Stampa
PDF

 

“Un estraneo

non lo seguiranno”

Fratel Luciano - Bose

7 dicembre 2018


In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli1 «In verità, in verità io vi dico: chi non entra nel recinto delle pecore dalla porta, ma vi sale da un'altra parte, è un ladro e un brigante. 2Chi invece entra dalla porta, è pastore delle pecore. 3Il guardiano gli apre e le pecore ascoltano la sua voce: egli chiama le sue pecore, ciascuna per nome, e le conduce fuori. 4E quando ha spinto fuori tutte le sue pecore, cammina davanti a esse, e le pecore lo seguono perché conoscono la sua voce. 5Un estraneo invece non lo seguiranno, ma fuggiranno via da lui, perché non conoscono la voce degli estranei». 6Gesù disse loro questa similitudine, ma essi non capirono di che cosa parlava loro.
7Allora Gesù disse loro di nuovo: «In verità, in verità io vi dico: io sono la porta delle pecore. 8Tutti coloro che sono venuti prima di me, sono ladri e briganti; ma le pecore non li hanno ascoltati. 9Io sono la porta: se uno entra attraverso di me, sarà salvato; entrerà e uscirà e troverà pascolo. 10Il ladro non viene se non per rubare, uccidere e distruggere; io sono venuto perché abbiano la vita e l'abbiano in abbondanza.»
Gv 10,1-10

La pagina evangelica che leggiamo in questa memoria è rivelazione di Gesù pastore e consolazione e giudizio dei cristiani.
Consolazione del credente perché se ci sono falsi pastori, ladri e briganti, esiste anche un sensus fidei fidelium, un senso delle pecore che sanno discernere il vero dal falso pastore. Non c’è solo l’odore delle pecore, come ripete papa Francesco, ma anche il fiuto delle pecore, la capacità di discernere la voce del Signore e del vangelo. “Un estraneo non lo seguiranno”. Un antico testo cristiano, la Didaché, afferma che criterio di discernimento del vero profeta è che abbia “i modi del Signore”. Avere i modi del Signore significa conoscere e assumere come proprie le modalità con cui Gesù vive.
Ma c’è anche giudizio della comunità cristiana. E il primo giudizio è dato dall’incomprensione dei discepoli: “Non capirono di cosa parlava loro”. Il non capire indica anche un rifiuto della persona che ha parlato. Il verbo usato per indicare il parlare di Gesù è verbo di rivelazione, e dunque dietro all’incomprensione dei discepoli c’è un non aderire, un rifiutare il Messia. Da cosa nasce l’incomprensione? Per parlare di realtà di fede Gesù non usa il linguaggio religioso, ma il semplice linguaggio umano del lavoro del pastore. L’intelligenza di chi ascolta sta nel penetrare attraverso il linguaggio e le immagini pastorali per cogliere in esse il messaggio teologico.
Il testo parla di un esodo che il Cristo fa fare alle sue pecore: “Il pastore chiama le pecore ciascuna per nome e le conduce fuori”. Il vocabolo che designa il recinto delle pecore non è quello usuale per indicare questa realtà, ma un termine che indica l’atrio del tempio. Nel v. 10 il termine tradotto con “uccidere” in greco è “sacrificare”: e i sacrifici si fanno al tempio. E come qui vengono denunciati ladri e briganti, altre volte, riprendendo il profeta Geremia che denunciava che il tempio era diventato spelonca di briganti e di ladri (cf. Ger 7,11), Gesù aveva pronunciato parole simili sul tempio e su coloro che lo avevano ridotto a luogo di commercio e di compravendita, a covo di briganti. Parole di fuoco che si accompagnavano alla passione per la casa del Signore: “Lo zelo per la tua casa mi divorerà”. Come già in Giovanni 2,13-22, il quarto evangelista vuole dire che non il tempio, ma il corpo di Gesù, la vita di Gesù culminata nella sua morte e resurrezione, dà accesso alla comunione con Dio.
Dunque Gesù fa uscire, e l’esodo è movimento di uscita, ma anche di ingresso, è un movimento totale. Tutta la vita, colta come sequela di Gesù Cristo, è un movimento di esodo, di liberazione. Si tratta di passare attraverso la porta che è Cristo stesso: allora uno “entrerà e uscirà”, cioè vivrà pienamente la sua vita umana in Cristo. Entrare e uscire è espressione che indica tutta la vita umana riassunta nei due atti fondamentali di entrare e uscire, di nascere e morire. L’esodo a cui il credente è chiamato è la vita stessa: si tratta di abitare la vita passando sempre di nuovo attraverso la porta che è Cristo. La vita in abbondanza è appunto questa nostra vita innestata in Cristo e in lui risignificata, e che già qui e ora, grazie alla potenza dell’agape, anticipa e profetizza la vita presso il Padre, la vita eterna.

