Pastorale Giovanile

    Home Indice

    Pastorale Giovanile

    Attesi dal suo amore
    Proposta pastorale 2024-25 

    MGS 24 triennio

    Materiali di approfondimento


    Letti 
    & apprezzati


    Il numero di NPG
    speciale sussidio 2024
    600 cop 2024 2


    Il numero di NPG
    maggio-giugno 2024
    600 cop 2024 2


    Newsletter
    SPECIALE 2024
    SPECIALE SUSSIDIO 2024


    Newsletter
    maggio-giugno 2024
    MAGGIO-GIUGNO 2024


    P. Pino Puglisi
    e NPG
    PPP e NPG


    Pensieri, parole
    ed emozioni


    Post it

    • On line il numero SPECIALE di NPG con gli approfondimenti della proposta pastorale, e quello di MAGGIO-GIUGNO sui "buchi neri dell'educazione".  E qui le corrispondenti NEWSLETTER: specialemaggio-giugno.
    • Attivate nel sito (colonna di destra "Terza paginA") varie nuove rubriche per il 2024.
    • Linkati tutti i DOSSIER del 2020 col corrispettivo PDF.
    • Messa on line l'ANNATA 2020: 118 articoli usufruibili per la lettura, lo studio, la pratica, la diffusione (citando gentilmente la fonte).
    • Due nuove rubriche on line: RECENSIONI E SEGNALAZIONI. I libri recenti più interessanti e utili per l'operatore pastorale, e PENSIERI, PAROLE

    Le ANNATE di NPG 
    1967-2024 


    I DOSSIER di NPG 
    (dall'ultimo ai primi) 


    Le RUBRICHE NPG 
    (in ordine alfabetico
    e cronologico)
     


    Gli AUTORI di NPG
    ieri e oggi


    Gli EDITORIALI NPG 
    1967-2024 


    VOCI TEMATICHE 
    di NPG
    (in ordine alfabetico) 


    I LIBRI di NPG 
    Giovani e ragazzi,
    educazione, pastorale

     


    I SEMPREVERDI
    I migliori DOSSIER NPG
    fino al 2000 


    Animazione,
    animatori, sussidi


    Un giorno di maggio 
    La canzone del sito
    Margherita Pirri 


    WEB TV


    NPG Facebook

    x 2024 400


    NPG X

    x 2024 400



    Note di pastorale giovanile
    via Giacomo Costamagna 6
    00181 Roma

    Telefono
    06 4940442

    Email

    Marcel Callo: molto, troppo cattolico per non essere arrestato e condannato


    Santi giovani e giovinezza dei santi /16

    Francesco Motto

    (NPG 2023-05-66)
     


    Alla lettura della biografia di Marcel Callo scritta da J. B Jégo (Un exemple, Marcel Callo. Rennes, Editions Riou-Reuzé 1946, 194 pp.) il famoso cardinale arcivescovo di Parigi, Emmanuel Shuard, scriveva all’autore nel febbraio 1947: “Inoltre voi avete fatto dell’agiografia. Senza dubbio non bisogna anticipare i giudizi della Chiesa, che soli sono decisivi, ma cosa manca a questo eroe perché sia proclamato santo”? Esattamente il 4 ottobre di quarant’anni dopo papa San Giovanni Paolo II lo elevava alla gloria degli altari fra la schiera dei nuovi beati. 
    Non è forse il primo scout francese ad essere beatificato, neppure il primo membro della JOC (Jeunesse Ouvriére Chrétienne = Giovani lavoratori cristiani) a raggiungere tali altezze spirituali, ma di certo quella di Marcel Callo è una figura di giovane degna di uscire dai ristretti confini nazionali per essere conosciuta universalmente.  

    Marcel Callo: chi era costui? 

