Stampa
PDF

 

Una comunità più ampia

Sorella Francesca - Bose

10 marzo 2018

In quel tempo 38Giovanni disse a Gesù: «Maestro, abbiamo visto uno che scacciava demòni nel tuo nome e volevamo impedirglielo, perché non ci seguiva». 39Ma Gesù disse: «Non glielo impedite, perché non c'è nessuno che faccia un miracolo nel mio nome e subito possa parlare male di me:40chi non è contro di noi è per noi. 41Chiunque infatti vi darà da bere un bicchiere d'acqua nel mio nome perché siete di Cristo, in verità io vi dico, non perderà la sua ricompensa. 42Chi scandalizzerà uno solo di questi piccoli che credono in me, è molto meglio per lui che gli venga messa al collo una macina da mulino e sia gettato nel mare. 43Se la tua mano ti è motivo di scandalo, tagliala: è meglio per te entrare nella vita con una mano sola, anziché con le due mani andare nella Geènna, nel fuoco inestinguibile. [ 44] 45E se il tuo piede ti è motivo di scandalo, taglialo: è meglio per te entrare nella vita con un piede solo, anziché con i due piedi essere gettato nella Geènna. [ 46] 47E se il tuo occhio ti è motivo di scandalo, gettalo via: è meglio per te entrare nel regno di Dio con un occhio solo, anziché con due occhi essere gettato nella Geènna, 48doveil loro verme non muore e il fuoco non si estingue. 49Ognuno infatti sarà salato con il fuoco. 50Buona cosa è il sale; ma se il sale diventa insipido, con che cosa gli darete sapore? Abbiate sale in voi stessi e siate in pace gli uni con gli altri».
Mc 9,38-50

“Chi non è contro di noi è per noi” (v. 40). Nella comunità dei credenti non vi è chi sta dentro e chi fuori, non vi è una demarcazione spaziale dentro o fuori un gruppo. Gesù ammonisce i discepoli che credono questo. Egli fa aprire lo sguardo ad una dimensione inclusiva attorno e nella persona di Cristo.
Il “noi” di cui parla Gesù indica l’appartenenza ad una comunità più ampia, quelli che credono in lui e che lui stesso ha scelto perché stessero con lui, quelli che ascoltano la sua Parola e la mettono in pratica e non tanto chi si considera dentro o fuori la cerchia dei suoi seguaci.
Diverso è il “noi” di Giovanni (“non seguiva noi”: v. 38) che presuppone l’idea di superiorità, di primato di qualcuno rispetto la folla.
L’appartenenza, la sequela a Cristo, ci dice Gesù, è riferita a entrare in relazione con l’altro (“nel nome di Cristo”: vv. 38.39.41). Questo è l’invio che Gesù rivolge a tutti: “Questi saranno i segni che accompagneranno quelli che credono: nel mio nome scacceranno demoni … imporranno le mani ai malati ed essi guariranno” (Mc 16,17.18).
“Non c’è nessuno che faccia un miracolo nel mio nome e subito possa parlare male di me”( v. 39): Gesù denuncia un’appartenenza dettata dal potere del credente sul non credente, del forte sul debole. In ogni comunità ecclesiale, monastica o in ogni gruppo sociale la tentazione è di guardare a chi si considera degno dell’essere discepolo e ha diritto a esercitare un ruolo. Gesù risponde dicendo che nessuno che non si ponga contro il vangelo, la buona notizia, e quindi contro l’essere umano, non può essere considerato fuori dalla comunità e dal regno.
La difficoltà del mettere in comune le nostre differenze, le nostre opinioni è data spesso dal fatto che ciascuno vuole esercitare un potere sull’altro, una pretesa nell’avere la soluzione giusta, un cambiamento, un “miracolo” che metta d’accordo tutti. In realtà se assecondiamo le logiche di supremazia non favoriamo la comunione. Se l’alleanza è rafforzare la supremazia sul più debole è impensabile trovare un accordo comune che tenga conto di diritti e doveri di ogni uomo e ogni donna.
La buona notizia di Gesù invita perciò a riflettere non tanto su chi fa parte o meno di categorie, criteri, requisiti ma su dove c’è la possibilità di un bene più grande che oltrepassa il mio e il tuo confine. L’unica condizione posta è il non mettersi contro e cercare la pace gli uni per gli altri, l’unico schieramento ammesso è contro l’essere pietra d’inciampo, lo scandalo, il potere, la menzogna, l’ipocrisia, la contesa.
È con questo spirito che l’uomo ha su di sé il potere di scacciare i demoni perché agisce non contro Cristo, ma a favore dell’uomo che ne beneficia. Gesù ricorda che credere e seguire Cristo è credere e seguire la via dell’amore, vero luogo della sua presenza in mezzo a noi. “Credere Cristo, infatti, è la stessa cosa che amare Cristo” (Agostino di Ippona).

