Segnalazione


rizzi1

San Paolo 2021 - pp. 256 - E 22,00


Uno dei teologi più importanti e innovativi affronta i nodi cruciali che, dopo le guerre di religione e la nascita della modernità, hanno dato origine a conflitti ancora irrisolti. Due i nuclei tematici al centro della sua riflessione: lo scavo del senso della Parola biblica e l'ascolto e il confronto critico con la modernità, abbattendo i muri della reciproca diffidenza e aprendo prospettive di dialogo e rispetto. L'ermeneutica rizziana scardina modelli di pensiero e di azione all'apparenza incontrovertibili e naturali e propone piste alternative inedite, non per cedere alle mode della contemporaneità ma per la fedeltà all'oggi della Parola e all'oggi dell'uomo, al quale la Parola si rivolge come dono e come compito. «Per capire chi è Dio e chi è l'uomo nella Bibbia, e coglierne la differenza sostanziale dal pensiero greco, devo impegnarmi a pensare dentro la Bibbia: pensare, ma "dentro la Bibbia"; dentro la Bibbia, ma "pensare-. È una questione fondamentale di metodo da cui dipende l'adeguata ricerca del contenuto». Chi ha letto un solo rigo della teologia rizziana e quanti si confronteranno con questo o altri suoi testi non tarderanno a scoprire che sono proprio questi i temi che, come note musicali, risuonano continuamente in ogni sua pagina.

Un capitolo: Vita consacrata e vita laicale