Pastorale Giovanile

    Campagna
    abbonamenti
    QuartinoNPG2024


    Letti 
    & apprezzati


    Il numero di NPG
    marzo-aprile 2024
    600 cop 2024 2


    Il numero di NPG
    gennaio-febbraio 2024


    Newsletter
    marzo-aprile 2024
    NL 2 2024


    Newsletter
    gennaio-febbraio 2024


    P. Pino Puglisi
    e NPG
    PPP e NPG


    Pensieri, parole
    ed emozioni


    Post it

    • On line il numero di MARZO-APRILE di NPG sulla narrazione biblica, e quello di GENNAIO-FEBBRAIO sulle strutture pastorali.  E qui le corrispondenti NEWSLETTER: marzo-aprilegennaio-febbraio.
    • Attivate nel sito (colonna di destra "Terza paginA") varie nuove rubriche per il 2024.
    • Linkati tutti i DOSSIER del 2020 col corrispettivo PDF.
    • Messa on line l'ANNATA 2020: 118 articoli usufruibili per la lettura, lo studio, la pratica, la diffusione (citando gentilmente la fonte).
    • Due nuove rubriche on line: RECENSIONI E SEGNALAZIONI. I libri recenti più interessanti e utili per l'operatore pastorale, e PENSIERI, PAROLE

    Le ANNATE di NPG 
    1967-2024 


    I DOSSIER di NPG 
    (dall'ultimo ai primi) 


    Le RUBRICHE NPG 
    (in ordine alfabetico
    e cronologico)
     


    Gli AUTORI di NPG
    ieri e oggi


    Gli EDITORIALI NPG 
    1967-2024 


    VOCI TEMATICHE 
    di NPG
    (in ordine alfabetico) 


    I LIBRI di NPG 
    Giovani e ragazzi,
    educazione, pastorale

     


