Stampa
PDF

 

S. Giovanni in Laterano

Motivi di un pellegrinaggio giubilare

A cura di Maria Rattà

Papa-Francesco-e-la-Cattedra

 

San Giovanni è la casa della Chiesa di Roma. Fu costruita come la prima basilica dove tutti i cristiani romani potessero riunirsi, e da allora è stata la cattedrale, il luogo dove il vescovo di Roma presiede alla sua comunità Diocesi. Qui il presbiterio romano celebra il giovedì santo e la consacrazione dei sacri olii col suo vescovo, il Papa; qui il Pontefice ordina i sacerdoti romani; qui la chiesa di Roma si incontra con lui. In occasione del Giubileo del 2000, per la prima volta nella storia, Giovanni Paolo II aprì la Porta Santa di questa sua cattedrale nei secondi vespri del Natale 1999; aveva chiesto che contemporaneamente tutti i vescovi aprissero le porte giubilari delle loro cattedrali, nelle diocesi del mondo. Questo simbolo forte ed esplicito avrebbe sottolineato che, attraverso la porta giubilare del perdono, si entra nella Chiesa, nella comunità dei salvati, e che questa Chiesa è costituita in ogni Diocesi del mondo dove i vescovi presiedono alle loro chiese locali. Un segno espressivo della comunione col Papa e la realtà di Chiesa di ogni Diocesi.

 

ONORARE LA CHIESA

Con profondità Paolo VI, celebrando sul sagrato di San Giovanni il Giubileo della Chiesa di Roma, disse:
«Facciamo attenzione al duplice significato di questa parola "Chiesa". Chiesa significa, innanzi tutto, in questa circostanza, l’edificio sacro, davanti al quale ci troviamo. Questo edificio è insignito del titolo di basilica, cioè di edificio regale, titolo attribuito fin dai primi tempi del cristianesimo, alla casa destinata al culto sacro per la comunità gerarchicamente costituita. È da notare questa essenziale funzione paolo375Porta sant 45421438 300dell’edificio religioso nel cristianesimo, quella cioè di accogliere nel suo interno il popolo orante, a differenza degli edifici sacri pagani, nei quali solo coloro ch’erano destinati a funzioni sacerdotali potevano entrare, mentre la folla rimaneva fuori, donde la qualifica di "profana", cioè di gente che non era ammessa ad entrare nel tempio, e sostava, mentre si svolgeva il rito sacro, davanti al tempio stesso, al fanum, che era piuttosto che un aula per il popolo, un’edicola dedicata alla divinità…
A noi preme ora notare come l’edificio sacro prese comunemente la qualifica di "chiesa", cioè di comunità cristiana che in quell’edificio aveva il suo luogo di riunione e di culto. L’onore perciò tributato all’edificio, e fu onore particolare fin dai primi anni della vita pubblica riconosciuta alla religione cristiana, si riverberò sulla comunità che lo aveva costruito; e l’uno e l’altra furono chiamati, e ancora oggi lo sono: chiesa. Chiesa l’edificio, chiesa la comunità; l’uno per l’altra, restando a questa seconda, la comunità, la pienezza di significato e di finalità.
Onoriamo dunque nella basilica del Santissimo Salvatore, detta comunemente di San Giovanni in Laterano, commemorando la sua originaria destinazione, cioè la sua "dedicazione", al culto cattolico e alla dimora primaria del vescovo di Roma, il Papa, successore dell’apostolo Pietro, e perciò pastore della Chiesa universale; onoriamo, fratelli e figli carissimi, questa santa Chiesa Romana: santa per la sua origine apostolica e per la sua vocazione missionaria e santificatrice; santa per la testimonianza di eroismo e di fede, che essa nutrì e propose al mondo ad esempio ed a conforto; santa per la sua ferma e perenne adesione al Vangelo e alla missione di Cristo nella storia e nella vita di questa Sede Apostolica, che è in Roma, e di quante Chiese, sorelle e figlie, le furono unite nella fede e nella carità; santa per la sua destinazione escatologica, di guida dei suoi figli cattolici e degli uomini tutti, che ne accolgono la parola di verità e di amore, verso i destini ultimi dell’umanità sulla terra; e santa perché vuole essere prima, anche celebrando questo Giubileo, a riconoscere il proprio dovere di penitenza e il proprio bisogno di riconciliazione con Dio e con gli uomini» (Paolo VI, Omelia, 9 novembre 1975).

