Pastorale Giovanile

    Home Indice

    Pastorale Giovanile

    Attesi dal suo amore
    Proposta pastorale 2024-25 

    MGS 24 triennio

    Materiali di approfondimento


    Letti 
    & apprezzati


    Il numero di NPG
    speciale sussidio 2024
    600 cop 2024 2


    Il numero di NPG
    maggio-giugno 2024
    600 cop 2024 2


    Newsletter
    SPECIALE 2024
    SPECIALE SUSSIDIO 2024


    Newsletter
    maggio-giugno 2024
    MAGGIO-GIUGNO 2024


    P. Pino Puglisi
    e NPG
    PPP e NPG


    Pensieri, parole
    ed emozioni


    Post it

    • On line il numero SPECIALE di NPG con gli approfondimenti della proposta pastorale, e quello di MAGGIO-GIUGNO sui "buchi neri dell'educazione".  E qui le corrispondenti NEWSLETTER: specialemaggio-giugno.
    • Attivate nel sito (colonna di destra "Terza paginA") varie nuove rubriche per il 2024.
    • Linkati tutti i DOSSIER del 2020 col corrispettivo PDF.
    • Messa on line l'ANNATA 2020: 118 articoli usufruibili per la lettura, lo studio, la pratica, la diffusione (citando gentilmente la fonte).
    • Due nuove rubriche on line: RECENSIONI E SEGNALAZIONI. I libri recenti più interessanti e utili per l'operatore pastorale, e PENSIERI, PAROLE

    Le ANNATE di NPG 
    1967-2024 


    I DOSSIER di NPG 
    (dall'ultimo ai primi) 


    Le RUBRICHE NPG 
    (in ordine alfabetico
    e cronologico)
     


    Gli AUTORI di NPG
    ieri e oggi


    Gli EDITORIALI NPG 
    1967-2024 


    VOCI TEMATICHE 
    di NPG
    (in ordine alfabetico) 


    I LIBRI di NPG 
    Giovani e ragazzi,
    educazione, pastorale

     


    I SEMPREVERDI
    I migliori DOSSIER NPG
    fino al 2000 


    Animazione,
    animatori, sussidi


    Un giorno di maggio 
    La canzone del sito
    Margherita Pirri 


    WEB TV


    NPG Facebook


    NPG Twitter



    Note di pastorale giovanile
    via Giacomo Costamagna 6
    00181 Roma

    Telefono
    06 4940442

    Email


     Faccio nuove tutte le cose...

     


    S
    iamo sinceri, amici: forse non sono in molti tra noi ad essersi entusiasmati del paradiso quando ci è stato presentato - seppur van di moda ancora questi temi. O diciamo bene: quando ci è stato presentato un paradiso lontano, astratto, freddo, cerebrale e un po' individualista.

    Ricordate certi libri cartesiani e certe prediche infervorate e moraleggianti, ma un tantino inconcludenti?

    Dunque, di là vedremo, ameremo e godremo. Ma non ci veniva detto chiaramente il perché di questa gioia. O al più ci si assicurava che i misteri - queste specie di rebus insolubili che talvolta ci tormentavano il cervello - sarebbero stati spiegati, allora: vedremo Dio faccia a faccia; basta, tutto qui, eternamente? Una specie di settimana enigmistica già compilata.

    Ne veniva - riconosciamolo - una qualche delusione. Ci si immaginava il paradiso come una sorta di coro di frati dove ognuno avrebbe avuto un seggio, assegnato per sempre; o come - mi si perdoni il paragone - una specie di cinema - tutti seduti al proprio posto - dove ognuno avrebbe avuto gli occhi allo schermo: e vi si proiettava un film, sempre lo stesso, e noto fin dall'inizio, senza neppure la gioia d'una conclusione inattesa, come nei gialli di Hitchcock. E noi stessi come anime disincarnate: un vagare di persone rarefatte con le alucce, ma disinteressate ognuna alle altre e alla terra. Ciascuna per proprio conto con Dio. E il mondo distrutto alle spalle, neppur più come un ricordo...

