Note di Pastorale Giovanile

Stampa
PDF

 

copertina-diario

È possibile che un diario bello ed elegante (copertina cartonata - 350 pagine - 4 colori - rilegato) costi solo € 5?
Abbinato al diario c'è l'opportunità di fare un gesto di solidarietà, perché con altri € 5 ne regali uno uguale ad un bambino che vive in uno dei Paesi del Terzo Mondo.
Sì è possibile spendere € 10 per 2 diari, se il diario si chiama "IL MIO CARO LONTANO COMPAGNO DI BANCO"!
L'unico edito in 4 lingue, dal momento che il Compagno Lontano lo riceverà nella sua lingua.
È nato come Progetto di Educazione alla Mondialità, per sensibilizzare gli scolari italiani (bambini e preadolescenti) a guardare oltre il proprio banco e gettare un ponte di amicizia con un loro coetaneo che vive "lontano", spesso in condizioni di estrema difficoltà, pur avendo gli stessi diritti all'istruzione.
I contenuti del diario sono ricchi di sollecitazioni educative:
* il calendario nelle tre grandi religioni monoteiste;
* una scheda per ciascuna delle 10 scuole del SUD del Mondo con cui le classi di scuole italiane potrebbero gemellarsi;
* una pagina dedicata alle domeniche e alle feste con tavole disegnate da Cesar;
* un racconto (IL MIGLIOR AMICO) da interpretare e illustrare;
* il ricordo delle principali Giornate Internazionali;
* spunti di umorismo.
Il tutto in una veste grafica accattivante.
Un diario decisamente "alternativo" che ogni genitore cui sta a cuore la crescita umana, culturale e solidale del proprio figlio non dovrebbe farsi sfuggire. Un dono che lo accompagnerà ogni giorno dell'anno scolastico e gli suggerirà "una parolina all'orecchio" che lo aiuterà a maturare.

Qui la sua "strutturazione" in un depliant pdf.

Lo si può richiedere direttamente ai creatori del Progetto e lo si riceverà per posta:
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Stampa
PDF

 

La missione

tra ostacoli

e persecuzioni

Domenica XII del tempo ordinario A

papa Francesco

a cura di Gianfranco Venturi

perderelavita
Mt 10,26.28 La paura della missione [1]

Grandezza e paura della missione
Tra il Signore e le persone che egli invia esiste una relazione particolare: Mosè, Isaia, Geremia, Giuseppe, Giovanni Battista e così via. Tutti costoro hanno avvertito l’insufficienza delle loro possibilità davanti alla chiamata del Signore: «Chi sono io per andare dal faraone e far uscire gli Israeliti dall’Egitto?» (Es 3,11). «Ohimè! Io sono perduto, perché un uomo dalle labbra impure io sono» (Is 6,5). «Ahimè, Signore Dio! Ecco, io non so parlare, perché sono giovane» (Ger 1,6). «Sono io che ho bisogno di essere battezzato da te, e tu vieni da me?» (Mt 3,14). E Giuseppe che nei confronti di Maria aveva deciso «di ripudiarla in segreto» (Mt 1,9-20). Questa resistenza iniziale, questa incapacità di comprendere la grandezza della chiamata, è la paura della missione. Si tratta di un segno di buono spirito, soprattutto se non ci si ferma lì e si consente alla forza del Signore di esprimersi su questa debolezza e di darle consistenza, di fondarla: «Io sarò con te. Questo sarà per te il segno che io ti ho mandato: quando tu avrai fatto uscire il popolo dall’Egitto, servirete Dio su questo monte» (Es 3,12). «Ecco, questo ha toccato le tue labbra, perciò è scomparsa la tua colpa e il tuo peccato è espiato» (Is 6,7). «Non dire: “Sono giovane”. Tu andrai da tutti coloro a cui ti manderò e dirai tutto quello che io ti ordinerò. Non aver paura di fronte a loro, perché io sono con te per proteggerti» (Ger 1,7-8). «Lascia fare per ora, perché conviene che adempiamo ogni giustizia» (Mt 3,15). «Giuseppe, figlio di Davide, non temere di prendere con te Maria, tua sposa. Infatti il bambino che è generato in lei viene dallo Spirito Santo» (Mt 1,20).
Quanto è accaduto ai nostri predecessori ci serve da esempio.