La libertà di "scegliere": attraversare la "porta stretta"

Il pellegrinaggio alla Basilica di San Giovanni in Laterano può avere inizio procedendo attraverso la Porta Santa, anticamente detta C 4 foto 1303496 imagePorta Aurea, così come la Basilica stessa Lateranense, Constantiniana et Aurea. La liturgia di apertura della suddetta e l’approfondimento del segno di essa presero avvio storicamente proprio nella Basilica Lateranense. Come Giovanni Paolo II si è espresso:
«Al pellegrinaggio si accompagna il segno della porta santa, aperta per la prima volta nella Basilica del Santissimo Salvatore in Laterano durante il Giubileo del 1423. Essa evoca il passaggio che ogni cristiano è chiamato a compiere dal peccato alla grazia. Gesù ha detto: "Io sono la porta" (Gv 10, 7), per indicare che nessuno può avere accesso al Padre se non per mezzo Suo. Questa designazione che Gesù fa di se stesso attesta che Egli solo è il Salvatore inviato dal Padre. C'è un solo accesso che spalanca l’ingresso nella vita di comunione con Dio: questo accesso è Gesù, unica e assoluta via di salvezza. Solo a Lui si può applicare con piena verità la parola del Salmista: "È questa la porta del Signore, per essa entrano i giusti" (Sal 118, 20). L'indicazione della porta richiama la responsabilità di ogni credente ad attraversarne la soglia. Passare per quella porta significa confessare che Gesù Cristo è il Signore, rinvigorendo la fede in Lui per vivere la vita nuova che Egli ci ha donato. È una decisione che suppone la libertà di scegliere ed insieme il coraggio di lasciare qualcosa, sapendo che si acquista la vita divina (cfr. Mt 13, 44-46)».
Nell’atrio la Porta Santa è l’ultima a destra, non quella centrale, ma la più stretta, la porta dell’ovile, attraverso la quale saremo condotti alla redenzione, ci dice infatti Gesù: "se uno entra attraverso di Me sarà salvo" (Gv 10, 9). È il nostro ingresso nella "dimora di Dio con gli uomini", la Chiesa viva che ci concederà l’indulgenza per i nostri peccati.

