum: Fonti Francescane 263).
E oggi la Chiesa ripete questo canto di lode riconoscendo che in san Francesco Dio ha offerto alla sua Chiesa una viva immagine di Cristo (cf. Messale Romano, orazione colletta). Il santo di Assisi è uno di quei “piccoli” che hanno saputo scorgere, accogliere e vivere il mistero dell’amore: mistero di un amore appassionato e crocifisso, di un amore in ginocchio, di un amore umile nella nudità della sua spoliazione, di un amore contraddetto e incompreso, perché non conforme alle logiche del mondano; un amore che sfugge al sapere rassicurante dei sapienti e all’arroganza degli intellettuali. Come diceva Francesco a frate Leone: “Se ’l frate minore sapesse tutte le lingue e tutte le scienze e tutte le scritture, sì che sapesse profetare e rivelare, non solamente le cose future, ma eziandio li segreti delle coscienze e delli uomini: iscrivi che non è in ciò perfetta letizia” (Fioretti, c. VIII: FF 1836).
La pienezza della gioia, invece, è affidata alle mani e al cuore di quegli stanchi e oppressi che cercano riposo e sollievo nella mitezza e nell’umiltà di Cristo, portando su di sé il suo giogo dolce e il suo peso leggero. Mitezza e umiltà – troppo spesso confuse con debolezza e impotenza, e bollate come virtù dei vinti – sono in realtà l’evento di una forza dolce e di una dolcezza forte. La mitezza si manifesta nella volontà e nella capacità di porre un limite alla propria forza, dominandola, governandola, addomesticandola e orientandola verso la vita. L’umiltà è la tensione del cuore di chi cerca di aderire alla realtà, di restare fedele alla terra, di fare la verità su di sé, posando uno sguardo sincero sui propri doni e sui propri limiti: “Signore, non si esalta il mio cuore né i miei occhi guardano troppo in alto; non vado cercando cose grandi né meraviglie più alte di me” (Sal 131,1).
In tal modo, i giorni errabondi e festanti di Francesco hanno raccontato la “piccolezza” di un’esistenza resa conforme alla mitezza di Cristo e così resa degna di venir “sommersa nell’abisso della chiarità divina” (Bonaventura, Legenda maior 14,6: FF 1243).

Newsletter
Sett.-Ott.2017

sett-ott2017

Temi di PU 
(pastorale universitaria)

temi di PU

 Il Vangelo
del giorno
(Monastero di Bose)

Lezionario 1

Sinodo sui giovani 
Un osservatorio
Commenti. riflessioni, proposte  

sinodogiovani

Temi 
«generatori»
Pastorale e spiritualità giovanile

inprimopiano

invetrina2

Storia "artistica"
della salvezza 

agnolo bronzino discesa di cristo al limbo 1552 dettaglio2

I cammini
Un'esperienza di pellegrinaggio 
per i giovani

via-francigena

Per accompagnare
i cammini
Lo zaino del pellegrino giovane

vie

Percorsi geografici
culturali e religiosi
Lettere da ogni parte del mondo

percorsiruozi

Newsletter NPG



Ricevi HTML?

PGNEWS

stampa

Lo zibaldone. 
Di tutto un po'
Tra letteratura, arte e pastorale...

zibaldone

rubriche

Società, giovani 
e ragazzi
Aspetti socio-psico-pedagogici  

ragazziegiovani

Sussidi e materiali 
x l'animatore in gruppo 
 

cassetta

LIVE

webtvpic

Il numero di NPG 
in corso
Sett-Ottobre 2017

2017NPGsettembre-ottobre

Progettare PG

progettare

novita

ipad-newspaper-G

NPG: appunti 
per una storia

2010 SDB - NPG Logo 02 XX

Le ANNATE di NPG 
1967-2017 
 

annateNPG

I DOSSIER di NPG 
(dall'ultimo ai primi) 
 

dossier

Le RUBRICHE NPG 
(in ordine alfabetico)
Alcune ancora da completare 
 

Rubriche

Gli AUTORI di NPG
ieri e oggi 

pennapennino

Gli EDITORIALI NPG 
1967-2017 
 

editorialeRIDOTTO

INDICI NPG
50 ANNI
 
Voci tematiche - Autori - Dossier

search

VOCI TEMATICHE 
di NPG
(in ordine alfabetico) 
 

dizionario

I LIBRI di NPG 
Giovani e ragazzi,
educazione, pastorale
 

libriNPG

I «QUADERNI» 
dell'animatore

quaderni

 

Alcuni PERCORSI 
educativo-pastorali in NPG
 

percorsi

I SEMPREVERDI 
I migliori DOSSIER di NPG 
 

vite N1

NOTE'S GRAFFITI 
Materiali di lavoro
con gruppi di ragazzi e adolescenti 
 

medium

SOCIAL AREA

 
socialareaok2 r1_c1_s1 socialareaok2 r1_c2_s1 socialareaok2 r1_c3_s1 socialareaok2 r1_c4_s1

Contattaci

Note di pastorale giovanile
via Marsala 42
00185 Roma

Telefono: 06 49 40 442

Fax: 06 44 63 614

Email

MAPPE del SITO 
per navigare con una bussola

mappesito

PROGRAMMAZIONE
NPG 2017

programmazione

La DOTTRINA SOCIALE 
della Chiesa

dottrina

Le INTERVISTE: 
PG e...

interviste

cospes vis tgs cnosfap cgs cnosscuola scsOK1 cnossport
Salesiani di Don Bosco Figlie di Maria Ausiliatrice editrice elledici università pontificia salesiana Servizio nazionale di pastorale giovanile Movimento Giovanile Salesiano salesitalia Mision Joven Dimensioni Mondo Erre DonBoscoland Scritti di Don Bosco ans bollettino
LogoMGSILE valdocco missioni missionitv asc exallievi vcdb mor ICC icp ILE ime ine isi