Pastorale Giovanile

    Home Indice

    Pastorale Giovanile

    Attesi dal suo amore
    Proposta pastorale 2024-25 

    MGS 24 triennio

    Materiali di approfondimento


    Letti 
    & apprezzati


    Il numero di NPG
    speciale sussidio 2024
    600 cop 2024 2


    Il numero di NPG
    maggio-giugno 2024
    600 cop 2024 2


    Newsletter
    SPECIALE 2024
    SPECIALE SUSSIDIO 2024


    Newsletter
    maggio-giugno 2024
    MAGGIO-GIUGNO 2024


    P. Pino Puglisi
    e NPG
    PPP e NPG


    Pensieri, parole
    ed emozioni


    Post it

    • On line il numero SPECIALE di NPG con gli approfondimenti della proposta pastorale, e quello di MAGGIO-GIUGNO sui "buchi neri dell'educazione".  E qui le corrispondenti NEWSLETTER: specialemaggio-giugno.
    • Attivate nel sito (colonna di destra "Terza paginA") varie nuove rubriche per il 2024.
    • Linkati tutti i DOSSIER del 2020 col corrispettivo PDF.
    • Messa on line l'ANNATA 2020: 118 articoli usufruibili per la lettura, lo studio, la pratica, la diffusione (citando gentilmente la fonte).
    • Due nuove rubriche on line: RECENSIONI E SEGNALAZIONI. I libri recenti più interessanti e utili per l'operatore pastorale, e PENSIERI, PAROLE

    Le ANNATE di NPG 
    1967-2024 


    I DOSSIER di NPG 
    (dall'ultimo ai primi) 


    Le RUBRICHE NPG 
    (in ordine alfabetico
    e cronologico)
     


    Gli AUTORI di NPG
    ieri e oggi


    Gli EDITORIALI NPG 
    1967-2024 


    VOCI TEMATICHE 
    di NPG
    (in ordine alfabetico) 


    I LIBRI di NPG 
    Giovani e ragazzi,
    educazione, pastorale

     


    I SEMPREVERDI
    I migliori DOSSIER NPG
    fino al 2000 


    Animazione,
    animatori, sussidi


    Un giorno di maggio 
    La canzone del sito
    Margherita Pirri 


    WEB TV


    NPG Facebook


    NPG Twitter



    Note di pastorale giovanile
    via Giacomo Costamagna 6
    00181 Roma

    Telefono
    06 4940442

    Email


     La Chiesa, una «struttura»

     


    P
    ietro e Paolo.

    Non è il caso di fare qui il panegirico dei due santi, i quali peraltro sono tra le figure più spiccate e affascinanti della agiografia cristiana.

    Per la cattolicità, Pietro è l'inizio del papato e Paolo è un poco l'espressione dei vescovi. Il discorso cade così sulla Chiesa «istituzionale», come si dice oggi, che poi significa un fatto molto semplice: e cioè che la comunità cristiana non è un «club» del dopolavoro o una specie di Croce Rossa - con tutto il rispetto -, ma è animata dallo Spirito e costituita secondo un ordine gerarchico. La parola suona male, ma è proprio così: il Nuovo Testamento dice che, per volontà di Cristo, Pietro deve «confermare la fede dei fratelli»; che i vescovi son posti a «reggere la Chiesa di Dio», e usa spesso il verbo «pascere», guidare, «condurre al pascolo»: e non credo che, nonostante tutte le torture esegetiche a cui si possono sottoporre i testi, sia cosa facile dimostrare che devono essere le pecore a guidare e condurre al pascolo i pastori. Sto dimostrando delle evidenze.

    Mi preme riaggiustare la conversazione: ciò non significa che il papa o i vescovi - o i preti, in sottordine - siano necessariamente più santi o più intelligenti o più solidi umanamente dei «semplici» fedeli. Significa soltanto che, in nome della successione apostolica e dell'ordinazione ricevuta, essi hanno una funzione diversa nella Chiesa: quella appunto di rendere certa la fede dei credenti, di testimoniare con parola sicura la fedeltà al Vangelo, di assicurare l'unità di tutti i battezzati e di comunicare la grazia per mezzo dei sacramenti. L'ultima vecchietta analfabeta che viva profondamente la propria dipendenza dallo Spirito può essere più intuitiva e chiaroveggente nel cogliere i segreti della rivelazione. Non parliamo poi dei teologi... Ma né la vecchietta né i teologi hanno il compito di predicare l'ultima parola che ponga fine alle discussioni e raccolga tutti in unità certa e definitoria.