Fare memoria di essere stati accolti nella Chiesa

Il pellegrinaggio alla basilica lateranense è occasione di memoria dell’altissimo onore di essere stati accolti nella Chiesa. Visitandone il battistero (sito in una costruzione esterna, ma attigua alla Basilica), il primo battistero pubblico in Roma, rievocheremo i sacramenti del battesimo e della cresima, inizio e conferma della vita in san-giovanni indizione-giubileo-misericordia 12apr2015Cristo; celebrando l’Eucarestia nella basilica riceveremo il nutrimento eucaristico: sono i tre sacramenti con cui la Chiesa "inizia", partorisce e nutre i suoi figli. La Chiesa è veramente Madre che genera alla vita divina. Essa trasmettendoci tutto ciò che essa è e crede, ci unisce a Cristo e al suo mistero pasquale. La Lumen Gentium ha così parlato della stupenda necessità della Chiesa:
«Il Santo Concilio insegna, appoggiandosi alla sacra Scrittura e alla Tradizione, che questa Chiesa peregrinante è necessaria alla salvezza, perché il solo Cristo, presente in mezzo a noi nel suo Corpo che è la Chiesa, è il mediatore e la via della salvezza, ed Egli stesso, inculcando espressamente la necessità della fede e del battesimo (cfr. Mc 16, 16; Gv 3, 5), ha insieme confermata la necessità della Chiesa, nella quale gli uomini entrano per il battesimo come per una porta. Perciò non possono salvarsi quegli uomini i quali, pur non ignorando che la Chiesa cattolica è stata da Dio, per mezzo di Gesù Cristo, fondata come necessaria, non vorranno entrare in essa o in essa perseverare».
La teologia giubilare, esplicitata da Giovanni Paolo II nella Bolla di indizione del Giubileo del 2000, l'Incarnationis Mysterium, n. 10, ricorda come il "tesoro della Chiesa" venga da Cristo: «ma poiché noi apparteniamo a Lui, anche ciò che è nostro diventa Suo e acquista una forza che risana… La Rivelazione insegna che, nel suo cammino di conversione, il cristiano non si trova solo. In Cristo e per mezzo di Cristo la sua vita viene congiunta con misterioso legame alla vita di tutti gli altri cristiani nella soprannaturale unità del corpo mistico. Si instaura così tra i fedeli un meraviglioso scambio di beni spirituali, in forza del quale la santità dell’uno giova agli altri ben al di là del danno che il peccato dell’uno ha potuto causare agli altri. Esistono persone che lasciano dietro di sé come un sovrappiù di amore, di sofferenza sopportata, di purezza e di verità che coinvolge e sostiene gli altri. È la realtà della "vicarietà", sulla quale si fonda tutto il mistero di Cristo. Nondimeno fa parte della grandezza dell’amore di Cristo non lasciarci nella condizione di destinatari passivi, ma coinvolgerci nella sua opera salvifica e, in particolare, nella sua passione. Lo dice il noto brano della lettera ai Colossesi: "Do compimento a ciò che manca ai patimenti di Cristo nella mia carne a favore del suo corpo che è la Chiesa" (1, 24)…
Pregare per ottenere l’indulgenza significa entrare in questa comunione spirituale e quindi aprirsi totalmente agli altri. Anche nell’ambito spirituale, infatti, nessuno vive per se stesso. E la salutare preoccupazione per la propria anima viene liberata dal timore e dall’egoismo solo quando diviene preoccupazione anche per la salvezza dell’altro. È la realtà della comunione dei santi, il mistero della "realtà vicaria", della preghiera come via di unione con Cristo e con i suoi santi».

 

FONTI

Andrea Lonardo, La Basilica di San Giovanni in Laterano, http://www.gliscritti.it/approf/luogiub/lugcap3.htm#_Toc514781587

 

Newsletter
Aprile-maggio
2017

NLaprile-maggio2017

invetrina2

I cammini
Un'esperienza di pellegrinaggio 
per i giovani

via-francigena

Per accompagnare
i cammini
Lo zaino del pellegrino giovane

vie

Sinodo sui giovani 
Un osservatorio
Commenti. riflessioni, proposte  

sinodogiovani

Storia "artistica"
della salvezza 

agnolo bronzino discesa di cristo al limbo 1552 dettaglio2

Con o senza Te
#nonèlastessacosa
Proposta pastorale MGS 2016-17 
 

tornarea

Interpellati 
da Gesù

interpellatidagesu

Società, giovani 
e ragazzi
Aspetti socio-psico-pedagogici  

ragazziegiovani

L'educatore
competente
 
Formazione e spiritualità
 

educatore competente

Istituzioni, luoghi, 
contesti educativi 
 

cittaeducativa

Santi e testimoni 
di ieri e di oggi
Proposta di un cammino spirituale 
 

Icona Martiri2016

Educazione 
e bellezza 
 

educazione bellezza

Sussidi e materiali 
x l'animatore in gruppo 
 

cassetta

Newsletter NPG



Ricevi HTML?