Newsletter
Dicembre 2018
NLdic18

Verso Panama 
XXXIV GMG
  

logo panama

Sinodo sui giovani 
Un osservatorio
Commenti. riflessioni, proposte  

logo-SINODO-GIOVANI-colori-295x300

Giovani 
nel digitale
Esercizi di discernimento  

iphone mano

Newsletter NPG



Ricevi HTML?

invetrina2

Laboratorio
dei talenti 2.0
Una rubrica FOI

rubrica oratorio ridotta

No balconear 
Rubrica ispirata al/dal Papa
 

lostintranslation 1

Sulle spalle... 
dei giganti

giganti

Temi di PU 
(pastorale universitaria)

temi di PU

rubriche

 Il Vangelo
del giorno
(Monastero di Bose)

Lezionario 1

Storia "artistica"
della salvezza 

agnolo bronzino discesa di cristo al limbo 1552 dettaglio2

I cammini 
Una proposta-esperienza
per i giovani
e materiali utili

vie

Bellezza, arte 
e PG
(e lettere dal mondo)

arteepg

Etty Hillesum 
una spiritualità
per i giovani

 Etty

Semi di
spiritualità
Il senso nei frammenti

spighe

 

Società, giovani 
e ragazzi
Aspetti socio-psico-pedagogici  

ragazziegiovani

LIVE

Contattaci

Note di pastorale giovanile
via Marsala 42
00185 Roma

Telefono: 06 49 40 442

Fax: 06 44 63 614

Email

Il numero di NPG 
in corso
Dicembre 2018

400 dic 18

Il numero di NPG 
precedente
Novembre 2018

NPG novembre 2018

Post It

1. In spedizione e on line la Newsletter di dicembre, con il dossier sulla SCUOLA e la Via Amerina come cammino proposto e "commentato"

2. Sul sito, il più completo RAPPORTO SUL SINODO esistente on line

3. In homepage materiali relativi alla prossima GMG di Panama

4. Abbiamo inserito nel sito tutta l'annata NPG del 2014. Ecco la ragione per cui tra gli "ultimi articoli inseriti" compaiono anche scritti di quell'anno

Le ANNATE di NPG 
1967-2019 

annateNPG

I DOSSIER di NPG 
(dall'ultimo ai primi) 
 

dossier

Le RUBRICHE NPG 
(in ordine alfabetico)
Alcune ancora da completare 
 

Rubriche

Gli AUTORI di NPG
ieri e oggi 

pennapennino

Gli EDITORIALI NPG 
1967-2019 

editorialeRIDOTTO

INDICI NPG
50 ANNI
 
Voci tematiche - Autori - Dossier

search

VOCI TEMATICHE 
di NPG
(in ordine alfabetico) 
 

dizionario

I LIBRI di NPG 
Giovani e ragazzi,
educazione, pastorale
 

libriNPG

I «QUADERNI» 
dell'animatore

quaderni

 

Alcuni PERCORSI 
educativo-pastorali in NPG
 

percorsi

I SEMPREVERDI 
I migliori DOSSIER di NPG 
 

vite N1

NOTE'S GRAFFITI 
Materiali di lavoro
con gruppi di ragazzi e adolescenti 
 

medium

Di animazione,
animatori
e altre questioni
NPG e «animazione culturale»

animatori

Sussidi e materiali 
x l'animatore in gruppo 
 

cassetta

webtvpic

SOCIAL AREA

 
socialareaok2 r1_c1_s1 socialareaok2 r1_c2_s1 socialareaok2 r1_c3_s1 socialareaok2 r1_c4_s1