La missione ci mette sul legno della Croce
Quando veniamo scelti, sentiamo che il peso è grande, proviamo paura (in qualche caso si giunge al panico): è l’inizio della croce. E tuttavia, al tempo stesso, sentiamo quella profonda attrazione del Signore che, con il suo stesso chiamarci, ci seduce con un fuoco ardente affinché lo seguiamo (cfr. Ger 20,7-18).
I due sentimenti sono congiunti perché, fin dall’epoca dei patriarchi, prefigurano l’abbandono di Cristo sulla croce, arrivato a quel punto per compiere fino in fondo la volontà del Padre. La missione ci mette, necessariamente, sul legno della croce: è questo il segno che la missione ricevuta è secondo lo Spirito di Dio e non secondo la carne.
Nella solitudine di colui che viene inviato c’è una spoliazione iniziale («e, lasciando tutto, lo seguirono») che andrà consolidandosi nel corso della vita fino alla vecchiaia («quando sarai vecchio altri ti vestiranno e ti porteranno dove tu non vuoi»).
Accettare la missione comporta una dimensione di abbandono di tutto, come quella che si dà nel moribondo. E soltanto se entriamo in questa dimensione da «moribondi» comprendiamo la portata effettiva di quel che ci viene chiesto, e imbocchiamo la retta via: [2] «Se il chicco di grano, caduto in terra, non muore, rimane solo; se invece muore, produce molto frutto» (Gv 12,24).

La dialettica fra timore e seduzione
Tra le consegne date da Gesù ai suoi discepoli al momento di inviarli (quando affida loro la missione), distinguiamo due serie di raccomandazioni. [3] La prima si riferisce alla lotta che dovranno ingaggiare, e li previene rispetto alla situazione esistenziale: «Ecco: io vi mando come pecore in mezzo a lupi [...]. Guardatevi dagli uomini, perché vi consegneranno ai tribunali e vi flagelleranno nelle loro sinagoghe; e sarete condotti davanti a governatori e re per causa mia, per dare testimonianza a loro e ai pagani» (Mt 10,16-18). «Il fratello farà morire il fratello e il padre il figlio, e i figli si alzeranno ad accusare i genitori e li uccideranno. Sarete odiati da tutti a causa del mio nome. Ma chi avrà perseverato fino alla fine sarà salvato» (Mt 10,21-22). «Non crediate che io sia venuto a portare pace sulla terra; sono venuto a portare non pace, ma spada. Sono infatti venuto a separare l’uomo da suo padre e la figlia da sua madre e la nuora da sua suocera; e nemici dell’uomo saranno quelli della sua casa» (Mt 10,34-36). «Chiunque vi ucciderà crederà di rendere culto a Dio» (Gv 16,1).
La seconda serie di esortazioni porta fortezza e consolazione: «Quando vi consegneranno, non preoccupatevi di come o di che cosa direte, perché vi sarà dato in quell’ora ciò che dovrete dire: infatti non siete voi a parlare, ma è lo Spirito del Padre vostro che parla in voi» (Mt 10,19- 20). «Non abbiate dunque paura di loro» (Mt 10,26). «E non abbiate paura di quelli che uccidono il corpo, ma non hanno potere di uccidere l’anima; abbiate paura piuttosto di colui che ha il potere di far perire nella Geenna e l’anima e il corpo» (Mt 10,28). «Non abbiate dunque paura: voi valete più di molti passeri!» (Mt 10,31).

10,22 Perseveranza nella missione [4]

Perseveranti nella perseveranza di Gesù
Nel giorno della visione, nel giorno del Signore, Gesù ci dirà come a Giovanni: “Non temere! Io sono il Primo e l’Ultimo” (Ap 1,17). Tutti avremo questa visione, in comunità, perché siamo “fratelli e compagni nella tribolazione, nel regno e nella perseveranza in Gesù” (Ap 1,9). La perseveranza implica pazienza, sopportazione. Per esprimerlo, il Nuovo Testamento usa il verbo hypoménein (“essere sottoposti a qualcosa”). Vale a dire, in questo linguaggio, sopportare, resistere, sostenere, e va applicato alla costanza nelle prove quando si tratta di resistere a una pressione, a una persecuzione, a qualsiasi tipo di stanchezza o di scoraggiamento, alla seduzione. È la costanza del credente pellegrino a consentirgli di raggiungere la meta del suo camminare. Il Signore, annunciando sofferenze ai suoi discepoli, ha fatto della resistenza fino alla fine la condizione e la certezza della salvezza: Mt 10,22; 24,13; Ap 2,10; Mc 13,13.