    I SEMPREVERDI
    I migliori DOSSIER NPG
    fino al 2000 


    Animazione,
    animatori, sussidi


    Un giorno di maggio 
    La canzone del sito
    Margherita Pirri 


    WEB TV


    NPG Facebook


    NPG Twitter



    Note di pastorale giovanile
    via Giacomo Costamagna 6
    00181 Roma

    Telefono
    06 4940442

    Email


    Il sole nel cuore di un volontario

    Evisa Feleqi *

    evisa3
    Il sorriso di una persona è il raggio più caldo che può toccare il cuore. E io sono un po' così, sempre ottimista e sorridente, perché nella vita si deve essere felici per poter coltivare felicità. Ne sono assolutamente convinta: siamo al mondo per essere felici, e il sorriso ne è la prima traccia.
    Sto parlando della mia esperienza di volontariato, in un impegno di servizio civile che mi ha profondamente coinvolta. E intendo parlarne non a partire da speciali competenze o speciali ambiti di azione, ma a partire “dall’anima”. Sì, perché l’anima del volontario è importante, il suo spirito libero e credente (di qualunque tipo sia la sua fede) fanno sorgere delle emozioni indescrivibili. Tanto più quando - per il riferimento della mia associazione di volontariato (salesiano) - l’educativo, i ragazzi, l’amorevolezza sono parole chiave.
    Essere volontario salesiano vuol dire nutrire e sfamare amore, entrare nello spirito di un bambino per fargli sentire calore, accettazione e speranza. L’essenza del lavoro di volontariato è proprio quella di “organizzare” (ricostruire, condividere, alimentare…) la speranza di chi nella vita non vede sorgere delle opportunità. Io ho voluto intraprendere l’attività di volontariato proprio perché volevo toccare delle realtà difficili, disperate e in urgente bisogno di aiuto. Ho scelto i Salesiani, ed è stata la migliore scelta della mia vita, sono riuscita a lavorare con i bambini e i giovani.
    A volte mi sono chiesta se si nasce volontari o lo si diventa… Non è una domanda sciocca, perché sento dentro di me naturale l’empatia, la condivisione, il desiderio di aiuto… ma so anche che occorre formarsi, per essere “meglio”. Per me è stato così: un momento molto importante è stato propria la formazione, cruciale direi, e quando la sede di appartenenza riesce a preparare il proprio volontario, rendendolo consapevole della realtà che troverà e il lavoro che dovrà svolgere, allora il volontario potrà preparare se stesso al lavoro che l’aspetta. Il mio momento di formazione fu costruttivo, ho colto con cura ogni momento e ho fatto tesoro delle attività svolte. E non dico solo a livello di “competenze” e tecniche o metodologie di azione, ma anche per conoscere meglio me stessa, mettere a nudo le mie motivazioni, imparare a collaborare, a partecipare, ad avere anche – perché non dirlo? – uno sguardo “politico”.
    Sono partita per Albania nel giugno del 2022, con la macchina da Roma a Bari, ho imbarcato la macchina in nave, sono arrivata a Durazzo il mattino seguente, e dopo un paio d’ore stavo a Tirana. Ancora sento il cuore battere forte quando ricordo le emozioni di quel giorno: era un sogno che si stava realizzando.
    Avevo delle alte aspettative da me stessa, volevo fare tutto in modo perfetto e volevo vedere risultati, però non avevo ancora considerato quanto era difficile per i ragazzi aprirsi con me. Allora ho fatto un passo indietro, ho capito che loro dovevano vedere una persona che li proteggeva e di cui potevano fidarsi, con la quale parlare poteva essere divertente. Il mio primo obiettivo fu quello di guadagnarmi il loro affetto, diventare una persona che - quando passava nei corridori del centro diurno e li incontrava - i ragazzi avessero il piacere di vedere. Questo è stato l’input da cui ho cominciato... e penso che sia stato proprio l’input giusto.
    Ho deciso di mettere tutte le mie competenze, capacità e anima nel lavoro e nel rapporto con i ragazzi dell’oratorio e del centro diurno.
    Le cinque ore lavorative le svolgevo nel centro diurno dove avevo una classe con quasi 15 studenti dagli undici ai quindici anni. Mi occupavo del sostegno allo studio nelle materie di italiano, inglese, francese, letteratura e grammatica albanese, e in generale di materie di scienze umane. In oratorio mi occupavo dell’assistenza in cortile, coordinamento dei laboratori dove svolgevo il laboratorio di lingua italiana, e dei gruppi di formazione della seconda liceo. Inoltre nel tempo libero mi piaceva stare in oratorio fino alla sera per parlare e giocare con i giovani. Mi è capitato molte volte di “dare la buonanotte”, un momento molto particolare in oratorio dove si fa una riflessione, si racconta una storia, si commenta qualche fatto della giornata: in questo modo si condivide e si recepisce lo stile e il metodo peculiare di don Bosco: insomma, ci si sente famiglia. Ho anche avuto l’opportunità di accompagnare i ragazzi del centro diurno in gite giornaliere in diverse città, e i giovani dell’oratorio in attività e incontri con altri centri di Don Bosco in Albania: è sempre bello far incontrare i giovani di altre realtà.
    L’anno di servizio civile è stato pieno di colori; le sue sfumature non sono però sempre state gioiose, ma ci sono stati momenti di confronto con la dura realtà che hanno aperto a diverse riflessioni, anche a qualche “correzione di rotta”. Parlo della realtà dei ragazzi, che pur avendo stampato in viso un sorriso, vivevano in condizioni dure. A settembre ci fu l’incontro con le famiglie a cui ho partecipato anch’io, con lo staff del centro diurno siamo andati nelle case dei ragazzi, e lì mi sono confrontata per la prima volta con situazioni reali di vita. Una volta sono entrata in una casa con il pavimento rotto ma coperto da tanti tappetti di diversi colori, le mura bianche e perlopiù coperte da lunghe tende che arrivavano fino al pavimento. Pur essendo giorno il soggiorno era immerso nel buio, e tra il mucchio di panni sparsi ovunque per casa c’era una ragazza di quattordici anni che cercava di addormentare un piccolo angioletto di solo un mese di vita e il fratellino di un anno. Mi hanno detto che il bambino di un mese era suo figlio.
    Lì mi si è fermato il respiro, vedo lei che ai miei occhi è più bambina del bambino che ha in braccio. Ho dovuto nascondere il mio stupore e cercare di tenere a bada tutto quello che sentivo dentro di me e reprimere le mie emozioni, per evitare gesti o parole che potessero sembrare un giudizio, un’offesa nei confronti della famiglia. Mi hanno chiesto se volevo prendere in braccio il piccolo e senza esitazioni – anche se con un po’ di timore – ho teso le braccia e lui ha sorriso. Quel sorriso non lo dimenticherò mai, anzi penso che quando sorrido di mio, ci sia qualcosa anche di quello.
    Come quella ragazza ce ne sono molte altre, perché nella loro cultura e abitudini fidanzarsi, abbandonare gli studi e sposarsi a 14-15 anni è normale, ed è proprio questo che il centro diurno mira a cambiare. L’obiettivo del mio lavoro nel centro diurno in effetti è stato anche quello di fermare queste ragazze, di prospettare l’importanza della scuola, di una preparazione professionale, anche di una maggior maturità per essere sposa e madre: solo così la società e la cultura potevano cambiare “dal basso”, non più perpetuare una situazione inaccettabile oggi. Penso che qualcuna abbia capito che lo studio aiuta a diventare nella vita una persona colta, educata, elegante e dignitosa, perché indipendente e orgogliosa dei propri traguardi. Queste ragazze avevano proprio bisogno di uscire da situazioni simili di disagio sociale.
    Questa è stata per me l’esperienza del centro Don Bosco a Tirana. Qui nell’oratorio ho respirato (e visto respirare) aria di pace e felicità, nel rispetto reciproco di ogni religione: musulmana, ortodossa, cattolica, bektashi. Qui risuonava musica e i giochi, i balli e le risate erano il contorno quotidiano del lavoro e della vita insieme. È stata così più facile la condivisione e quasi naturale il non risparmiarsi degli animatori, ben oltre gli orari “fissati” dal contratto. I bisogni degli altri, soprattutto dei più piccoli, erano lo stimolo che rendevano gli animatori attenti e creativi.
    Pensavo di dare. Ho ricevuto di più.
    Il servizio civile è stata per me un’esperienza di vita che mi ha cambiata, almeno ha cambiato la mia anima e probabilmente anche il mio sorriso.