    Marcel nacque a Rennes in Bretagna il 6 dicembre 1921, secondo di nove figli di una famiglia molto religiosa. Il fratello maggiore Jean sarebbe diventato sacerdote. Crescere in una numerosa famiglia lo ha abituato fin da piccolo alla condivisione delle cose, all’esercizio del rispetto delle opinioni altrui, alla disponibilità verso gli altri: ne avrebbe fatto tesoro negli anni avvenire. Leader in mezzo ai compagni di scuola, scanzonato come era, non dimostrò grande interesse negli studi, ma comunque, intelligente come era, riuscì a superare le prove scolastiche della fanciullezza. Nello stesso tempo però frequentava la vicina comunità dell’Adorazione e il monastero delle Clarisse, servendovi la messa da puntuale chierichetto ed eccellente cantore. Dell’Eucaristia sarebbe sempre stato un fervido promotore fra i compagni, soprattutto dopo aver fatto la prima comunione e la cresima. A 12 anni entrò fra gli scout (la troupe 5° Rennes), nel cui seno acquisì i valori educativi vivendone i momenti salienti delle uscite e delle attività, fermo restando che “il dovere dello scout comincia a casa”. In breve tempo era pronto per un grande salto. 
    Dovendo prepararsi al futuro e nello stesso tempo contribuire al benessere economico della famiglia, a 13 anni, appena finite le scuole, entrò come apprendista in un laboratorio tipografico. Di animo molto sensibile e cristianamente formato, non si trovò a suo agio. La dove passava tutta la giornata, in mezzo ad operai adulti, regnavano sovrane la volgarità e l’irreligione. Le passioni adolescenziali cominciarono presto poi a farsi sentire e dovette ricorrere alla preghiera e all’aiuto della mamma che non mancò di fargli balenare l’idea di entrare in seminario come il fratello maggiore. Rifiutò, voleva “fare del bene” fuori, nel mondo.  

    Operaio, membro della JOC 

    Accolse così, appena compiuto i 14 anni, l’invito dell’abbé Martinais ad entrare nella JOC, un’associazione ecclesiale di giovani lavoratori e delle classi popolari che svolgeva un'attività formativa, educativa e di evangelizzazione con e per i giovani lavoratori stessi. Fondata in Belgio nel 1925 dal canonico Joseph-Léon Cardijn, l’associazione si stava sviluppando pure all’estero.
    Marcel accettò a condizione di poter continuare il suo cammino da scout. Prestò però si rese conto dell’impossibilità della duplice appartenenza per i tanti e impegnativi legami con il movimento jocista. In essa si impegnò decisamente tanto da diventare in tempi brevi presidente della sua sezione, la Saint-Aubin. Da leader carismatico quale si apprestava ad essere, divenne l'amico e il confidente di tutti i membri e l'anima delle loro attività. La sezione crebbe numericamente, operativamente e spiritualmente, nonostante un ambiente operaio che considerava i giovani lavoratori cristiani dei traditori.
    Viveva a fondo il suo ideale:  

    “Voglio diventare sempre più una guida JOC, un combattente in prima linea puro e gioioso. Nel mio grande amore per i miei fratelli, voglio conquistare giovani lavoratori. Voglio vivere in te, Gesù. Voglio pregare con te. Per la tua gloria voglio donare tutta la mia forza e tutto il mio tempo, in ogni momento della mia vita”.  

