Pastorale Giovanile

    Home Indice

    Pastorale Giovanile

    Attesi dal suo amore
    Proposta pastorale 2024-25 

    MGS 24 triennio

    Materiali di approfondimento


    Letti 
    & apprezzati


    Il numero di NPG
    speciale sussidio 2024
    600 cop 2024 2


    Il numero di NPG
    maggio-giugno 2024
    600 cop 2024 2


    Newsletter
    SPECIALE 2024
    SPECIALE SUSSIDIO 2024


    Newsletter
    maggio-giugno 2024
    MAGGIO-GIUGNO 2024


    P. Pino Puglisi
    e NPG
    PPP e NPG


    Pensieri, parole
    ed emozioni


    Post it

    • On line il numero SPECIALE di NPG con gli approfondimenti della proposta pastorale, e quello di MAGGIO-GIUGNO sui "buchi neri dell'educazione".  E qui le corrispondenti NEWSLETTER: specialemaggio-giugno.
    • Attivate nel sito (colonna di destra "Terza paginA") varie nuove rubriche per il 2024.
    • Linkati tutti i DOSSIER del 2020 col corrispettivo PDF.
    • Messa on line l'ANNATA 2020: 118 articoli usufruibili per la lettura, lo studio, la pratica, la diffusione (citando gentilmente la fonte).
    • Due nuove rubriche on line: RECENSIONI E SEGNALAZIONI. I libri recenti più interessanti e utili per l'operatore pastorale, e PENSIERI, PAROLE

    Le ANNATE di NPG 
    1967-2024 


    I DOSSIER di NPG 
    (dall'ultimo ai primi) 


    Le RUBRICHE NPG 
    (in ordine alfabetico
    e cronologico)
     


    Gli AUTORI di NPG
    ieri e oggi


    Gli EDITORIALI NPG 
    1967-2024 


    VOCI TEMATICHE 
    di NPG
    (in ordine alfabetico) 


    I LIBRI di NPG 
    Giovani e ragazzi,
    educazione, pastorale

     


    I SEMPREVERDI
    I migliori DOSSIER NPG
    fino al 2000 


    Animazione,
    animatori, sussidi


    Un giorno di maggio 
    La canzone del sito
    Margherita Pirri 


    WEB TV


    NPG Facebook


    NPG Twitter



    Note di pastorale giovanile
    via Giacomo Costamagna 6
    00181 Roma

    Telefono
    06 4940442

    Email


    Cristo, complemento

    dell'uomo

     

    Il discorso religioso sembra escluso dal nostro repertorio. Sembra, poiché nessuno sa che cosa si nasconda nel cuore dell'uomo. E all'apparenza siamo felici: felici senza Dio. All'apparenza, poiché forse, dentro, non riusciamo a sopprimere l'aspirazione all'Infinito. Chi mai ammette chiaramente ciò che è e ciò che attende? Fornicavano e leggevano giornali, direbbe Camus. E c'è pure da dubitare della felicità, quando se ne parla troppo.

    Scaviamo un poco nell'intimo. E ti chiedo, amico, di non difenderti molto di fronte alle domande che incal

    zano. Le pongo a me stesso. Con serenità, anche se possono sembrare scomode e cattive. Ma occorre pure che qualcuno inizi a rompere il cerchio del silenzio e della vergogna. A costo di passare per ingenuo. Per un senso di onestà. Il rispetto non è lasciare l'altro come è: è amarlo e metterlo in condizione di scegliere.

    Ebbene, rispondi.

    Riesci a vivere solo? A costruirti da te un'esistenza compiuta? Riesci ad isolarti da tutti, sdegnato o deluso, e a raggiungere una profonda pace interiore e un senso di completezza che esalti e rassereni? Insomma, puoi lealmente assicurare che il tentativo dell'autosufficienza sia concluso? Oppure, dopo i vani sforzi della farsa dell'«uomo adulto», del «superuomo», ti ritrovi un povero uomo in crisi, alla ricerca di qualcosa o di Qualcuno che ti colmi il desiderio che ti riemerge dentro, il senso di vuoto che s'allarga e ti impaurisce?

