Stampa
PDF

 

Il cielo è qualcuno!

Ascensione del Signore - Anno B

a cura di Franco Galeone *

icona-dell-ascensione-del-signore

La domenica di “Gesù, che manda gli apostoli a predicare il Vangelo”

1. La scena dell’ascensione di Gesù risorto al cielo è di grande suggestione, ed è anche stata commentata da musicisti come J. S. Bach e da pittori come Giotto, Beato Angelico, Perugino, Mantegna, Tintoretto, Rembrandt… L’evangelista Luca ci racconta due volte l’Ascensione di Gesù, ma con sfumature diverse: nel Vangelo, descrive il finale glorioso della vita pubblica di Gesù; negli Atti, invece, l’Ascensione è presentata come il punto di partenza dell’espansione missionaria della chiesa. La chiesa è chiamata a continuare la predicazione di Gesù; per questo gli angeli invitano gli apostoli a non stare a guardare il cielo (I lettura). Quei due imperativi Andate … predicate dicono agli apostoli che devono continuare la missione di Gesù, senza attardarsi a guardare il cielo. Come a loro, anche a noi è chiesto di non guardare il cielo, ma di preparare il ritorno del Signore. Dobbiamo quindi tenere unite attività e contemplazione, visibile e invisibile, fede e opere. Il cristiano deve essere proprio come un albero alla rovescia: le sue radici in alto e i suoi frutti sulla terra!  

2. Sul monte degli Ulivi fu costruito dai crociati un piccolo santuario ottagonale, trasformato poi in moschea dai musulmani nel 1200. Spiegavo ai miei allievi che la costruzione in origine non aveva un tetto, era scoperta, proprio per ricordare l’Ascensione. Un alunno scherzoso commentò: Non aveva il tetto perché altrimenti Gesù, salendo, avrebbe sbattuta la testa. Battuta a parte, il racconto dell’Ascensione provoca un certo imbarazzo: sembra strano che Gesù si sia comportato come un astronauta. Ma ci sono altre difficoltà da chiarire:
- Lasciamo perdere quando scrive Luca (24,52) che gli apostoli tornarono a Gerusalemme con grande gioia: che di noi è felice quando un amico ci lascia? C’è disaccordo sulla località di Betania, che è un po’ fuori mano rispetto al monte degli Ulivi.
- C’è disaccordo sulla data: secondo Luca 24, l’Ascensione avviene lo stesso giorno di Pasqua, mentre secondo gli Atti essa avviene quaranta giorni dopo (Atti 1,3); meraviglia che lo stesso autore dia due notizie contrastanti.
- Gesù e i discepoli sono seduti a mensa (Atti 1,4), in casa dunque: perché non si sono salutati lì, subito dopo cena? Che bisogno c’era di andare al monte degli Ulivi?
- E che valore hanno quegli altri particolari come la nube, gli occhi rivolti al cielo, i due uomini in bianche vesti; sono cronaca vera o artifici letterari?
- Se crediamo che Gesù sia rimasto ancora quaranta giorni, ci chiediamo cosa abbia fatto; sul Calvario aveva promesso al ladrone Oggi sarai con me in paradiso, non fra quaranta giorni.
Dobbiamo stare attenti: Luca non vuole informarci su dove, come, quando, Gesù è salito al cielo. Dobbiamo sempre ricordare la lezione di Galilei: la Bibbia non vuole insegnarci come vanno i cieli ma come si va in Cielo!

L’ascensione è proprio una festa?

3. Iniziamo con una domanda: chi di noi sarebbe contento di perdere il padre o la madre o l’amico? Davvero possiamo rallegrarci della scomparsa di Gesù? Dobbiamo sforzarci di capire, perché le verità del cristianesimo non si ingoiano subito e tutte con il sale del battesimo o con le risposte del catechismo, ma esse si assimilano lentamente, con il trascorrere del tempo, e soprattutto in compagnia del dolore. Se una madre si ritrova il figlio morto tra le braccia, con maggiore facilità potrà comprendere il dolore di Maria ai piedi della croce; se un amico ha fatto l’esperienza di sentirsi tradito e abbandonato dagli amici, con maggiore facilità potrà comprendere il dolore di Gesù abbandonato e tradito da Giuda; solo ad una certa età comprenderemo meglio il mistero della Trinità, forse quando diventeremo più padri o più madri; infine, quando vedremo il nostro corpo sempre più vecchio e malato, avvizzito e cadente fino alla morte, allora con maggiore facilità comprenderemo queste parole Credo nella vita eterna, nella risurrezione dei morti. Così avviene per la festa dell’ascensione: è falso fare festa senza prima avere sofferto il dolore del distacco. È preferibile la durezza di cuore e l’ignoranza degli apostoli: gente povera, che almeno confessa di non avere compreso; sono stati sinceri, e per questo sono stati capaci di cambiare, perché ogni loro passo in avanti era reale, come reale era stata la loro delusione. Noi invece fingiamo tutti di credere con il risultato che nessuno crede più.

