Campagna
    abbonamenti
    QuartinoNPG2024


    Letti 
    & apprezzati


    Il numero di NPG
    marzo-aprile 2024
    600 cop 2024 2


    Il numero di NPG
    gennaio-febbraio 2024


    Newsletter
    marzo-aprile 2024
    NL 2 2024


    Newsletter
    gennaio-febbraio 2024


    P. Pino Puglisi
    e NPG
    PPP e NPG


    Pensieri, parole
    ed emozioni


    Post it

    • On line il numero di MARZO-APRILE di NPG sulla narrazione biblica, e quello di GENNAIO-FEBBRAIO sulle strutture pastorali.  E qui le corrispondenti NEWSLETTER: marzo-aprilegennaio-febbraio.
    • Attivate nel sito (colonna di destra "Terza paginA") varie nuove rubriche per il 2024.
    • Linkati tutti i DOSSIER del 2020 col corrispettivo PDF.
    • Messa on line l'ANNATA 2020: 118 articoli usufruibili per la lettura, lo studio, la pratica, la diffusione (citando gentilmente la fonte).
    • Due nuove rubriche on line: RECENSIONI E SEGNALAZIONI. I libri recenti più interessanti e utili per l'operatore pastorale, e PENSIERI, PAROLE

    Le ANNATE di NPG 
    1967-2024 


    I DOSSIER di NPG 
    (dall'ultimo ai primi) 


    Le RUBRICHE NPG 
    (in ordine alfabetico
    e cronologico)
     


    Gli AUTORI di NPG
    ieri e oggi


    Gli EDITORIALI NPG 
    1967-2024 


    VOCI TEMATICHE 
    di NPG
    (in ordine alfabetico) 


    I LIBRI di NPG 
    Giovani e ragazzi,
    educazione, pastorale

     


    I SEMPREVERDI
    I migliori DOSSIER NPG
    fino al 2000 


    Animazione,
    animatori, sussidi


    Un giorno di maggio 
    La canzone del sito
    Margherita Pirri 


    WEB TV


    NPG Facebook


    NPG Twitter



    Note di pastorale giovanile
    via Giacomo Costamagna 6
    00181 Roma

    Telefono
    06 4940442

    Email


     Etty Hillesum:

    biografia, bibliografia

    e studi vari

     Etty


    «Penso anche alla figura di Etty Hillesum, una giovane olandese di origine ebraica che morirà ad Auschwitz. Inizialmente lontana da Dio, lo scopre guardando in profondità dentro se stessa e scrive: "Un pozzo molto profondo è dentro di me. E Dio c’è in quel pozzo. Talvolta mi riesce di raggiungerlo, più spesso pietra e sabbia lo coprono: allora Dio è sepolto. Bisogna di nuovo che lo dissotterri" (Diario, 97). Nella sua vita dispersa e inquieta, ritrova Dio proprio in mezzo alla grande tragedia del Novecento, la Shoah. Questa giovane fragile e insoddisfatta, trasfigurata dalla fede, si trasforma in una donna piena di amore e di pace interiore, capace di affermare: "Vivo costantemente in intimità con Dio"»

    (Benedetto XVI, Udienza generale 13 febbraio 2013). 


    «Da qualche parte in me ci sono una malinconia, una tenerezza e anche un po' di saggezza che cercano una forma. A volte mi passano dentro dialoghi, immagini e figure, atmosfere. Questo improvviso affiorare di qualcosa che dovrà diventare la mia verità. Questo amore per gli altri che dovrà esser conquistato - non nella politica o in un partito, ma in me stessa. C'è ancora una falsa timidezza che m'impedisce di confessarlo. E poi Dio. “La ragazza che non sapeva inginocchiarsi e che pure lo imparò, sul ruvido tappeto di cocco, in una disordinata camera da bagno”. Ma sono faccende intime, quasi più intime di quelle del sesso. Vorrei poter rappresentare in tutte le sue sfumature queste processo interiore, la storia della ragazza che imparò a inginocchiarsi».
    Diario, Sabato mattina [22 novembre 1941]

     

    BIOGRAFIA

    (da fonte Internet)


