Stampa
PDF

 

Essere gratuità

Fratel Luciano - Bose

12 luglio 2018


In quel tempo Gesù inviò i dodici ordinando loro: 8Guarite gli infermi, risuscitate i morti, purificate i lebbrosi, scacciate i demòni. Gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date. 9Non procuratevi oro né argento né denaro nelle vostre cinture, 10né sacca da viaggio, né due tuniche, né sandali, né bastone, perché chi lavora ha diritto al suo nutrimento. 11In qualunque città o villaggio entriate, domandate chi là sia degno e rimanetevi finché non sarete partiti. 12Entrando nella casa, rivolgetele il saluto. 13Se quella casa ne è degna, la vostra pace scenda su di essa; ma se non ne è degna, la vostra pace ritorni a voi. 14Se qualcuno poi non vi accoglie e non dà ascolto alle vostre parole, uscite da quella casa o da quella città e scuotete la polvere dei vostri piedi. 15In verità io vi dico: nel giorno del giudizio la terra di Sòdoma e Gomorra sarà trattata meno duramente di quella città."
Mt 10,8-15

C’è un dare che ha come condizione il non possedere, il non avere, il non procurarsi. Così emerge dalla sequenza: “Gratuitamente date, non procuratevi …”. Si tratta non solo, infatti, di dare gratuitamente, ma di dare gratuità, dunque, di essere gratuità. E condizione di questa gratuità è la gratitudine, la coscienza del dono ricevuto: “Gratuitamente avete ricevuto”. Il ritratto dell’inviato in missione è quello dell’uomo eucaristico e la missione si presenta come evento simbolico che investe la persona stessa dell’inviato. La domanda che emerge dalle istruzioni di Gesù ai discepoli inviati in missione non è “Che cosa deve fare l’inviato?”, ma “Chi deve essere?”.
I comandi che proibiscono oggetti e strumenti diversi all’inviato sono come colpi di scalpello dello scultore che, togliendo dalla massa informe, fa apparire la forma finale, riuscita, essenziale, dell’opera. E ciò che viene anzitutto tolto è il denaro: “Non procuratevi oro, né argento, né (monete di) bronzo nelle vostre cinture”. Si parte dall’oro, dalle monete più preziose, e si termina col bronzo, con il denaro più vile, e non si tratta solo del denaro che uno potrebbe portare con sé al momento della partenza, ma anche di quello che potrebbe essergli dato come offerta durante il cammino e che potrebbe essere sublimato come dovuto alla provvidenza.
Quindi viene proibita la bisaccia, la “sacca da viaggio”, cioè la sacca che conteneva cibo, viveri per il cammino: e si tratta di viveri essenziali, non superflui. Non portare con sé questi viveri significa porsi in una situazione peggiore ancora di quella di un mendicante. Viene poi proibito di portare “due tuniche”, cioè di avere la veste di riserva per domani, nel caso che la prima si laceri o divenga inutilizzabile. Vengono proibiti i sandali, che proteggerebbero dalle pietre taglienti e dagli scorpioni, e di certo il ricordo va all’esperienza di Israele nel cammino nel deserto, quando il suo piede “non si è gonfiato durante i quarant’anni” (Dt 8,4); viene proibito il bastone, che serve a guadare un ruscello, a difendersi da un animale, a stare in equilibrio su un terreno sassoso.
Non viene proibito il superfluo ma il necessario, per insegnare la fiducia, l’abbandono al Signore. Gesù priva gli inviati di tutti quei mezzi che renderebbero più rapida, efficiente, visibile e fruttuosa la missione. Viene chiesto all’inviato di non prevenire il domani, il futuro, per vivere l’oggi di Dio.
Viene smentita quell’idea, che sempre è presente in tanti ambienti ecclesiali per cui per dare bisogna avere e possedere. Invece ciò che appare dal discorso di Gesù ai suoi inviati è che la fiducia che essi nutrono nel Signore si manifesta nella loro povertà e precarietà. Gerolamo commenta il testo dicendo che i discepoli sono inviati “pressoché nudi”. Del resto, se i primi destinatari del vangelo sono i poveri, come potrebbero gli annunciatori del vangelo operare con dispiegamento di beni, di ricchezze, di forza economica e grandiosità di opere? Come potrebbero autorevolmente annunciare la beatitudine dei poveri? Non si tratterebbe di una controtestimonianza?