Sinodo sui giovani 
Un osservatorio
Commenti. riflessioni, proposte  

logo-SINODO-GIOVANI-colori-295x300

Newsletter
Speciale 2018
(Estate-Settembre-Ottobre)
NLspeciale2018

Di animazione,
animatori
e altre questioni
NPG e «animazione culturale»

animatori

Newsletter NPG



Ricevi HTML?

invetrina2

Laboratorio
dei talenti 2.0
Una rubrica FOI

rubrica oratorio ridotta

No balconear 
Rubrica ispirata al/dal Papa
 

lostintranslation 1

Sulle spalle... 
dei giganti

giganti

Temi di PU 
(pastorale universitaria)

temi di PU

rubriche

 Il Vangelo
del giorno
(Monastero di Bose)

Lezionario 1

Storia "artistica"
della salvezza 

agnolo bronzino discesa di cristo al limbo 1552 dettaglio2

I cammini 
Una proposta-esperienza
per i giovani
e materiali utili

vie

Bellezza, arte 
e PG
(e lettere dal mondo)

arteepg

Etty Hillesum 
una spiritualità
per i giovani

 Etty

Semi di
spiritualità
Il senso nei frammenti

spighe

 

Lo zibaldone. 
Di tutto un po'
Tra letteratura, arte e pastorale...

zibaldone

Società, giovani 
e ragazzi
Aspetti socio-psico-pedagogici  

ragazziegiovani

Sussidi e materiali 
x l'animatore in gruppo 
 

cassetta

LIVE

Il numero di NPG 
in corso
Settembre-Ottobre 2018

cop sett-ott2018

Il numero di NPG 
precedente
Estate 2018

cop estate2018

Post It

1. Abbiamo spedito agli abbonati, in un unico invio, il numero estivo (con i materiali di approfondimento per la proposta educativo-pastorale salesiana: "Io sono una missione - #perlavitadeglialtri") e quello di settembre-ottobre (sul Sinodo "Nel cuore del Sinodo. Temi generativi, sfide provocatorie, inviti alla conversione")

2. Uno splendido omaggio ai nostri abbonati: il libretto dell'INSTRUMENTUM LABORIS del Sinodo, in allegato alla spedizione dei due NPG di cui sopra

3. On line tutta NPG fino all'annata 2013 (come promesso, fino a 5 anni fa), e pulizia-aggiornamento definitivo dei files delle annate precedenti

Progettare PG

progettare

novita

ipad-newspaper-G

NPG: appunti 
per una storia

2010 SDB - NPG Logo 02 XX

Le ANNATE di NPG 
1967-2018 
 

annateNPG

I DOSSIER di NPG 
(dall'ultimo ai primi) 
 

dossier

Le RUBRICHE NPG 
(in ordine alfabetico)
Alcune ancora da completare 
 

Rubriche

Gli AUTORI di NPG
ieri e oggi 

pennapennino

Gli EDITORIALI NPG 
1967-2018 
 

editorialeRIDOTTO

INDICI NPG
50 ANNI
 
Voci tematiche - Autori - Dossier

search

VOCI TEMATICHE 
di NPG
(in ordine alfabetico) 
 

dizionario

I LIBRI di NPG 
Giovani e ragazzi,
educazione, pastorale
 

libriNPG

I «QUADERNI» 
dell'animatore

quaderni

 

Alcuni PERCORSI 
educativo-pastorali in NPG
 

percorsi

I SEMPREVERDI 
I migliori DOSSIER di NPG 
 

vite N1

NOTE'S GRAFFITI 
Materiali di lavoro
con gruppi di ragazzi e adolescenti 
 

medium

webtvpic

SOCIAL AREA

 
socialareaok2 r1_c1_s1 socialareaok2 r1_c2_s1 socialareaok2 r1_c3_s1 socialareaok2 r1_c4_s1

Contattaci

Note di pastorale giovanile
via Marsala 42
00185 Roma

Telefono: 06 49 40 442

Fax: 06 44 63 614

Email

MAPPE del SITO 
navigare con una bussola

mappesito 1

PROGRAMMAZIONE
NPG 2018

programmazione 1

LECTIO DIVINA 
o percorsi biblici

lectiodivina 1 

DOTTRINA SOCIALE 
della Chiesa

dottrina 1

LE INTERVISTE: 
PG e...

interviste 1

ENTI CNOS

cospes tgs cnosfap cgs cnosscuola scsOK1 cnossport

SITI AMICI

Salesiani di Don Bosco Figlie di Maria Ausiliatrice editrice elledici università pontificia salesiana Servizio nazionale di pastorale giovanile Movimento Giovanile Salesiano salesitalia Mision Joven Dimensioni Mondo Erre DonBoscoland Scritti di Don Bosco ans bollettino
LogoMGSILE valdocco missioni vis asc exallievi vcdb mor ICC icp ILE ime ine isi