Pastorale Giovanile

    Home Indice

    Pastorale Giovanile

    Attesi dal suo amore
    Proposta pastorale 2024-25 

    MGS 24 triennio

    Materiali di approfondimento


    Letti 
    & apprezzati


    Il numero di NPG
    speciale sussidio 2024
    600 cop 2024 2


    Il numero di NPG
    maggio-giugno 2024
    600 cop 2024 2


    Newsletter
    SPECIALE 2024
    SPECIALE SUSSIDIO 2024


    Newsletter
    maggio-giugno 2024
    MAGGIO-GIUGNO 2024


    P. Pino Puglisi
    e NPG
    PPP e NPG


    Pensieri, parole
    ed emozioni


    Post it

    • On line il numero SPECIALE di NPG con gli approfondimenti della proposta pastorale, e quello di MAGGIO-GIUGNO sui "buchi neri dell'educazione".  E qui le corrispondenti NEWSLETTER: specialemaggio-giugno.
    • Attivate nel sito (colonna di destra "Terza paginA") varie nuove rubriche per il 2024.
    • Linkati tutti i DOSSIER del 2020 col corrispettivo PDF.
    • Messa on line l'ANNATA 2020: 118 articoli usufruibili per la lettura, lo studio, la pratica, la diffusione (citando gentilmente la fonte).
    • Due nuove rubriche on line: RECENSIONI E SEGNALAZIONI. I libri recenti più interessanti e utili per l'operatore pastorale, e PENSIERI, PAROLE

    Le ANNATE di NPG 
    1967-2024 


    I DOSSIER di NPG 
    (dall'ultimo ai primi) 


    Le RUBRICHE NPG 
    (in ordine alfabetico
    e cronologico)
     


    Gli AUTORI di NPG
    ieri e oggi


    Gli EDITORIALI NPG 
    1967-2024 


    VOCI TEMATICHE 
    di NPG
    (in ordine alfabetico) 


    I LIBRI di NPG 
    Giovani e ragazzi,
    educazione, pastorale

     


    I SEMPREVERDI
    I migliori DOSSIER NPG
    fino al 2000 


    Animazione,
    animatori, sussidi


    Un giorno di maggio 
    La canzone del sito
    Margherita Pirri 


    WEB TV


    NPG Facebook


    NPG Twitter



    Note di pastorale giovanile
    via Giacomo Costamagna 6
    00181 Roma

    Telefono
    06 4940442

    Email


    Il dolore,

    avvio a Dio

     


    M
    i diceva, giorni fa, una ragazza in una conversazione religiosa: Ecco, io mi sentirei di credere, se dovessi decidere in un momento di suprema libertà, quando mi costerebbe terribilmente affidarmi a Dio perché la vita mi sorride, sono circondata da amicizia, da comprensione, lo studio mi interessa, mi appassiona, mi rallegra perfino... Ma che senso ha ricorrere a Dio ora, in un momento di sofferenza in cui mi sento inutile, fallita: in un momento in cui tutto mi sembra crollare attorno ed ho bisogno di aggrapparmi a qualcosa o a qualcuno? Non è vigliaccheria, questa? Non è il tentativo d'illudermi un poco pur di riuscire a sopportare il dolore senza gridare o farla finita?... Poiché davvero - non sto esagerando, mi diceva - il suicidio o la bestemmia in certi momenti non appaiono cose tanto lontane... E il rifugiarmi in Dio non è un fuggire dalle proprie responsabilità? La paura di essere sola. Il desiderio di farmi consolare. Dio come un narcotico, un anestetico: una bella favola che ci si racconta nei tempi di angoscia e che si è subito pronti a dimenticare, quando torna la gioia...

    Ascoltavo in silenzio. Talvolta il silenzio è la più grande misericordia che possiamo offrire. Quando qualcuno ci lascia piangere come vogliamo, senza farci subito la lezione: una lezione magari perfetta, ma estranea, lontana, astratta... E noi rimaniamo soli, col nostro dolore.

    Posso rispondere ora?

