Stampa
PDF

 

S. Paolo fuori le Mura

Motivi di un pellegrinaggio giubilare

A cura di Maria Rattà

41-03-011

 

San Paolo offre al visitatore della Basilica un modello da imitare: evangelizzatore, annunciatore della misericordia ricevuta in Cristo, operatore per l’unità. 

EVANGELIZZATORE

«Giovanni Paolo II ha più volte presentato il Giubileo non come un punto di arrivo, ma come una tappa importantissima nel cammino verso l’annuncio del vangelo nel terzo millennio del cristianesimo» (Andrea Lonardo). Il Papa scrisse infatti, nell’Incarnationis Misterium, Bolla di indizione del Giubileo del 2000:
«La Chiesa annunciando Gesù di Nazareth, vero Dio e Uomo perfetto, apre davanti ad ogni essere umano la prospettiva di essere "divinizzato" e così diventare più uomo. È questa l'unica via mediante la quale il mondo può scoprire l'alta vocazione a cui è chiamato e realizzarla nella salvezza operata da Dio» (IM., n. 2).
San Paolo, ricordato come “l’apostolo delle genti” si presenta esattamente come modello del perfetto evangelizzatore, che non fa dell’annuncio la ricerca di un’autoglorificazione, ma la risposta a una chiamata, tanto da poter dire «è una necessità che mi si impone: guai a me se non annuncio il Vangelo!» (1 Cor 9,16) e «mi sono fatto tutto per tutti, per salvare a ogni costo qualcuno» (1Cor 9,22).

paolo di tarso 1

Anche papa Francesco ha rammentato, nell’esortazione apostolica Evangelii Gaudium, che la «salvezza, che Dio realizza e che la Chiesa gioiosamente annuncia, è per tutti, e Dio ha dato origine a una via per unirsi a ciascuno degli esseri umani di tutti i tempi. Ha scelto di convocarli come popolo e non come esseri isolati. Nessuno si salva da solo, cioè né come individuo isolato né con le sue proprie forze. Dio ci attrae tenendo conto della complessa trama di relazioni interpersonali che comporta la vita in una comunità umana. Questo popolo che Dio si è scelto e convocato è la Chiesa. Gesù non dice agli Apostoli di formare un gruppo esclusivo, un gruppo di élite. Gesù dice: "Andate e fate discepoli tutti i popoli" (Mt 28,19). San Paolo afferma che nel popolo di Dio, nella Chiesa "non c’è Giudeo né Greco... perché tutti voi siete uno in Cristo Gesù" (Gal 3,28). Mi piacerebbe dire a quelli che si sentono lontani da Dio e dalla Chiesa, a quelli che sono timorosi e agli indifferenti: il Signore chiama anche te ad essere parte del suo popolo e lo fa con grande rispetto e amore!
Essere Chiesa significa essere Popolo di Dio, in accordo con il grande progetto d’amore del Padre. Questo implica essere il fermento di Dio in mezzo all’umanità. Vuol dire annunciare e portare la salvezza di Dio in questo nostro mondo, che spesso si perde, che ha bisogno di avere risposte che incoraggino, che diano speranza, che diano nuovo vigore nel cammino. La Chiesa dev’essere il luogo della misericordia gratuita, dove tutti possano sentirsi accolti, amati, perdonati e incoraggiati a vivere secondo la vita buona del Vangelo» (EG, nn. 113,114). 

ANNUNCIATORE DELLA MISERICORDIA RICEVUTA

Paolo, che ha sperimentato su di sé la misericordia di Dio, «ci ha ricordato che siamo stati salvati nel mistero della morte e risurrezione del Signore Gesù. Lui è il Riconciliatore, che è vivo in mezzo a noi per offrire la via della riconciliazione con Dio e tra i fratelli. L’Apostolo ricorda che, nonostante le difficoltà e le sofferenze della vita, cresce tuttavia la speranza nella salvezza che l’amore di Cristo ha seminato nei nostri cuori. La misericordia di Dio si è riversata in noi rendendoci giusti, donandoci la pace» (Papa Francesco, Omelia nei Primi Vespri della Domenica della Divina Misericordia, 11 aprile 2015).