… fondati sulla roccia
“Considerate perfetta letizia, miei fratelli, quando subite ogni sorta di prove, sapendo che la vostra fede, messa alla prova, produce pazienza. E la pazienza completi l’opera sua in voi, perché siate perfetti e integri, senza mancare di nulla” (Gc 1,3-4; cfr. anche Gc 1,12; Gc 5,11).
Resistere, sopportare, pazientare, tollerare, significa essere fermi davanti ai “movimenti” che tentano di farci venir meno. “Vigilate, state saldi nella fede, comportatevi in modo virile, siate forti” (1Cor 16,13). Ma qui non s’intende un restare fermi nel senso d’immobilità o fissità, bensì fermi come chi è fondato sulla roccia (e non come chi è inamidato o rigido). “Non abbiate paura! Siate forti e vedrete la salvezza del Signore, il quale oggi agirà per voi [...]. Il Signore combatterà per voi” (Es 14,13). Questo stare saldi ha senso di coraggio, virilità, il viriliter age che così spesso compare nella Bibbia. La mancanza di virilità, la viltà, la doppiezza, i modi effeminati, la falsità, l’ipocrisia, sono sempre segni di chi non è forte e non è fermo, di chi è fondato sulla sabbia (cf. nell’Antico Testamento i brani in cui si viene esortati a questa virilità fiduciosa in Dio: Dt 31,6.7.23; Gs 1,6.7.9.18; Gs 10,35; 2Cr 32,7; 1Cr 22,13; 18,20; Dn 10,19; Sal 27,14; 31,24).

10,22-23.38 Tra ostacoli e persecuzioni [5]

Diversità di persecuzioni
Le difficoltà a volte superano il semplice “ostacolo” e divengono vere e proprie persecuzioni: la condizione di perseguitati è normale nell’esistenza cristiana, sempre che si viva con l’umiltà del servo inutile, lungi da ogni desiderio di appropriazione che conduca al vittimismo. I primi cristiani furono purificati dal modo in cui affrontarono le persecuzioni. In un primo periodo, si resero conto che le persecuzioni avviate contro di loro dagli ebrei rientravano nella linea dei castighi già inflitti da questi ultimi agli inviati del Signore (Mt 23, 29-36; At 7, 51-52). Più tardi, le persecuzioni saranno lette in un contesto escatologico, assumendo un’importanza che in precedenza non avevano: colmano la misura (1Ts 2, 15ss) nello stesso momento in cui il Figlio dell’Uomo viene a giudicare e separare i buoni dai malvagi (Mt 5,10-12). La persecuzione viene intesa, allora, come il giudizio sulle opere. Un terzo stadio di riflessione, successivo, invita i perseguitati a soffrire e morire “per il Figlio dell’Uomo” (Lc 6, 22; Mc 8, 35; 13, 8-13; Mt 10, 39) e, ancora oltre, a imitare la sua passione (Mt 10,22-23; Mc 10,38). A quest’ultima concezione corrisponde il martirio di Stefano, che consiglio a tutti di rileggere con calma e meditare (At 6,8-7.60). Stefano non solo muore per Cristo, ma muore come Lui, con Lui, e questa partecipazione al mistero stesso della passione di Gesù Cristo è la base della fede del martire: morendo da perseguitato, afferma con la sua vita che la morte non è stata l’ultima parola della vita di Gesù.

