Stampa
PDF

 

Il giorno
che Abramo vide

Fratel Goffredo - Bose

9 ottobre 2017


In quel tempo Gesù disse:" 50 Io non cerco la mia gloria; vi è chi la cerca, e giudica. 51 In verità, in verità io vi dico: se uno osserva la mia parola, non vedrà la morte in eterno». 52 Gli dissero allora i Giudei: «Ora sappiamo che sei indemoniato. Abramo è morto, come anche i profeti, e tu dici: «Se uno osserva la mia parola, non sperimenterà la morte in eterno». 53 Sei tu più grande del nostro padre Abramo, che è morto? Anche i profeti sono morti. Chi credi di essere?». 54 Rispose Gesù: «Se io glorificassi me stesso, la mia gloria sarebbe nulla. Chi mi glorifica è il Padre mio, del quale voi dite: «È nostro Dio!», 55 e non lo conoscete. Io invece lo conosco. Se dicessi che non lo conosco, sarei come voi: un mentitore. Ma io lo conosco e osservo la sua parola. 56 Abramo, vostro padre, esultò nella speranza di vedere il mio giorno; lo vide e fu pieno di gioia». 57 Allora i Giudei gli dissero: «Non hai ancora cinquant'anni e hai visto Abramo?». 58 Rispose loro Gesù: «In verità, in verità io vi dico: prima che Abramo fosse, Io Sono».
Gv 8,50-58

Oggi celebriamo la festa di Abramo, il padre dei credenti perché è il primo che ha creduto nel Dio unico e uno. Il Dio nel quale credono gli ebrei, i cristiani e i musulmani è il Dio di Abramo.
Abramo è il primo uomo al quale Dio parla: “Il Signore parlò ad Abramo: Vattene dalla tua terra … Abramo partì come gli aveva ordinato il Signore” (Gen 12,1.4). Per la prima volta Dio rivolge la sua parola a un uomo e, per la prima volta, un uomo l’ascolta e obbedisce: qui è nata la fede. “Abramo ha fatto la fede senza professarla” (Paolo De Benedetti).
Nella parola che Dio gli rivolge Abramo impara a conoscere un Dio che nessuno conosceva. La conoscenza di Dio è all'istante per lui una chiamata interiore a uscire dalla sua terra per iniziare il cammino verso se stesso. Questo è il vero luogo che resterà per Abramo, come per ogni credente, la terra promessa e mai posseduta. L’interiorità di quest’uomo che ha conosciuto lo sradicamento dalla patria e l’erranza di chi è senza terra sarà l’abitazione eterna per i giusti credenti accolti “nel seno di Abramo”. “Partì senza sapere dove andava”, scrive di Abramo la Lettera agli Ebrei (8,11), a dire che la fede è sempre un viaggio e credere significa scegliere per sé la difficile condizione di chi inizia un cammino che non sa dove lo porterà.
Abramo è spinto da Dio fino ai confini della fede oltre i quali non è possibile andare e lui obbedisce sempre, anche nell’oscurità (il sacrificio sospeso di Isacco), rivelandosi come l’uomo che ha creduto alle promesse di Dio anche quando le vede crollare una dopo l’altra. La sua vocazione è credere, per questo vive nella fede e muore nella fede senza aver ottenuto i beni promessi che intravede e saluta soltanto da lontano (cf. Eb 11,13). La fede di Abramo insegna a tutti i credenti che credere nelle promesse di Dio è più importante che ottenere quello che Dio promette. La fede non si misura dai risultati, ma dai frutti.
Gesù è “figlio di Abramo” (Mt 1,1), un frutto della fede del primo credente nella promessa di una discendenza incalcolabile come le stelle del cielo. Ai capi dei Giudei che nella pagina del Vangelo di oggi rifiutano di riconoscere in Gesù l’inviato di Dio, e in sostanza gli pongono la domanda “Ma tu chi sei?”, Gesù risponde non facendo di Abramo un suo antagonista, come loro vorrebbero, ma facendo di lui un suo testimone: “Abramo, vostro padre, esultò nella speranza di vedere il mio giorno; lo vide e fu pieno di gioia”. Come Abramo, per fede, ha gioito nel vedere realizzate le promesse di Dio compiute in Gesù, così i capi dei giudei sono invitati a riconoscere nel giorno di Gesù, il giorno messianico promesso a Israele. Da qui la rivelazione piena: “Prima che Abramo fosse, Io Sono”.
Ancora oggi noi speriamo e attendiamo di vedere il giorno del Messia, giorno nel quale si realizzerà pienamente la benedizione universale di Dio che, attraverso Abramo e i suoi figli, discende sull’intera umanità: ”In te saranno benedette tutte le genti della terra” (Gen 12,3). Attendiamo nella fede il giorno del riconoscimento del Dio uno e unico, giorno dell’incontro nella pace di tutti i figli di Abramo e dei credenti di tutte le fedi.