conversion-of-saint-paul

La vita di Paolo «prima di incontrare Cristo sulla via di Damasco, era dedicata a perseguire in maniera irreprensibile la giustizia della legge (cfr Fil 3,6). La conversione a Cristo lo portò a ribaltare la sua visione, a tal punto che nella Lettera ai Galati afferma: “Abbiamo creduto anche noi in Cristo Gesù per essere giustificati per la fede in Cristo e non per le opere della Legge” (2,16). La sua comprensione della giustizia cambia radicalmente. Paolo ora pone al primo posto la fede e non più la legge. Non è l’osservanza della legge che salva, ma la fede in Gesù Cristo, che con la sua morte e resurrezione porta la salvezza con la misericordia che giustifica. La giustizia di Dio diventa adesso la liberazione per quanti sono oppressi dalla schiavitù del peccato e di tutte le sue conseguenze. La giustizia di Dio è il suo perdono (cfr Sal 51,11-16)» (Francesco, Misericordiae Vultus, n. 20).
San Paolo può dunque ben dire che «laddove è abbondato il peccato, ha sovrabbondato la grazia» (Rm 5,20). «La grazia però, per compiere la sua opera, deve svelare il peccato per convertire il nostro cuore e accordarci “la giustizia per la vita eterna, per mezzo di Gesù Cristo nostro Signore” (Rm 5,21). Come un medico che esamina la piaga prima di medicarla, Dio, con la sua Parola e il suo Spirito, getta una viva luce sul peccato:
“La conversione richiede la convinzione del peccato, contiene in sé il giudizio interiore della coscienza, e questo, essendo una verifica dell'azione dello Spirito di verità nell'intimo dell'uomo, diventa nello stesso tempo il nuovo inizio dell'elargizione della grazia e dell'amore. Così in questo "convincere quanto al peccato" scopriamo una duplice elargizione: il dono della verità della coscienza e il dono della certezza della redenzione. Lo Spirito di verità è il Consolatore “» (CCC 1848). 

OPERATORE PER L'UNITÀ

«Giovanni Paolo II nell’enciclica Ut unum sint, interamente dedicata a una riflessione sull’ecumenismo, così ha scritto:
“Non si deve dimenticare che il Signore ha implorato l’unità dei suoi discepoli, perché essa rendesse testimonianza alla sua missione ed il mondo potesse credere che il Padre l’aveva inviato (cfr. Gv 17, 21). Si può dire che il movimento ecumenico abbia in un certo senso preso l’avvio dall’esperienza negativa di quanti, annunciando l’unico Vangelo, si richiamavano ciascuno alla propria Chiesa o Comunità ecclesiale; una contraddizione che non poteva sfuggire a chi ascoltava il messaggio di salvezza e che vi trovava un ostacolo all’accoglienza dell’annuncio evangelico.
È nella volontà di Dio che la Chiesa sia costantemente rivolta ad essere segno e strumento di unità:
Assieme a tutti i discepoli di Cristo, la Chiesa cattolica fonda sul disegno di Dio il suo impegno ecumenico di radunare tutti nell’unità. Infatti la Chiesa non è una realtà ripiegata su se stessa bensì permanentemente aperta alla dinamica missionaria ed ecumenica, perché inviata al mondo ad annunciare e testimoniare, attualizzare ed espandere il mistero di comunione che la costituisce: raccogliere tutti e tutto in Cristo; ed essere per tutti "sacramento inseparabile di unità”.
La basilica di San Paolo è divenuta nel tempo luogo della preghiera struggente per l’unità dei cristiani» (Andrea Lonardo). Il Giubileo del 2000 ha visto l'apertura della Porta Santa della basilica di San Paolo non a Natale, come avvenne in San Pietro e in San Giovanni in Laterano, bensì il 18 gennaio 2000, inizio della settimana di preghiera per l'unità dei cristiani.