Le nostre persecuzioni
Anche noi facciamo esperienza di questi tre modi di vivere le difficoltà e le persecuzioni nel corso della nostra vita. Quando siamo di fronte al terzo modo, allora ci troviamo a vivere il più vicino possibile a Cristo. Dunque possiamo affermare che la morte di Cristo è come l’a priori fondamentale di ogni vocazione cristiana: “L’amore del Cristo infatti ci possiede; e noi sappiamo bene che uno è morto per tutti, dunque tutti sono morti. Ed Egli è morto per tutti, perché quelli che vivono non vivano più per se stessi, ma per colui che è morto e risorto per loro” (2Cor 5, 14-15). Contemplando Cristo in croce, ci rendiamo conto che gli dobbiamo la nostra vita perché - e solo per questo - Lui ha dato la sua per noi; e se la gratitudine è sincera, allora ci porta sullo stesso piano: a dare la vita come ha fatto Lui. E in questo preciso punto che vengono mandate all’aria tutte le forme di “comportamentismo” che pretendono di esaurire le modalità dell’atteggiamento cristiano. Alla generosità di Cristo non si può rispondere con un formale ed educato “tante grazie”: bisogna essere pronti a offrire la vita, che esiste così come la concepiamo da quando il Signore ha percorso la strada della croce. Bisogna rispondere con la gratitudine di tutto il nostro essere. Questo “ringraziare” con la nostra vita si verifica ogni giorno, nella celebrazione del “rendere grazie” per antonomasia, l’Eucaristia, che è a sua volta la memoria della passione del Signore. L’Eucaristia fonda la Chiesa, la alimenta, la mantiene viva. “Ogni volta infatti che mangiate questo pane e bevete al calice, voi annunciate la morte del Signore, finché Egli venga” (1Cor 11, 26). Quando celebriamo l’Eucaristia, rendiamo presente l’ora della nascita della Chiesa, che coincide con l’ora della morte del Signore. E il nostro modo di rendere grazie è accettare questa morte, conformarci a essa. E qui che si crea, in definitiva, la nostra appartenenza alla Chiesa.

10,37-39 L’ostilità al modus vivendi del cristiano [6]

Se vogliamo servire Dio, ci sarà lotta, fino alla ricerca della croce come unico luogo teologico di vittoria, passando attraverso la capacità di condanna e il desiderio di offrirsi alla fatica. Chi procede per questo itinerario viene condotto, come il Signore, a Gerusalemme.
C’è, dunque, una dimensione di ostilità nel modus vivendi cristiano (tanto più in quello di un religioso desideroso di seguire il suo Signore più da vicino): “Chi ama padre o madre più di me, non è degno di me; chi ama figlio o figlia più di me, non è degno di me; chi non prende la propria croce e non mi segue, non è degno di me. Chi avrà tenuto per sé la propria vita, la perderà, e chi avrà perduto la propria vita per causa mia, la troverà” (Mt 10,37-39).
La decisione di seguire Gesù racchiude quella di percorrerne la strada e la sicurezza della croce. Quanto è lontano, questo, dalle concessioni accettate da un cuore diviso, che sogna la coesistenza pacifica tra il Signore della gloria e lo spirito del mondo!
L’ostilità a cui si sottopone colui che decide di percorrere la strada di Cristo nostro Signore affiora nelle varie persecuzioni che vi fanno la loro comparsa. Il servizio cristiano, quando è autentico, spazza via ogni nostalgia esistenziale basata su canoni da ecloga bucolica.


NOTE

1 J.M. BERGOGLIO, La croce e la missione, in: J.M. BERGOGLIO, Pace, Milano Corriere della sera 2014, (= Le parole di papa Francesco,5), 107-126.
2 Perciò sant’Ignazio ritiene quella di collocarsi nel momento della morte una situazione eccellente per scegliere bene: «Immaginandomi in punto di morte, considerare il modo di procedere che allora vorrei aver tenuto nella maniera di fare la presente scelta e regolandomi su di essa, prendere coerentemente la mia decisione» (ES 186). Ritorna qui la teologia del «come se», molto cara a sant’Ignazio.
3 Cfr. H.U. VON BALTHASAR, Cordula, ovverosia il caso serio.
4 Perseveranza nella vocazione, in J.M. BERGOGLIO, Natale (= Le parole di Papa Francesco,1) Corriere della sera, Milano 2015, 55-66
5 Croce e senso belligerante della vita, in J. M. BERGOGLIO - PAPA FRANCESCO, Aprite la mente al vostro cuore, BUR, Milano 2014, 63-70.
6 Croce e senso bellico della vita, in J.M. BERGOGLIO, Pace, Milano Corriere della sera 2014, (= Le parole di papa Francesco, 5), 31-46.

Stampa
PDF

 

Non abbiate paura!