    Arrivò al punto di essere soprannominato “Gesù Cristo”. Anziché offendersi, cercò di esserne degno. 
    Durante otto anni di attività jocista, dal 1935 al 1943, Marcel diede il massimo di se stesso, imparando sulla sua pelle la necessità della pazienza (aveva un carattere piuttosto irruento) con i soci religiosamente meno formati ma soprattutto coltivando il grande ideale cristiano, con il quale affrontare le difficoltà di ogni giorno. Con il suo forte ascendente sui compagni, in prima persona animava ritiri spirituali, circoli di studio, organizzava feste, promuoveva attività teatrali, lanciava catena di comunioni. 
    Si propose un programma di vita: “avere un cuore di fanciullo per Dio, un cuore di giudice per se stesso, un cuore di fratello per il prossimo”. I sacramenti dell’Eucarestia e della confessione” lo sostennero sempre anche nei momenti della malattia per la continua esposizione del piombo della tipografia. Lo accompagnava spiritualmente il cappellano della sezione abbé Martinais. 
    La dottrina del Corpo mistico di Cristo – rilanciata dall’apposita enciclica di papa Pio XII – sosteneva il movimento e ispirava i suoi migliori lavoratori. Nel 1937 Marcel partecipò a Parigi al Congresso per il X anniversario della JOC. Intanto ventunenne, si era fidanzato con Margherita, una compagna della JOC, e più tardi programmarono di annunciare il loro fidanzamento in occasione dell'ordinazione del fratello. 

    La guerra in città e la chiamata al servizio lavorativo obbligatorio 

    Nel frattempo, con l'anno 1943, la guerra mondiale era arrivata fino a Rennes. La prima disgrazia che colpì la famiglia Callo fu la morte di Maddalena, la terza figlia, durante un'incursione aerea dell’8 marzo. Contemporaneamente Marcel fu chiamato per andare a lavorare in Germania. Come altri, avrebbe potuto non presentarsi, ma ciò avrebbe esposto a rappresaglie il padre e il fratello, che stava per essere ordinato prete. Inoltre non voleva abbandonare i soci della JOC che avevano deciso di presentarsi.
    Il 19 marzo 1943, il giorno del funerale della sorella, Marcel partì “come missionario” per il campo di Zella-Mehlis in Turingia, al centro della Germania, dove arrivò fisicamente e moralmente provato anche in seguito a un’intossicazione alimentare. Si era ferito un dito in una macchina, soffriva di mal di denti, emicranie e coliche. Gli avevano rubato il portafoglio e gli avevano detto che la sua famiglia era stata bombardata. Lo sorreggevano la bibbia che aveva postati con se, alcuni libri e note personali.
    Alloggiati nelle baracche del campo con lui vi erano altri francesi. Vennero assegnati alla fabbrica di armi Walther, dove erano impiegati circa tremila lavoratori per dieci o undici ore al giorno. Trascorrevano il resto del tempo nelle baracche, affamati e infreddoliti. I deportati e i prigionieri, qualunque fosse la loro nazionalità, erano maltrattati dalle guardie. Nell'anno precedente all'arrivo di Marcel vi era stata una sola Messa e un'unica assoluzione collettiva. Oltre a questo dispiacere c'erano le prostitute francesi che avevano seguito i deportati. Scrisse in una delle sue numerose lettere conservate (oltre 180 in tredici mesi, spiritualmente profonde, inviate per lo più a famigliari e amici della JOC):  

    «I due mesi dopo il mio arrivo furono estremamente duri. Non avevo voglia di far niente. Non provavo sentimenti. Mi rendevo conto che mi stavo dissociando a poco a poco. Improvvisamente Cristo mi scosse e mi fece capire che ciò che stavo facendo non era buono. Mi disse di andare e di prendermi cura dei miei compagni. Allora la mia gioia di vivere ritornò». 

    Tra i deportati e in altri campi nella regione vi erano altri jocisti. Presto si misero in contatto per programmare il loro apostolato. Marcel iniziò organizzando messe con un prete tedesco che conosceva il francese e poteva confessare. Convinse altri ad adempiere al precetto pasquale e presto riuscì a organizzare una Messa mensile alla quale potevano partecipare deportati e prigionieri. Il suo gruppo jocista si incontrava nelle foreste. Vi erano altri gruppi e altre attività: musica, teatro, feste di cui era l’animatore; anche una squadra di calcio in cui giocava. Insegnò ai suoi compagni alcuni giochi, allo scopo di fornire distrazioni salutari e di costruire una rete di contatti per far circolare le informazioni sulla Messa. 
    Dalla famiglia gli arrivavano cattive notizie: la mamma ammalata, l’impossibilità di partecipare alle feste per l’ordinazione sacerdotale del fratello. Dalla Francia pure cattive notizie: arresti di joicisti e di seminaristi, uccisioni di preti. Il 3 agosto fu arrestato pure e imprigionato il fondatore dei jocisti francese, abbé George Guérin per aver mantenuto, malgrado la proibizione delle associazioni, l’attività della JOC. Alta e solenne, ma sostanzialmente inutile, la protesta del card. Suhard il 24 agosto, a nome di tutto l’episcopato francese. La repressione contro le associazioni e cattoliche non si fermò né in Francia né tantomeno in Germania. 