Quanta “presenza” in questa “assenza” di Cristo!

4. Dal momento dell’ascensione, gli apostoli cominciarono a comprendere che la terra mai era stata così piena di divino, da quando Gesù l’aveva abbandonata; non lo avevano mai sentito così presente, così potente, così amico, nonostante il dolore del distacco; ovunque andassero, Gesù era con loro, confermava le loro parole con i miracoli. Comprendevano insomma che Gesù, come non aveva cessato di essere Dio facendosi uomo, così non si era allontanato dagli uomini, anche ritornando al Padre. Quando credevano di averlo perduto, lo ricevevano veramente, e per la prima volta lo riconoscevano. Ecco l’esperienza che dobbiamo fare lentamente; il pericolo maggiore è la fretta; i nostri dogmi, le nostre liturgie ci fanno godere il frutto della ricerca di 20 secoli! Dobbiamo anche noi rifare il percorso, dire a Gesù la nostra tristezza nel vederlo partire, la nostra nostalgia in un regno dove poter vivere insieme a Lui; quando avremo partecipato alla debolezza degli apostoli, potremo partecipare anche alla loro esperienza beatificante. In questa novena dello Spirito Santo, sforziamoci di abbandonare l’idea che il tempo prima dell’ascensione era l’età dell’oro del cristianesimo, tempo felice in cui Dio abitava tra gli uomini, che gli angeli andavano e venivano, che lo Spirito era una ingenua colomba, che il Padre era una voce di tuono tra nubi luminose, che il Figlio era un taumaturgo da cui uscivano virtù e miracoli. Diventiamo credenti adulti! Gesù è molto più presente in questa sua assenza, e ci minaccia per il bene, molto più del diavolo per il male!

Non un’ascensione nello spazio, ma un’estensione in amore

5. In una interpretazione letterale, Gesù parte, scompare nel cielo, i credenti restano orfani; anche il cero pasquale viene spento, come se la luce di Cristo non brillasse più tra noi! Eppure Gesù dice il contrario: Non vi lascio orfani (Giovanni 14,18). E allora? L’Ascensione non è uno spostamento astrofisico verso l’alto, ma una estensione in potenza, in qualità, in efficacia, di Gesù, per riempire ogni cosa (Efesini 4,10). Gesù è asceso al cielo, ma non in senso spaziale; il cielo è, in tutte le culture, il segno del divino, ma Dio è in cielo, in terra, in ogni luogo: è onnipresente. Quindi non si tratta di un’ascensione in cielo, ma di una estensione in amore. Proprio perché Gesù è asceso, può ora raggiungere tutti e salvare ognuno. Ecco perché l’Ascensione è una festa: mentre prima Gesù-uomo poteva essere presente solo in Israele, parlare a pochi, ora invece Gesù-risorto può raggiungere e salvare tutti, grazie alla sua ubiquitante capacità salvifica. Bisogna smettere di parlare in termini di geografia astronomica, e iniziare a riconoscere questo Dio nascosto ma presente dappertutto!

Chi crederà e sarà battezzato sarà salvo

6. Notate che Gesù non dice: Chi sarà battezzato sarà salvo. La salvezza non è automatica: i sacramenti non sono riti magici; non è il battesimo che salva, ma la fede che il battesimo esprime. Noi abbiamo creduto troppo all’azione automatica dei sacramenti (ex opere operato), senza preoccuparci abbastanza delle disposizioni interiori (ex opere operantis) di chi li amministra e di chi li riceve. Il sacramento è certo sorgente di grazia, ma a condizione che sia anche un atto umano di fede, di amore, di conversione. Cosa è meglio: la fede senza il battesimo o il battesimo senza la fede? L’amore senza il matrimonio o l’amore senza il matrimonio? La comunità senza la messa o la messa senza la comunità? Tutto lo sforzo della pastorale moderna è quello di unire le due realtà: la grazia di Dio e la libertà dell’uomo.
Buona vita!