    So bene di esagerare descrivendo le cose con queste tinte fioche: Dio è Dio, e se lo si coglie come valore, è ben capace di costituire, di far scoppiare un'esultanza incontenibile.

    Eppure, consideriamo la realtà della beatitudine in termini cristiani. Il paradiso alla fine è il Signore Gesù glorioso che anticipa il nostro destino: il Signore Gesù che rimane uomo, anzi lo diviene perfettamente con un corpo, con un volto, con un cuore; il Signore Gesù che ci conosce uno per uno e che continua ad amarci fino alla fine, come sulla croce; il Signore Gesù che si pone come il principio della comunione fraterna universale e come radice della rinnovazione del mondo...

    Dimentichiamo troppo spesso il dogma della risurrezione: in Cristo riassumeremo il nostro corpo; noi pure avremo quella realtà terribilmente e gioiosamente umana che è il corpo, ma senza l'opacità e la pesantezza di oggi; e avremo volto, mente, sensibilità, capacità di guardare a lungo e di stupirci e di commuoverci e di esaltarci senza illusioni. E con noi risorgeranno gli altri e sarà un riconoscerci e un ricongiungerci meraviglioso: un ritrovare persone care che ci sono vissute al fianco e di cui non abbiamo colto il mistero. Volete che un figlio, alla soglia dell'al di là, non cerchi subito con lo sguardo sua madre che l'ha atteso e che per lui ha pregato? Volete che le amicizie più vere e gli amori più autentici svaniscano alla morte e divengano insignificanti nella vita beata? Una gran «battera», verrebbe invece da dire...

    E i valori umani - la Commedia di Dante, la Nona di Beethoven, la Pietà di Michelangelo - saranno tutti vanificati? E i valori cosmici - la maestà delle montagne, la bellezza dei fiori, il canto degli uccelli - saranno tutti vanificati? Non lasciamo briglia sciolta alla fantasia: siamo più capaci di immaginare il male che non il bene. E tuttavia non ci vien detto che questo mondo sarà annientato: sarà piuttosto liberato dalle scorie del peccato e trasfigurato in Cristo. Parola sua: «Io faccio nuove tutte le cose: nuovi cieli e nuova terra». E tutto sarà dono.

    C'è di che vivere nel desiderio più limpido e trepidante. Nonostante la paura della morte: la paura che lui stesso ha attraversato e vinto.

    (Alessandro Maggiolini)


    T e r z a
    p a g i n A


    NOVITÀ 2024


    Saper essere
    Competenze trasversali


    L'umano
    nella letteratura


    I sogni dei giovani x
    una Chiesa sinodale


    Strumenti e metodi
    per formare ancora


    Per una
    "buona" politica


    Sport e
    vita cristiana
    rubrica sport


    PROSEGUE DAL 2023


    Assetati d'eterno 
    Nostalgia di Dio e arte


    Abitare la Parola
    Incontrare Gesù


    Dove incontrare
    oggi il Signore


    PG: apprendistato
    alla vita cristiana


    Passeggiate nel
    mondo contemporaneo
     


    NOVITÀ ON LINE


    Di felicità, d'amore,
    di morte e altro
    (Dio compreso)
    Chiara e don Massimo


    Vent'anni di vantaggio
    Universitari in ricerca
    rubrica studio


    Storie di volontari
    A cura del SxS


    Voci dal
    mondo interiore
    A cura dei giovani MGS

    MGS-interiore


    Quello in cui crediamo
    Giovani e ricerca

    Rivista "Testimonianze"


    Universitari in ricerca
    Riflessioni e testimonianze FUCI


    Un "canone" letterario
    per i giovani oggi


    Sguardi in sala
    Tra cinema e teatro

    A cura del CGS


    Recensioni  
    e SEGNALAZIONI

    invetrina2

    Etty Hillesum
    una spiritualità
    per i giovani
     Etty


    Semi e cammini 
    di spiritualità
    Il senso nei frammenti
    spighe


    Ritratti di adolescenti
    A cura del MGS


     

    Main Menu