vespri-san-paolo-

«Già Papa Giovanni XXIII, la sera del 25 Gennaio del 1959, celebrando nella basilica paolina la Conversione di San Paolo, manifestò per la prima volta la sua intenzione di indire il Concilio Vaticano II (e di indire anche un Sinodo della Diocesi di Roma). Proponendo il Concilio estese quel giorno l’invito ai fedeli delle altre Chiese e Comunità cristiane, perché partecipassero alla "ricerca per l’unità e la grazia". La celebrazione della settimana di preghiera per l’unità dei cristiani si è poi concretizzata, in Roma, con la tradizione della liturgia presieduta dal papa l’ultimo giorno della settimana di preghiera, il 25 gennaio, festa della conversione di San Paolo.Il riconoscimento della realtà dello stesso battesimo ricevuto nella professione di fede, che rende figli di Dio e che incorpora alla Chiesa, è sorgente di stupore e di ringraziamento a Dio, come esigenza di cammino e di conversione. "È l'ascolto dello Spirito che deve rendere tutti noi capaci di giungere a manifestare visibilmente, nella piena comunione, la grazia della figliolanza divina inaugurata dal battesimo: tutti figli di un solo Padre. L'Apostolo non cessa di ripetere anche per noi, oggi, l'impegnativa esortazione "Un solo corpo, un solo spirito, come una sola è la speranza alla quale siete stati chiamati, quella della vostra vocazione; un solo Signore, una sola fede, un solo battesimo. Un solo Dio Padre di tutti, che è al di sopra di tutti, agisce per mezzo di tutti ed è presente in tutti" (Efesini, 4, 4-6)... Ogni anno giubilare è come un invito ad una festa nuziale. Accorriamo tutti, dalle diverse Chiese e Comunità ecclesiali sparse per il mondo, verso la festa che si prepara; portiamo con noi ciò che già ci unisce e lo sguardo puntato solo su Cristo ci consenta di crescere nell'unità che è frutto dello Spirito". (Giovanni Paolo II, Incarnationis Mysterium, n. 4)» (Andrea Lonardo). 

FONTI

Andrea Lonardo, La Basilica di San Paolo, http://www.gliscritti.it/approf/luogiub/lugcap2.htm#_Toc514781579

Francesco, Evangelii Gaudium

Francesco, Misericordiae Vultus

Giovanni Paolo II, Incarnationis Mysterium

Giovanni Paolo II, Ut Unum Sint

Newsletter
Aprile-maggio
2017

NLaprile-maggio2017

invetrina2

I cammini
Un'esperienza di pellegrinaggio 
per i giovani

via-francigena

Per accompagnare
i cammini
Lo zaino del pellegrino giovane

vie

Sinodo sui giovani 
Un osservatorio
Commenti. riflessioni, proposte  

sinodogiovani

Storia "artistica"
della salvezza 

agnolo bronzino discesa di cristo al limbo 1552 dettaglio2

Con o senza Te
#nonèlastessacosa
Proposta pastorale MGS 2016-17 
 

tornarea

Interpellati 
da Gesù

interpellatidagesu

Società, giovani 
e ragazzi
Aspetti socio-psico-pedagogici  

ragazziegiovani

L'educatore
competente
 
Formazione e spiritualità
 

educatore competente

Istituzioni, luoghi, 
contesti educativi 
 

cittaeducativa

Santi e testimoni 
di ieri e di oggi
Proposta di un cammino spirituale 
 

Icona Martiri2016

Educazione 
e bellezza 
 

educazione bellezza

Sussidi e materiali 
x l'animatore in gruppo 
 

cassetta

Newsletter NPG



Ricevi HTML?