    Arresto e condanna 

    Nel frattempo la Gestapo stava seguendo gli eventi e leggendo probabilmente le sue numerose lettere. Le associazioni clandestine erano proibite e inevitabilmente arrivò il giorno nel quale la Gestapo piombò su di lui. L'occasione venne fornita dalla lista dei leader jocisti trovata presumibilmente presso i fratelli Vallée, anche loro jocistes, che erano stati arrestati. Il nome di Marcel era lì riportato.
    Quando fu chiesto agli agenti della Gestapo il motivo del suo arresto il 9 aprile, essi semplicemente risposero: «È molto troppo cattolico». Marcelo chiese a un compagno di scrivere ai suoi familiari per dir loro che era stato arrestato a causa della sua opera cattolica, ed egli stesso scrisse: «Sapete anche voi che poteva accadere, e io me lo aspettavo». Fu portato alla prigione della Gestapo a Gotha, non molto lontano. Fu interrogato il 22 aprile e poi condannato: “per la sua azione cattolica presso i suoi compagni, durante il lavoro obbligatorio in Germania, si sono resi nefasti al regime nazista e alla salvezza del popolo”.
    Con altri undici jocisti il 6 giugno rimase nella prigione di Gotha fino a ottobre. Costretti a lavorare duramente, vissero però qualche momento di gioia come quando seppe dell'invasione della Normandia lo stesso 6 giugno o quando riuscirono a ricevere l'eucarestia. Marcello esclamò: «Comunione. Gioia immensa!».
    Nell’ultima lettera che scrisse alla famiglia (luglio 1944) la sua fede brilla luminosa: 

    «Fortunatamente ho un Amico che non mi abbandona mai e mi aiuta quando le cose sono difficili o troppe. Con lui tutto può essere sopportato. Sono riconoscente a Cristo per avermi mostrato la via che adesso percorro. Quanti bei giorni ho da offrirgli. Offro le mie sofferenze e le mie difficoltà per tutti voi, miei amati genitori, la mia piccola fidanzata, per Giovanni, poiché il suo ministero possa portare frutti e per tutti i miei amici e compagni. Sì, è una buona cosa, è una fonte di forza stare soffrendo per quelli che si amano». 

    Non abbandonò mai il pensiero di un suo ritorno e della prospettiva di avere una famiglia propria.  