XII domenica del tempo ordinario - A

A cura di Franco Galeone *

nonpaura
La domenica “del giusto perseguitato”

Gesù, per liberare i suoi apostoli dalla paura, porta i seguenti motivi: le persecuzioni li rendono simili al loro maestro (vv. 24-25); la loro innocenza sarà dimostrata (v. 26); i persecutori possono fare male al corpo ma non all’anima (v. 28); gli apostoli sono infinitamente cari al Padre (vv. 29-30). Se mai qualcuno ha pensato che seguire Cristo significhi sicurezza e protezione, questo brano del Vangelo basta a disilluderlo. Oggi, nella Chiesa, non c’è posto per nessun don Abbondio! Il discepolo di Gesù è esposto alle persecuzioni proprio perché suo discepolo.

Non è lecita nessuna “fuga mundi” al cristiano

Al tempo di Gesù, correvano previsioni abbastanza apocalittiche circa la fine del mondo. I primi cristiani raccolsero queste rappresentazioni apocalittiche, soprattutto dopo l’emozione della caduta di Gerusalemme e della distruzione del Tempio. Poi, anch’essi hanno dovuto comprendere che l’importante non era descrivere la fine dei tempi, immaginare la distruzione del mondo, ma vivere nel tempo orientati verso l’eterno, camminare con i piedi sulla terra e con il cuore verso il cielo. La fine dei tempi significa sostanzialmente due verità: la prima è che verrà distrutto quanto gli uomini hanno costruito nella ingiustizia; la seconda è che si realizzerà in pienezza il Regno del Signore, Regno di pace e di giustizia. Perciò la fine dei tempi appare ambivalente: da un lato, sarà distruzione del male compiuto dai violenti; dall’altro, esaltazione del bene costruito dai giusti. In questi anni si nota un certo scetticismo, che emerge dalle tante promesse mancate: la civiltà, così come l’abbiamo costruita, non funziona: La terra, interamente illuminata dalla ragione, brilla all’insegna di una trionfale sciagura. Su questo scetticismo sarebbe facile, ma disonesto, costruire la nostra nuova apologia, del tipo: Ve lo avevamo detto, ben vi sta! I nuovi fasti della religione cristiana vanno fondati su ben altra teodicea!
In questo periodo di scoramento, i cristiani hanno una parola sapienziale da pronunciare? Certamente, e la prima è quella di lavorare per la realizzazione del Regno di Dio. Nessuna oziosità storica, nessuna fuga mundi, nessuna meditatio mortis. Anche oggi si notano forme spirituali, movimenti carismatici, correnti mistiche, che privilegiano il distacco dal mondo. È la tentazione dell’ora! Il credente maturo lavora con serietà e con serenità per la realizzazione del Regno di Dio, ascolta con sincerità la parola di Dio, e la vive ogni giorno. Questa saldatura tra la professione della fede e l’impegno nella società è un punto fondamentale di non-ritorno. Non dobbiamo più costruire spazi sacri per incontrare Dio, non abbiamo terre sante da visitare, non abbiamo case di Dio in cui cercare rifugio. La casa di Dio è la casa dell’uomo, l’immagine di Dio è l’uomo vivente.
In secondo luogo, valorizziamo pure le costruzioni del Tempio sacro, ma nella loro provvisorietà. Nel passato, avevamo la presunzione di costruire per il sempre. Oggi, la relatività avvolge tutte le realtà. Secondo il filosofo greco Eraclito, noi siamo immersi nel movimento eterno, quindi non possiamo costruire uno stato perfetto, una chiesa definitiva. Nessuna perfezione toccherà mai le cose umane; il nostro cuore sarà sempre inquieto, verso un avere di più, verso un essere di più. La vera ascetica, che sostituisce quella conventuale o eremitica, è l’ascetica di chi costruisce sapendo che tutto poi verrà superato; il “relativo” diventa così il nostro “cilicio quotidiano”, la dedizione al provvisorio diventa la nostra passione e la nostra sofferenza.
In terzo luogo, il credente maturo accetta la contraddizione come norma di vita. Oggi non si può essere cristiani volendoci bene, sospirando la pace, cercando l’unità tra “le anime belle”, in una sorta di “candida rosa”. Oggi il conflitto è la regola quotidiana. Gesù ha previsto conflitti persino in famiglia: genitori contro figli, spose contro mariti, fratello contro sorella. Accettare il conflitto, cercare di superarlo, essere strumenti di pace: questo è l’impegno del credente.