    Ti basta il possesso delle cose? L'avidità della «roba», direbbe Verga: la sicurezza che ti può dare una vita agiata e il futuro tutelato da rischi? Ti basta l'affanno del lavoro, il susseguirsi degli impegni, la frenesia del fare, dell'inventare, del costruire? Ti riempie la giornata e ti rende la notte serena l'agitarti in mille cose pur di non pensare a te stesso? «Ti vanti di non pensare ai novissimi - diceva sorridendo Bernardino nel Campo di Siena -. Ipocrita! E poi la sera, mentre ti togli i calzari, a un tratto ti viene in mente la morte». E forse ti viene in mente anche la vita: una vita monca, fragile, disunita e inconcludente, come una manciata di coriandoli al vento.

    Ti bastano le persone che incontri? Ti bastano l'amicizia, la fraternità, l'amore? Non hai talvolta l'impressione di agitarti tra larve e tra maschere? E se anche una comunione è sincera, non ti prende talvolta la vertigine come di chi esce da un groviglio di vipere - il tuo - per trovarti avviluppato in quello dell'altro? Nella delusione, voglio dire, nella rabbia di chi non trova ciò che s'aspettava: e un lembo d'anima rimane insaturata, e il cuore è di nuovo alla ricerca di qualcosa o di Qualcuno che lo sazi, finalmente...

    La litania degli interrogativi può continuare. E apparire un po' trita e un po' goffa. Sappiamo difenderci con tanta scaltrezza di fronte alle domande radicali... Una battuta - son cose romantiche! -, un sorriso di scherno non è una risposta.

    La risposta ce la dà il Cristianesimo, se la vogliamo accogliere.

    Siamo fatti non per noi stessi, o per le cose, o per le persone, ultimamente: siamo aperti ad un Tu che non ha confini; un Tu che ci trascende. Eppure non lo sopportiamo lontano ed estraneo alle nostre vicende. Lo vogliamo prossimo, uno di noi: uno di noi che tuttavia sia diverso e si ponga all'inizio e al fondo del nostro essere e del nostro desiderare.

    Diamogli un nome. Gesù.

    (Alessandro Maggiolini)


    T e r z a
    p a g i n A


    NOVITÀ 2024


    Saper essere
    Competenze trasversali


    L'umano
    nella letteratura


    I sogni dei giovani x
    una Chiesa sinodale


    Strumenti e metodi
    per formare ancora


    Per una
    "buona" politica


    Sport e
    vita cristiana
    rubrica sport


    PROSEGUE DAL 2023


    Assetati d'eterno 
    Nostalgia di Dio e arte


    Abitare la Parola
    Incontrare Gesù


    Dove incontrare
    oggi il Signore


    PG: apprendistato
    alla vita cristiana


    Passeggiate nel
    mondo contemporaneo
     


    NOVITÀ ON LINE


    Di felicità, d'amore,
    di morte e altro
    (Dio compreso)
    Chiara e don Massimo


    Vent'anni di vantaggio
    Universitari in ricerca
    rubrica studio


    Storie di volontari
    A cura del SxS


    Voci dal
    mondo interiore
    A cura dei giovani MGS

    MGS-interiore


    Quello in cui crediamo
    Giovani e ricerca

    Rivista "Testimonianze"


    Universitari in ricerca
    Riflessioni e testimonianze FUCI


    Un "canone" letterario
    per i giovani oggi


    Sguardi in sala
    Tra cinema e teatro

    A cura del CGS


    Recensioni  
    e SEGNALAZIONI

    invetrina2

    Etty Hillesum
    una spiritualità
    per i giovani
     Etty


    Semi e cammini 
    di spiritualità
    Il senso nei frammenti
    spighe


    Ritratti di adolescenti
    A cura del MGS


     

    Main Menu