    Ultima tappa 

    In ottobre venne trasferito per qualche tempo nel campo di concentramento di Flossenbürg (Cecoslovacchia) e poi il 7 novembre prima a Gusen I, indi a Gusen II, terribili campi satelliti del famigerato campo di Mauthausen (Austria), che alloggiava ventimila prigionieri, dove si trascorrevano dieci ore al giorno in una soffocante fabbrica sotterranea di parti di aereo. Le condizioni di vita erano durissime. Un breve intervallo di quattro o cinque ore per dormire veniva interrotto a frustate. Seguiva un'attesa di due ore per ricevere un liquido nerastro e sottostare all'interminabile appello al freddo pungente. 
    Marcel aveva perso gli occhiali, non riusciva neanche a vedere dove andava. Ogni goffaggine era guardata come un tentativo di sabotaggio e veniva punita con venticinque frustate. Sopportò questa terribile punizione quattro volte, ma non insultò mai le sue guardie come la maggior parte degli altri faceva. Tentava di confortare i suoi compagni: «Cristo è con noi. Non dobbiamo arrenderci. Dio si prende cura di noi» in mezzo a violenze, torture ed efferatezze indescrivibili. Un autentico calvario per i condannati. 
    Da dicembre in poi il cibo fu costituito solamente da foglie di barbabietole e bucce di patate non lavate; una gavetta di zuppa doveva bastare per sei persone. Sempre disposto a condividere la sua misera razione con gli altri, Marcel iniziò a soffrire di edema e di pustole oltre ai dolori di stomaco ormai cronici. Venne accolto a Mathausen in infermeria – si fa per dire – per un primo ricovero dal 5 al 20 gennaio del 1945; vi sarebbe dovuto ritornare in seguito, questa volta per morirci. I malati venivano lasciati nudi, in un clima gelido, sofferenti per il tifo e la dissenteria. Vi erano dai quaranta ai cinquanta i morti di ogni giorno. C'erano delle latrine nelle baracche. Marcel vi cadde dentro, ma un compagno riuscì a tirarlo fuori senza che nessuno vedesse. 
    Ma la fine era ormai prossima. Morì infatti il 19 marzo 1945, festa di san Giuseppe – esattamente due anni dopo la partenza per la Germania – per tubercolosi seguita da dissenteria, causata dalla debolezza e dal digiuno. Non si sa se la salma sia stata sepolta in una fossa comune vicino al campo dove fu piantata una croce; più probabilmente fu bruciata nei forni crematori. Di certo, dopo una lunga a sofferta salita al calvario, ha raggiunto la felicità del paradiso. Con lui tanti membri della JOC e delle proibitissime associazioni cattoliche, i cui nomi sono scritti in cielo sul libro della vita.
    Marcel Callo: un fulgido esempio di giovane santo, “martire” dell’apostolato fra i giovani operai.
    Non per nulla è indicato come uno dei 13 testimoni (santi e beati) per la GMG di Lisbona 2023. 

    Per saperne di più 

    - Francine Bay, "Beaucoup trop catholique", le bienheureux Marcel Callo, editore Téqui, 2004.
    - Cardinal Paul Gouyon, Marcel Callo, témoin d'une génération, SOS editore 1981.

     


    T e r z a
    p a g i n A


    NOVITÀ 2024


    Saper essere
    Competenze trasversali


    L'umano
    nella letteratura


    I sogni dei giovani x
    una Chiesa sinodale


    Strumenti e metodi
    per formare ancora


    Per una
    "buona" politica


    Sport e
    vita cristiana
    rubrica sport


    PROSEGUE DAL 2023


    Assetati d'eterno 
    Nostalgia di Dio e arte


    Abitare la Parola
    Incontrare Gesù


    Dove incontrare
    oggi il Signore


    PG: apprendistato
    alla vita cristiana


    Passeggiate nel
    mondo contemporaneo
     


    NOVITÀ ON LINE


    Di felicità, d'amore,
    di morte e altro
    (Dio compreso)
    Chiara e don Massimo


    Vent'anni di vantaggio
    Universitari in ricerca
    rubrica studio


    Storie di volontari
    A cura del SxS


    Voci dal
    mondo interiore
    A cura dei giovani MGS

    MGS-interiore


    Quello in cui crediamo
    Giovani e ricerca

    Rivista "Testimonianze"


    Universitari in ricerca
    Riflessioni e testimonianze FUCI


    Un "canone" letterario
    per i giovani oggi


    Sguardi in sala
    Tra cinema e teatro

    A cura del CGS


    Recensioni  
    e SEGNALAZIONI

    invetrina2

    Etty Hillesum
    una spiritualità
    per i giovani
     Etty


    Semi e cammini 
    di spiritualità
    Il senso nei frammenti
    spighe


    Ritratti di adolescenti
    A cura del MGS


     

    Main Menu