La persecuzione: una beatitudine!

La carità non è una pia cecità o una religiosa sordità o una fibrillazione del cuore, ma è una superiore passione, un principio architettonico della realtà. Chi vuole vivere oggi secondo il Vangelo, apre dei conflitti; chi vuole una società giusta, provoca contraddizioni. Le persecuzioni non sono una possibilità remota ma sempre attuale; non esiste una vita cristiana all’insegna della tranquillità. Non si va in carrozza in paradiso! Un vero discepolo non va come un fanatico alla ricerca delle persecuzioni, e neppure si abbandona morbosamente all’istinto del vittimismo. Se siamo perseguitati dagli altri a motivo della fedeltà al Vangelo, beati noi! Ma non ogni persecuzione merita la beatitudine del Signore: possiamo essere perseguitati per tanti altri motivi, la cui responsabilità è tutta nostra. Qualche volta la chiesa è stata perseguitata per oscurantismo, per pigrizia, per viltà, per debolezza, per complicità, per interesse. Talvolta l’ostilità contro la chiesa è nata da un amore deluso verso di essa: i limiti dei cristiani, le connivenze con situazioni di ingiustizia, le paure, i silenzi, i compromessi … hanno provocato la reazione degli uomini onesti e di buona volontà. Ma c’è anche una persecuzione orchestrata dalle forze del male, da quel “lievito nero” che si ramifica fino a diventare una “religione del male”, a produrre i “fiori del male”, una sorta di “corpo mistico del male”. Il credente non si scoraggia: se da un lato, è l’uomo della impazienza, perché il giorno è breve e la notte si avvicina; da un altro lato, il credente è anche l’uomo della pazienza, perché sa che dalla morte del seme nasce il fiore del Regno di Dio. La pazienza è il frutto della speranza! Buona vita!

* Gruppo Biblico ebraico-cristiano

Stampa
PDF

 

Un contributo dell’Istituto di Catechetica UPS
alla Chiesa italiana

nel contesto e in preparazione al Sinodo dei Vescovi del 2018:
i giovani, la fede e il discernimento vocazionale


Master di 1° livello per

Educatori di Adolescenti

MasterAdolescentiX Copertinasito

L’esigenza di sostenere e accompagnare le Chiese locali nel rinnovamento dei processi di educazione alla fede relativi alla fascia degli adolescenti (14-19 anni), in un orizzonte che privilegia l’educazione integrale del «buon cristiano e onesto cittadino», spinge l’Istituto di Catechetica della Facoltà di Scienze dell’Educazione (FSE) dell’Università Pontificia Salesiana (UPS), su richiesta e in collaborazione con l’Ufficio Catechistico Nazionale (UCN) e il Servizio Nazionale per la Pastorale Giovanile (SNPG) della Conferenza Episcopale Italiana, a proporre un Master di primo livello per educatori degli adolescenti in ambito ecclesiale.

La proposta risponde anche al sentito bisogno di una qualificazione specifica e di aggiornamento per i Direttori degli Uffici Catechistici e del Servizio per la Pastorale Giovanile nell’ambito delle Diocesi italiane e per i collaboratori che li affiancano a vari livelli nell’animazione pastorale e catechistica diocesana.
Il Master, con finalità di aggiornamento nelle scienze dell’educazione e di formazione specifica nella metodologia catechetico-pastorale, intende abilitare le persone indicate dall’Ordinario all’assunzione di responsabilità e coordinamento a livello diocesano e parrocchiale della pastorale e catechesi con gli adolescenti.

Il Master è rivolto a Direttori e Collaboratori degli Uffici Catechistici Diocesani (UCD) e del Servizio di Pastorale giovanile Diocesano (SPGD) e a Educatori che svolgono un servizio negli Oratori e Centri Giovanili (OCG).
Per accedere come studenti Ordinari al Master si richiede il Baccalaureato/Laurea in Filosofia o Teologia o Scienze dell’Educazione o, più in generale, Scienze umane. Possono essere ammessi come Ospiti quegli studenti che hanno un “curriculum vitae” ritenuto idoneo dal Direttore del Master.