* Gruppo biblico ebraico-cristiano

Sinodo sui giovani 
Un osservatorio
Commenti. riflessioni, proposte  

logo-SINODO-GIOVANI-colori-295x300

Newsletter
Speciale 2018
(Estate-Settembre-Ottobre)
NLspeciale2018

Di animazione,
animatori
e altre questioni
NPG e «animazione culturale»

animatori

Newsletter NPG



Ricevi HTML?

invetrina2

Laboratorio
dei talenti 2.0
Una rubrica FOI

rubrica oratorio ridotta

No balconear 
Rubrica ispirata al/dal Papa
 

lostintranslation 1

Sulle spalle... 
dei giganti

giganti

Temi di PU 
(pastorale universitaria)

temi di PU

rubriche

 Il Vangelo
del giorno
(Monastero di Bose)

Lezionario 1

Storia "artistica"
della salvezza 

agnolo bronzino discesa di cristo al limbo 1552 dettaglio2

I cammini 
Una proposta-esperienza
per i giovani
e materiali utili

vie

Bellezza, arte 
e PG
(e lettere dal mondo)

arteepg

Etty Hillesum 
una spiritualità
per i giovani

 Etty

Semi di
spiritualità
Il senso nei frammenti

spighe

 

Lo zibaldone. 
Di tutto un po'
Tra letteratura, arte e pastorale...

zibaldone

Società, giovani 
e ragazzi
Aspetti socio-psico-pedagogici  

ragazziegiovani

Sussidi e materiali 
x l'animatore in gruppo 
 

cassetta

LIVE

Il numero di NPG 
in corso
Novembre 2018

NPG novembre 2018

Il numero di NPG 
precedente
Settembre-Ottobre 2018

cop sett-ott2018

Post It

1. Siamo in fase finale per il numero NPG di novembre su GIOVANI E AZZARDO. Nella NL la ripresa del tema con approfondimenti e materiali di uso animatori e docenti per gruppi e classi

2. Stiamo seguendo il Sinodo con gli eventi giorno per giorno...

3. Nella rubrica sulla Storia della salvezza, abbiamo inserito - per ogni tema artistico - una "guida" come lettura "critica" (a cura dell'autrice della rubrica, Maria Rattà).

4. On line tutta NPG fino all'annata 2013 (come promesso, fino a 5 anni fa), e pulizia-aggiornamento definitivo dei files delle annate precedenti

Progettare PG

progettare

novita

ipad-newspaper-G

NPG: appunti 
per una storia

2010 SDB - NPG Logo 02 XX

Le ANNATE di NPG 
1967-2018 
 

annateNPG

I DOSSIER di NPG 
(dall'ultimo ai primi) 
 

dossier

Le RUBRICHE NPG 
(in ordine alfabetico)
Alcune ancora da completare 
 

Rubriche

Gli AUTORI di NPG
ieri e oggi 

pennapennino

Gli EDITORIALI NPG 
1967-2018 
 

editorialeRIDOTTO

INDICI NPG
50 ANNI
 
Voci tematiche - Autori - Dossier

search

VOCI TEMATICHE 
di NPG
(in ordine alfabetico) 
 

dizionario

I LIBRI di NPG 
Giovani e ragazzi,
educazione, pastorale
 

libriNPG

I «QUADERNI» 
dell'animatore

quaderni

 

Alcuni PERCORSI 
educativo-pastorali in NPG
 

percorsi

I SEMPREVERDI 
I migliori DOSSIER di NPG 
 

vite N1

NOTE'S GRAFFITI 
Materiali di lavoro
con gruppi di ragazzi e adolescenti 
 

medium

webtvpic

SOCIAL AREA

 
socialareaok2 r1_c1_s1 socialareaok2 r1_c2_s1 socialareaok2 r1_c3_s1 socialareaok2 r1_c4_s1

Contattaci

Note di pastorale giovanile
via Marsala 42
00185 Roma

Telefono: 06 49 40 442

Fax: 06 44 63 614

Email

MAPPE del SITO 
navigare con una bussola

mappesito 1

PROGRAMMAZIONE
NPG 2018

programmazione 1

LECTIO DIVINA 
o percorsi biblici

lectiodivina 1 

DOTTRINA SOCIALE 
della Chiesa

dottrina 1

LE INTERVISTE: 
PG e...

interviste 1

ENTI CNOS

cospes tgs cnosfap cgs cnosscuola scsOK1 cnossport

SITI AMICI

Salesiani di Don Bosco Figlie di Maria Ausiliatrice editrice elledici università pontificia salesiana Servizio nazionale di pastorale giovanile Movimento Giovanile Salesiano salesitalia Mision Joven Dimensioni Mondo Erre DonBoscoland Scritti di Don Bosco ans bollettino
LogoMGSILE valdocco missioni vis asc exallievi vcdb mor ICC icp ILE ime ine isi