PGNEWS

stampa

NPG: appunti 
per una storia

2010 SDB - NPG Logo 02 XX

Lo zibaldone. 
Di tutto un po'
Tra letteratura, arte e pastorale...

zibaldone

rubriche

Le 10 Parole 
(Ravasi, RadioRai,
Di Sante)

tavoledellalegge

Pedagogia 
interculturale

pedagogia interculturale

 Frammenti di fede
nel quotidiano
Dio, Cristo, Maria. Chiesa
 

fedenelquotidiano

I giovani 
e Maria
Comprensione e devozione cristiana

mariadinazareth

Corporeità e
pastorale giovanile

corporeita

Educazione 
e mistica

meistereckhart

Formazione 
(giovani) animatori

giovani -_pastorale_giovanile_animatori

Educare
alla Costituzione

costituzione

Le interviste: 
PG e...

interviste

LIVE

webtvpic

Il numero di NPG 
in corso
Aprile - Maggio 2017

00NPGcoveraprilemaggiohomepage

novita

ipad-newspaper-G

Le ANNATE di NPG 
1967-2017 
 

annateNPG

I DOSSIER di NPG 
(dall'ultimo ai primi) 
 

dossier

Le RUBRICHE NPG 
(in ordine alfabetico)
Alcune ancora da completare 
 

Rubriche

Gli AUTORI di NPG
ieri e oggi 

pennapennino

Gli EDITORIALI NPG 
1967-2017 
 

editorialeRIDOTTO

INDICI NPG
50 ANNI
 
Voci tematiche - Autori - Dossier

search

VOCI TEMATICHE 
di NPG
(in ordine alfabetico) 
 

dizionario

I LIBRI di NPG 
Giovani e ragazzi,
educazione, pastorale
 

libriNPG

I «QUADERNI» 
dell'animatore

quaderni

 

Alcuni PERCORSI 
educativo-pastorali in NPG
 

percorsi

I SEMPREVERDI 
I migliori DOSSIER di NPG 
 

vite N1

NOTE'S GRAFFITI 
Materiali di lavoro
con gruppi di ragazzi e adolescenti 
 

medium

Un percorso di spiritualità
per giovani

spirit-giovanile

Teologia e antropologia 
per la pastorale
Contributi NPG dal 1996 al 2016 
 

statuetta-buon-pastore

Cantieri
dell'anima
Piste educative estemporanee

cantieredellanima

Temi biblici
per la PG
e la spiritualità
 

bibbia-rubriche

Alla scuola
di Gesù
Percorsi di Giubileo

allascuoladigesu

Semi di
spiritualità
Il senso nei frammenti

spighe

 

Maestro, 
dove abiti?

merc28mag

Itinerari 
di educazione  
alla fede

Sentiero 02

Temi 
«generatori»
Pastorale e spiritualità giovanile

inprimopiano

Imparare
a pregare
Obiettivi, metodi, esperienze

lorante

Vocazione,
vocazioni
Nella Chiesa, per il mondo

vocazione

Interiorità
questa inattuale
L'educazione del e dal profondo

reiki 02

PG per la vita 
e la speranza
Un approccio «scientifico» alla PG

giov

Amore 
giovane
Temi di pastorale del fidanzamento

giovani-amore-internet

Educazione 
alla virtù

virtu

SOCIAL AREA

 
socialareaok2 r1_c1_s1 socialareaok2 r1_c2_s1 socialareaok2 r1_c3_s1 socialareaok2 r1_c4_s1

Contattaci

Note di pastorale giovanile
via Marsala 42
00185 Roma

Telefono: 06 49 40 442

Fax: 06 44 63 614

Email

MAPPE del SITO 
per navigare con una bussola

mappesito

PROGRAMMAZIONE
NPG 2017

programmazione

La DOTTRINA SOCIALE 
della Chiesa

dottrina

Le INTERVISTE: 
PG e...

interviste

cospes vis tgs cnosfap cgs cnosscuola scsOK1 cnossport
Salesiani di Don Bosco Figlie di Maria Ausiliatrice editrice elledici università pontificia salesiana Servizio nazionale di pastorale giovanile Movimento Giovanile Salesiano salesitalia Mision Joven Dimensioni Mondo Erre DonBoscoland Scritti di Don Bosco ans bollettino
LogoMGSILE valdocco missioni missionitv asc exallievi vcdb mor ICC icp ILE ime ine isi