Newsletter
Dicembre 2017

NL-novembre17

Temi di PU 
(pastorale universitaria)

temi di PU

 Il Vangelo
del giorno
(Monastero di Bose)

Lezionario 1

Sinodo sui giovani 
Un osservatorio
Commenti. riflessioni, proposte  

logo-SINODO-GIOVANI-colori-295x300

Temi 
«generatori»
Pastorale e spiritualità giovanile

inprimopiano

invetrina2

Storia "artistica"
della salvezza 

agnolo bronzino discesa di cristo al limbo 1552 dettaglio2

I cammini
Un'esperienza di pellegrinaggio 
per i giovani

via-francigena

Per accompagnare
i cammini
Lo zaino del pellegrino giovane

vie

Percorsi geografici
culturali e religiosi
Lettere da ogni parte del mondo

percorsiruozi

Newsletter NPG



Ricevi HTML?

PGNEWS

stampa

Lo zibaldone. 
Di tutto un po'
Tra letteratura, arte e pastorale...

zibaldone

rubriche

Società, giovani 
e ragazzi
Aspetti socio-psico-pedagogici  

ragazziegiovani

Sussidi e materiali 
x l'animatore in gruppo 
 

cassetta

LIVE

webtvpic

Il numero di NPG 
in corso
Dicembre 2017

cop8-2017

Progettare PG

progettare

novita

ipad-newspaper-G

NPG: appunti 
per una storia

2010 SDB - NPG Logo 02 XX

Le ANNATE di NPG 
1967-2018 
 

annateNPG

I DOSSIER di NPG 
(dall'ultimo ai primi) 
 

dossier

Le RUBRICHE NPG 
(in ordine alfabetico)
Alcune ancora da completare 
 

Rubriche

Gli AUTORI di NPG
ieri e oggi 

pennapennino

Gli EDITORIALI NPG 
1967-2018 
 

editorialeRIDOTTO

INDICI NPG
50 ANNI
 
Voci tematiche - Autori - Dossier

search

VOCI TEMATICHE 
di NPG
(in ordine alfabetico) 
 

dizionario

I LIBRI di NPG 
Giovani e ragazzi,
educazione, pastorale
 

libriNPG

I «QUADERNI» 
dell'animatore

quaderni

 

Alcuni PERCORSI 
educativo-pastorali in NPG
 

percorsi

I SEMPREVERDI 
I migliori DOSSIER di NPG 
 

vite N1

NOTE'S GRAFFITI 
Materiali di lavoro
con gruppi di ragazzi e adolescenti 
 

medium

SOCIAL AREA

 
socialareaok2 r1_c1_s1 socialareaok2 r1_c2_s1 socialareaok2 r1_c3_s1 socialareaok2 r1_c4_s1

Contattaci

Note di pastorale giovanile
via Marsala 42
00185 Roma

Telefono: 06 49 40 442

Fax: 06 44 63 614

Email

MAPPE del SITO 
per navigare con una bussola

mappesito

PROGRAMMAZIONE
NPG 2018

programmazione

La DOTTRINA SOCIALE 
della Chiesa

dottrina

Le INTERVISTE: 
PG e...

interviste

cospes vis tgs cnosfap cgs cnosscuola scsOK1 cnossport
Salesiani di Don Bosco Figlie di Maria Ausiliatrice editrice elledici università pontificia salesiana Servizio nazionale di pastorale giovanile Movimento Giovanile Salesiano salesitalia Mision Joven Dimensioni Mondo Erre DonBoscoland Scritti di Don Bosco ans bollettino
LogoMGSILE valdocco missioni missionitv asc exallievi vcdb mor ICC icp ILE ime ine isi