PGNEWS

stampa

NPG: appunti 
per una storia

2010 SDB - NPG Logo 02 XX

Lo zibaldone. 
Di tutto un po'
Tra letteratura, arte e pastorale...

zibaldone

rubriche

Le 10 Parole 
(Ravasi, RadioRai,
Di Sante)

tavoledellalegge

Pedagogia 
interculturale

pedagogia interculturale

 Frammenti di fede
nel quotidiano
Dio, Cristo, Maria. Chiesa
 

fedenelquotidiano

I giovani 
e Maria
Comprensione e devozione cristiana

mariadinazareth

Corporeità e
pastorale giovanile

corporeita

Educazione 
e mistica

meistereckhart

Formazione 
(giovani) animatori

giovani -_pastorale_giovanile_animatori

Educare
alla Costituzione

costituzione

Le interviste: 
PG e...

interviste

LIVE

webtvpic

Il numero di NPG 
in corso
Aprile - Maggio 2017

00NPGcoveraprilemaggiohomepage

novita

ipad-newspaper-G

Le ANNATE di NPG 
1967-2017 
 

annateNPG

I DOSSIER di NPG 
(dall'ultimo ai primi) 
 

dossier

Le RUBRICHE NPG 
(in ordine alfabetico)
Alcune ancora da completare 
 

Rubriche

Gli AUTORI di NPG
ieri e oggi 

pennapennino

Gli EDITORIALI NPG 
1967-2017 
 

editorialeRIDOTTO

INDICI NPG
50 ANNI
 
Voci tematiche - Autori - Dossier

search

VOCI TEMATICHE 
di NPG
(in ordine alfabetico) 
 

dizionario

I LIBRI di NPG 
Giovani e ragazzi,
educazione, pastorale
 

libriNPG

I «QUADERNI» 
dell'animatore

quaderni

 

Alcuni PERCORSI 
educativo-pastorali in NPG
 

percorsi

I SEMPREVERDI 
I migliori DOSSIER di NPG 
 

vite N1

NOTE'S GRAFFITI 
Materiali di lavoro
con gruppi di ragazzi e adolescenti 
 

medium

Un percorso di spiritualità
per giovani

spirit-giovanile

Teologia e antropologia 
per la pastorale
Contributi NPG dal 1996 al 2016 
 

statuetta-buon-pastore

Cantieri
dell'anima
Piste educative estemporanee

cantieredellanima

Temi biblici
per la PG
e la spiritualità
 

bibbia-rubriche

Alla scuola
di Gesù
Percorsi di Giubileo

allascuoladigesu

Semi di
spiritualità
Il senso nei frammenti

spighe

 

Maestro, 
dove abiti?

merc28mag

Itinerari 
di educazione  
alla fede

Sentiero 02

Temi 
«generatori»
Pastorale e spiritualità giovanile

inprimopiano

Imparare
a pregare
Obiettivi, metodi, esperienze

lorante

Vocazione,
vocazioni
Nella Chiesa, per il mondo

vocazione

Interiorità
questa inattuale
L'educazione del e dal profondo

reiki 02

PG per la vita 
e la speranza
Un approccio «scientifico» alla PG

giov

Amore 
giovane
Temi di pastorale del fidanzamento

giovani-amore-internet

Educazione 
alla virtù

virtu

SOCIAL AREA

 
socialareaok2 r1_c1_s1 socialareaok2 r1_c2_s1 socialareaok2 r1_c3_s1 socialareaok2 r1_c4_s1

Contattaci

Note di pastorale giovanile
via Marsala 42
00185 Roma

Telefono: 06 49 40 442

Fax: 06 44 63 614

Email

MAPPE del SITO 
per navigare con una bussola

mappesito

PROGRAMMAZIONE
NPG 2017

programmazione

La DOTTRINA SOCIALE 
della Chiesa

dottrina

Le INTERVISTE: 
PG e...

interviste

cospes vis tgs cnosfap cgs cnosscuola scsOK1 cnossport
Salesiani di Don Bosco Figlie di Maria Ausiliatrice editrice elledici università pontificia salesiana Servizio nazionale di pastorale giovanile Movimento Giovanile Salesiano salesitalia Mision Joven Dimensioni Mondo Erre DonBoscoland Scritti di Don Bosco ans bollettino
LogoMGSILE valdocco missioni missionitv asc exallievi vcdb mor ICC icp ILE ime ine isi