    Lo si vede: non sto facendo neppure il panegirico del papa e dei vescovi.

    Si confessano anche loro. Non sono per principio le persone più riuscite nella Chiesa. Non possono comandare dispoticamente; sono tenuti ad ascoltare con umiltà, e le loro decisioni non devono cadere come atti di dominio: sono gesti di servizio. Chissà, davanti al Tribunale di Dio l'ordine della precedenza può anche non seguire le disposizioni fissate nel Codice di Diritto Canonico: un sagrestano può balzare in prima fila e un cardinale finire al posto della scopa, in paradiso... Non si dà «culto della personalità» nella Chiesa: un vescovo che balbetta rimane un vescovo che balbetta; un papa solenne, tormentato o bonaccione rimane quel che è. Ma è vescovo; è papa. Questo conta, alla fine: e deve soggiogarsi pure alle critiche e alle contestazioni che in qualche momento della storia si erigono; e soffrire in silenzio...

    Credo proprio che, oggi, si debba essere o santi da morire o un po' tonti per desiderare d'essere papa o vescovo. Così come credo che questi fratelli abbiano diritto alla nostra comprensione, al nostro affetto, al nostro sostegno: al nostro perdono, stavo per dire...

    Mi rendo conto che il richiamo alla Chiesa come «struttura» non va di moda: irrita perfino taluni che vorrebbero una Chiesa tutta carismatica, profetica, egalitaria e un poco anarchica... Mentre è una famiglia, e una famiglia numerosa dove ci si dà spesso di gomito e il padre deve talvolta alzare la voce per metter pace.

    Forse in qualche momento di debolezza, il discorso dei carismatici ad oltranza attrae anche me: è entusiasmante illudersi d'essere originali al punto che ciò che si pensa e si fa non ha ripetizioni al mondo. Illudersi, dicevo: quanto al riuscirci è un'altra cosa.

    Eppure ringrazio Dio - a fatica magari - d'avermi dato una Chiesa che, accanto ai carismi talvolta più estrosi, ha una «struttura». Se la Chiesa è un corpo - me lo faceva notare un amico - va accolta com'è: e quando un ragazzo s'innamora d'una ragazza non s'innamora del suo sistema osseo, ma la ragazza non se la prende senza il sistema osseo.

    Credo la Chiesa una, santa, cattolica ed apostolica. Nonostante una certa ritrosia all'obbedienza. Il Signore avrà pur avuto i suoi motivi per stabilire così le cose. Ci conosceva... Ne viene, se non una esaltazione, almeno un'accoglienza composta, serena: come quando ci si lascia educare... Da Lui, alla fine.

    (Alessandro Maggiolini)


    T e r z a
    p a g i n A


    NOVITÀ 2024


    Saper essere
    Competenze trasversali


    L'umano
    nella letteratura


    I sogni dei giovani x
    una Chiesa sinodale


    Strumenti e metodi
    per formare ancora


    Per una
    "buona" politica


    Sport e
    vita cristiana
    rubrica sport


    PROSEGUE DAL 2023


    Assetati d'eterno 
    Nostalgia di Dio e arte


    Abitare la Parola
    Incontrare Gesù


    Dove incontrare
    oggi il Signore


    PG: apprendistato
    alla vita cristiana


    Passeggiate nel
    mondo contemporaneo
     


    NOVITÀ ON LINE


    Di felicità, d'amore,
    di morte e altro
    (Dio compreso)
    Chiara e don Massimo


    Vent'anni di vantaggio
    Universitari in ricerca
    rubrica studio


    Storie di volontari
    A cura del SxS


    Voci dal
    mondo interiore
    A cura dei giovani MGS

    MGS-interiore


    Quello in cui crediamo
    Giovani e ricerca

    Rivista "Testimonianze"


    Universitari in ricerca
    Riflessioni e testimonianze FUCI


    Un "canone" letterario
    per i giovani oggi


    Sguardi in sala
    Tra cinema e teatro

    A cura del CGS


    Recensioni  
    e SEGNALAZIONI

    invetrina2

    Etty Hillesum
    una spiritualità
    per i giovani
     Etty


    Semi e cammini 
    di spiritualità
    Il senso nei frammenti
    spighe


    Ritratti di adolescenti
    A cura del MGS


     

    Main Menu