In linea con gli intenti del progetto, il Master intende garantire non solo la conoscenza dei contenuti ma la capacità di padroneggiarli, elaborarli, gestirli e applicarli. Il Master prevede delle aree tematiche e contenuti della formazione, offerti nelle lezioni frontali, approfonditi e sperimentati poi nei laboratori e nel tirocinio. Il Master, con forte accentuazione applicativa è strutturato in 1500 ore, pari a 60 ECTS.

Il Master ha una durata di 15 mesi (settembre 2017 – dicembre 2018), con la frequenza così distribuita:
* [Tre settimane intensive di 5 giorni] 11-15 settembre 2017; 9-13 febbraio 2018 e 7-11 (14-18) settembre 2018.
* [Due incontri di 3 giorni] 13-15 novembre 2017 e 11-13 maggio 2018 (lunedì-mercoledì).
Sede del Master: Università Pontificia Salesiana, Piazza dell’Ateneo Salesiano, 1 – 00139 ROMA.

Per informazioni e iscrizioni:
Indirizzo mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
Pagina web: rivistadipedagogiareligiosa.it

Depliant

Stampa
PDF

 

maradiaga

pagine 140 - € 17,50


È stato nella rosa dei “papabili” degli ultimi due conclavi. Honduregno, salesiano, arcivescovo di Tegucigalpa, il cardinal Oscar Rodriguez Maradiaga è uno degli uomini più vicini a Bergoglio, suo amico fraterno fin dai tempi della collaborazione nella Conferenza episcopale latino-americana.
Il 13 aprile 2013 il Papa argentino lo ha messo a capo del primo “consiglio dei ministri” della storia della Chiesa: il gruppo dei nove cardinali da tutto il mondo che ha il compito di consigliarlo nel governo della cattolicità e di coadiuvarlo nella riforma della Curia romana.
Nella lunga conversazione con Antonio Carriero racconta le sfide che il “Consiglio dei nove” ha dovuto affrontare in questi tre anni: la questione della trasparenza nella gestione del denaro in Vaticano, la riforma dello IOR, l’accorpamento dei dicasteri, l’obiettivo di una sinodalità concreta e non teorica, l’organizzazione di una Chiesa sempre meno romano-centrica e sempre più universale.
Il racconto svela come si sta progressivamente attuando dall’interno il processo di riforma e le molteplici resistenze al cambiamento di coloro che, secondo Maradiaga, «non sono misericordiosi con Francesco». Inediti e avvincenti sono alcuni particolari sugli ultimi due conclavi, sulla rinuncia di Benedetto XVI, sull’elezione di Francesco e sul giorno in cui il Papa gli disse: «Oscar, ho bisogno del tuo aiuto».
Nelle parole del cardinal Maradiaga si intravedono i passi lenti e faticosi di una Chiesa che vuole rinnovarsi nei gesti e nello stile, senza snaturare il suo messaggio: una “Chiesa in uscita”, una “Chiesa povera per i poveri”, una “Chiesa inquieta”.

Newsletter
Aprile-maggio
2017

NLaprile-maggio2017

invetrina2

I cammini
Un'esperienza di pellegrinaggio 
per i giovani

via-francigena

Per accompagnare
i cammini
Lo zaino del pellegrino giovane

vie

Sinodo sui giovani 
Un osservatorio
Commenti. riflessioni, proposte  

sinodogiovani

Storia "artistica"
della salvezza 

agnolo bronzino discesa di cristo al limbo 1552 dettaglio2

Con o senza Te
#nonèlastessacosa
Proposta pastorale MGS 2016-17 
 

tornarea

Interpellati 
da Gesù

interpellatidagesu

Società, giovani 
e ragazzi
Aspetti socio-psico-pedagogici  

ragazziegiovani

L'educatore
competente
 
Formazione e spiritualità
 

educatore competente

Istituzioni, luoghi, 
contesti educativi 
 

cittaeducativa

Santi e testimoni 
di ieri e di oggi
Proposta di un cammino spirituale 
 

Icona Martiri2016

Educazione 
e bellezza 
 

educazione bellezza

Sussidi e materiali 
x l'animatore in gruppo 
 

cassetta

Newsletter NPG



Ricevi HTML?