    * 26 anni, nata in Albania ma da lungo tempo in Italia dove si è laureata in scienze politiche con speciale attenzione alla programmazione sociale, in cui ha anche ottenuto un Master europeo.
    Dopo l'anno di volontariato sociale, al momento lavora presso l'Associazione SxS, dove conta di mettere a servizio dei giovani in difficoltà le sue competenze e la sua umanità, basata sull'empatia e sul potere della parola e del dialogo.

    evisa1  evisa2

     

     

     


    T e r z a
    p a g i n A


    NOVITÀ 2024


    Saper essere
    Competenze trasversali


    L'umano
    nella letteratura


    I sogni dei giovani x
    una Chiesa sinodale


    Strumenti e metodi
    per formare ancora


    Per una
    "buona" politica


    Sport e
    vita cristiana
    rubrica sport


    PROSEGUE DAL 2023


    Assetati d'eterno 
    Nostalgia di Dio e arte


    Abitare la Parola
    Incontrare Gesù


    Dove incontrare
    oggi il Signore


    PG: apprendistato
    alla vita cristiana


    Passeggiate nel
    mondo contemporaneo

     


    NOVITÀ ON LINE


    Di felicità, d'amore,
    di morte e altro
    (Dio compreso)
    Chiara e don Massimo


    Vent'anni di vantaggio
    Universitari in ricerca
    rubrica studio


    Storie di volontari
    A cura del SxS


    Voci dal
    mondo interiore
    A cura dei giovani MGS

    MGS-interiore


    Quello in cui crediamo
    Giovani e ricerca

    Rivista "Testimonianze"


    Universitari in ricerca
    Riflessioni e testimonianze FUCI


    Un "canone" letterario
    per i giovani oggi


    Sguardi in sala
    Tra cinema e teatro

    A cura del CGS


    Recensioni  
    e SEGNALAZIONI

    invetrina2

    Etty Hillesum
    una spiritualità
    per i giovani
     Etty


    Semi e cammini 
    di spiritualità
    Il senso nei frammenti
    spighe


    Ritratti di adolescenti
    A cura del MGS


     

    Main Menu