    Sarebbe bello - forse - avviarci a Dio con atto eroico, con decisione risoluta, quasi a passo di danza, in tempi della vita in cui tutto riesce, tutto è sereno, tutto è radioso. Uno potrebbe affondare nella colpa più abissale o nella meschinità più gretta: ne ha le occasioni a portata di mano... E invece no: aleggia tra le seduzioni senz'esserne sfiorato: cammina - corre - verso Dio come al centro della sua esistenza, al cuore del suo cuore. Così, gratuitamente, senz'essere costretto o sollecitato da nulla: per elezione purissima...

    Sarà. Io non credo molto a queste favole: queste sì, bambina mia, sono favole. La vita è diversa. E, ad esser sincero, devo ammettere che diffido delle persone che mi parlano di Dio come se l'incontro con lui fosse cosa da nulla: due passi, una corserella e ci si è. Come se l'imbattersi in Dio fosse soltanto una letizia e ci si avviasse a lui così, quasi per capriccio: nulla lo esigeva, eppure il cammino è fatto.

    Ahimè. L'incontro con Dio è cosa seria, sconvolgente, terribile. Non si può più vivere come se non lo si fosse incontrato. Si deve cambiare un po' tutto: ribaltare l'impianto della propria esistenza. E la gioia, sì, viene: una gioia enorme; ma poi: quando ci si è davvero dati a Lui totalmente...

    Ho incontrato anch'io persone che sono vissute soltanto per Dio. E avevano tutte le possibilità di trastullarsi o di affogare in altre cose: dimenticando Lui, forse. Santi autentici. Ma non giochiamo a fare i gradassi. Non vedo perché Dio non possa servirsi anche dei momenti di dolore per condurci a Lui: magari andandoci a malapena, quasi arrancando tra mille difficoltà. Quando ci si accorge che tutto frana attorno a noi, che tutto perde senso e valore, e non si riesce più a vivere se non si invoca Qualcuno: se non ci si incammina verso il Mistero... Il suo Mistero: meno inaccettabile del nostro, alla fine...

    E non si tratta di vigliaccheria. Semplicemente si richiede la semplicità di chi ammette che a Dio non si sarebbe giunti senza questa pedagogia della sofferenza: senza questo stimolo del dolore. E non si dica che così ci si toglie la responsabilità. Talvolta è l'unico modo per riprendere la responsabilità di vivere. E stranamente insorge una insospettata capacità di impegno: quasi un dono non richiesto. Candido. Allegro, perfino.

    (Alessandro Maggiolini)


    T e r z a
    p a g i n A


    NOVITÀ 2024


    Saper essere
    Competenze trasversali


    L'umano
    nella letteratura


    I sogni dei giovani x
    una Chiesa sinodale


    Strumenti e metodi
    per formare ancora


    Per una
    "buona" politica


    Sport e
    vita cristiana
    rubrica sport


    PROSEGUE DAL 2023


    Assetati d'eterno 
    Nostalgia di Dio e arte


    Abitare la Parola
    Incontrare Gesù


    Dove incontrare
    oggi il Signore


    PG: apprendistato
    alla vita cristiana


    Passeggiate nel
    mondo contemporaneo
     


    NOVITÀ ON LINE


    Di felicità, d'amore,
    di morte e altro
    (Dio compreso)
    Chiara e don Massimo


    Vent'anni di vantaggio
    Universitari in ricerca
    rubrica studio


    Storie di volontari
    A cura del SxS


    Voci dal
    mondo interiore
    A cura dei giovani MGS

    MGS-interiore


    Quello in cui crediamo
    Giovani e ricerca

    Rivista "Testimonianze"


    Universitari in ricerca
    Riflessioni e testimonianze FUCI


    Un "canone" letterario
    per i giovani oggi


    Sguardi in sala
    Tra cinema e teatro

    A cura del CGS


    Recensioni  
    e SEGNALAZIONI

    invetrina2

    Etty Hillesum
    una spiritualità
    per i giovani
     Etty


    Semi e cammini 
    di spiritualità
    Il senso nei frammenti
    spighe


    Ritratti di adolescenti
    A cura del MGS


     

    Main Menu