PGNEWS

stampa

NPG: appunti 
per una storia

2010 SDB - NPG Logo 02 XX

Lo zibaldone. 
Di tutto un po'
Tra letteratura, arte e pastorale...

zibaldone

rubriche

Le 10 Parole 
(Ravasi, RadioRai,
Di Sante)

tavoledellalegge

Pedagogia 
interculturale

pedagogia interculturale

 Frammenti di fede
nel quotidiano
Dio, Cristo, Maria. Chiesa
 

fedenelquotidiano

I giovani 
e Maria
Comprensione e devozione cristiana

mariadinazareth

Corporeità e
pastorale giovanile

corporeita

Educazione 
e mistica

meistereckhart

Formazione 
(giovani) animatori

giovani -_pastorale_giovanile_animatori

Educare
alla Costituzione

costituzione

Le interviste: 
PG e...

interviste

LIVE

webtvpic

Il numero di NPG 
in corso
Aprile - Maggio 2017

00NPGcoveraprilemaggiohomepage

novita

ipad-newspaper-G

Le ANNATE di NPG 
1967-2017 
 

annateNPG

I DOSSIER di NPG 
(dall'ultimo ai primi) 
 

dossier

Le RUBRICHE NPG 
(in ordine alfabetico)
Alcune ancora da completare 
 

Rubriche

Gli AUTORI di NPG
ieri e oggi 

pennapennino

Gli EDITORIALI NPG 
1967-2017 
 

editorialeRIDOTTO

INDICI NPG
50 ANNI
 
Voci tematiche - Autori - Dossier

search

VOCI TEMATICHE 
di NPG
(in ordine alfabetico) 
 

dizionario

I LIBRI di NPG 
Giovani e ragazzi,
educazione, pastorale
 

libriNPG

I «QUADERNI» 
dell'animatore

quaderni

 

Alcuni PERCORSI 
educativo-pastorali in NPG
 

percorsi

I SEMPREVERDI 
I migliori DOSSIER di NPG 
 

vite N1

NOTE'S GRAFFITI 
Materiali di lavoro
con gruppi di ragazzi e adolescenti 
 

medium

Un percorso di spiritualità
per giovani

spirit-giovanile

Teologia e antropologia 
per la pastorale
Contributi NPG dal 1996 al 2016 
 

statuetta-buon-pastore

Cantieri
dell'anima
Piste educative estemporanee

cantieredellanima

Temi biblici
per la PG
e la spiritualità
 

bibbia-rubriche

Alla scuola
di Gesù
Percorsi di Giubileo

allascuoladigesu

Semi di
spiritualità
Il senso nei frammenti

spighe

 

Maestro, 
dove abiti?

merc28mag

Itinerari 
di educazione  
alla fede

Sentiero 02

Temi 
«generatori»
Pastorale e spiritualità giovanile

inprimopiano

Imparare
a pregare
Obiettivi, metodi, esperienze

lorante

Vocazione,
vocazioni
Nella Chiesa, per il mondo

vocazione

Interiorità
questa inattuale
L'educazione del e dal profondo

reiki 02

PG per la vita 
e la speranza
Un approccio «scientifico» alla PG

giov

Amore 
giovane
Temi di pastorale del fidanzamento

giovani-amore-internet

Educazione 
alla virtù

virtu

SOCIAL AREA

 
socialareaok2 r1_c1_s1 socialareaok2 r1_c2_s1 socialareaok2 r1_c3_s1 socialareaok2 r1_c4_s1

Contattaci

Note di pastorale giovanile
via Marsala 42
00185 Roma

Telefono: 06 49 40 442

Fax: 06 44 63 614

Email

MAPPE del SITO 
per navigare con una bussola

mappesito

PROGRAMMAZIONE
NPG 2017

programmazione

La DOTTRINA SOCIALE 
della Chiesa

dottrina

Le INTERVISTE: 
PG e...

interviste

cospes vis tgs cnosfap cgs cnosscuola scsOK1 cnossport
Salesiani di Don Bosco Figlie di Maria Ausiliatrice editrice elledici università pontificia salesiana Servizio nazionale di pastorale giovanile Movimento Giovanile Salesiano salesitalia Mision Joven Dimensioni Mondo Erre DonBoscoland Scritti di Don Bosco ans bollettino
LogoMGSILE valdocco missioni missionitv asc exallievi vcdb mor ICC icp ILE ime ine isi