Sinodo sui giovani 
Un osservatorio
Commenti. riflessioni, proposte  

logo-SINODO-GIOVANI-colori-295x300

Newsletter
Speciale 2018
(Estate-Settembre-Ottobre)
NLspeciale2018

Di animazione,
animatori
e altre questioni
NPG e «animazione culturale»

animatori

Newsletter NPG



Ricevi HTML?

invetrina2

Laboratorio
dei talenti 2.0
Una rubrica FOI

rubrica oratorio ridotta

No balconear 
Rubrica ispirata al/dal Papa
 

lostintranslation 1

Sulle spalle... 
dei giganti

giganti

Temi di PU 
(pastorale universitaria)

temi di PU

rubriche

 Il Vangelo
del giorno
(Monastero di Bose)

Lezionario 1

Storia "artistica"
della salvezza 

agnolo bronzino discesa di cristo al limbo 1552 dettaglio2

I cammini 
Una proposta-esperienza
per i giovani
e materiali utili

vie

Bellezza, arte 
e PG
(e lettere dal mondo)

arteepg

Etty Hillesum 
una spiritualità
per i giovani

 Etty

Semi di
spiritualità
Il senso nei frammenti

spighe

 

Lo zibaldone. 
Di tutto un po'
Tra letteratura, arte e pastorale...

zibaldone

Società, giovani 
e ragazzi
Aspetti socio-psico-pedagogici  

ragazziegiovani

Sussidi e materiali 
x l'animatore in gruppo 
 

cassetta

LIVE

Il numero di NPG 
in corso
Estate 2018

cop estate2018

Il numero di NPG 
in corso
Settembre-Ottobre 2018

cop sett-ott2018

Post It

1. Abbiamo spedito agli abbonati, in un unico invio, il numero estivo e quello di settembre-ottobre di NPG. Il primo riporta i materiali di approfondimento per la proposta educativo-pastorale salesiana ("Io sono una missione - #perlavitadeglialtri") e il secondo è sul Sinodo "Nel cuore del Sinodo. Temi generativi, sfide provocatorie, inviti alla conversione")

2. Uno splendido omaggio ai nostri abbonati: il libretto dell'INSTRUMENTUM LABORIS del Sinodo, in allegato alla spedizione dei due NPG di cui sopra

3. On line tutta NPG fino all'annata 2013 (come promesso, fino a 5 anni fa), e pulizia-aggiornamento definitivo dei files delle annate precedenti

Progettare PG

progettare

novita

ipad-newspaper-G

NPG: appunti 
per una storia

2010 SDB - NPG Logo 02 XX

Le ANNATE di NPG 
1967-2018 
 

annateNPG

I DOSSIER di NPG 
(dall'ultimo ai primi) 
 

dossier

Le RUBRICHE NPG 
(in ordine alfabetico)
Alcune ancora da completare 
 

Rubriche

Gli AUTORI di NPG
ieri e oggi 

pennapennino

Gli EDITORIALI NPG 
1967-2018 
 

editorialeRIDOTTO

INDICI NPG
50 ANNI
 
Voci tematiche - Autori - Dossier

search

VOCI TEMATICHE 
di NPG
(in ordine alfabetico) 
 

dizionario

I LIBRI di NPG 
Giovani e ragazzi,
educazione, pastorale
 

libriNPG

I «QUADERNI» 
dell'animatore

quaderni

 

Alcuni PERCORSI 
educativo-pastorali in NPG
 

percorsi

I SEMPREVERDI 
I migliori DOSSIER di NPG 
 

vite N1

NOTE'S GRAFFITI 
Materiali di lavoro
con gruppi di ragazzi e adolescenti 
 

medium

webtvpic

SOCIAL AREA

 
socialareaok2 r1_c1_s1 socialareaok2 r1_c2_s1 socialareaok2 r1_c3_s1 socialareaok2 r1_c4_s1

Contattaci

Note di pastorale giovanile
via Marsala 42
00185 Roma

Telefono: 06 49 40 442

Fax: 06 44 63 614

Email

MAPPE del SITO 
navigare con una bussola

mappesito 1

PROGRAMMAZIONE
NPG 2018

programmazione 1

LECTIO DIVINA 
o percorsi biblici

lectiodivina 1 

DOTTRINA SOCIALE 
della Chiesa

dottrina 1

LE INTERVISTE: 
PG e...

interviste 1

ENTI CNOS

cospes tgs cnosfap cgs cnosscuola scsOK1 cnossport

SITI AMICI

Salesiani di Don Bosco Figlie di Maria Ausiliatrice editrice elledici università pontificia salesiana Servizio nazionale di pastorale giovanile Movimento Giovanile Salesiano salesitalia Mision Joven Dimensioni Mondo Erre DonBoscoland Scritti di Don Bosco ans bollettino
LogoMGSILE valdocco missioni vis asc exallievi vcdb mor ICC icp ILE ime ine isi