    Esther Hillesum, conosciuta col nome di Etty, nasce il 15 gennaio 1914 a Middelburg in Olanda, in una famiglia della borghesia intellettuale ebraica.
    Il padre, Levie (detto Louis), era un professore di lingue classiche e in seguito preside del liceo di Deventer, incarico che ricoprì fino al 1940, quando gli venne revocato a causa delle leggi razziali. La madre di Etty, Rebecca Bernstein (detta Riva) nacque a Potcheb, in Russia, nel 1881, ma nel 1907, travestita da soldato, si rifugiò in Olanda per scampare a un pogrom. Qui sposa Louis Hillesum: la coppia ebbe tre figli: Etty, Misha e Jaap, questi ultimi eccezionalmente dotati l'uno nel campo della musica, divenne un pianista di talento e l'altro nelle scienze, studiò medicina e durante la guerra lavorò, in qualità di medico, presso l'Ospedale israelitico di Amsterdam.
    Nel 1926 Esther si iscrive al liceo classico di Deventer. Sei anni dopo si trasferisce ad Amsterdam, dove si laurea in giurisprudenza nel 1939. Si iscrive poi alla facoltà di lingue slave, impartisce lezioni di russo e si interessa anche agli studi di psicologia.
    Nel marzo 1937 Etty va ad abitare presso la casa di Hendrik Wegerif (detto Han), nella quale anche suo fratello Jaap aveva vissuto per un certo periodo. Etty si occupa della gestione della casa, lavoro per il quale riceve una paga da Hendrik, anziano vedovo cristiano padre di quattro figli. I rapporti tra Esther e quest'uomo presto si trasformano in una relazione sentimentale.
    Sarà proprio in quella casa che Etty inizierà a scrivere il suo Diario (dal marzo 1941) dove annota la sua trasformazione spirituale e le sue vicende umane prima del trasferimento al campo di Westerbork. Nel 1939 infatti il governo olandese, in accordo con la principale organizzazione ebraica presente in Olanda, decide di riunire lì i rifugiati ebrei, tedeschi o apolidi, che vivono nei Paesi Bassi, pensando ad una loro futura riemigrazione.
    Il 10 maggio 1940 i tedeschi irrompono in Olanda: cinque giorni dopo la regina e il governo si rifugiano in Inghilterra.
    Nel febbraio del 1941 avviene l'incontro più importante della vita di Etty: quello con lo psicanalista Julius Spier, allievo di Carl Gustav Jung e iniziatore della psicochirologia, la scienza che studia la psiche di una persona partendo dall'analisi delle mani. Ebreo tedesco fuggito da Berlino nel 1939, Spier tiene ad Amsterdam dei corsi serali durante i quali invita gli studenti a presentargli le persone che poi diventeranno oggetto del suo studio. Bernard Meylink, un giovane studente di biochimica che vive nella casa di Han, propone Etty. L'incontro con Spier è per Esther folgorante: decide subito di prendere un appuntamento privato con lui per cominciare una terapia. Diventa sua paziente e assistente, poi amante e compagna intellettuale, nonostante la notevole differenza di età (lei ha 27 anni e lui 54) e il fatto che entrambi siano già impegnati in una relazione.
    Quest'incontro segnò il via all'evoluzione della sua sensibilità in direzione sempre più spirituale (sebbene laica e aconfessionale), come testimonia nel suo diario.
    Tra i mesi di maggio e giugno 1942 nei Paesi Bassi viene portata a compimento l'attuazione delle leggi di Norimberga, che vietano agli ebrei, tra le altre cose, di usare trasporti pubblici, telefonare, sposarsi con persone non ebree. Dalla radio giunge la notizia (riportata da Etty nel suo diario, in data 29 giugno) che in Polonia sono stati uccisi 700.000 ebrei. Etty prende coscienza del piano nazista: lo sterminio della popolazione ebraica.
    Il 1 luglio 1942 il campo di Westerbork passa sotto il comando tedesco, diventa luogo di raccolta e smistamento per gli ebrei prigionieri diretti ad Auschwitz.
    Il 16 luglio Etty viene assunta come dattilografa al Consiglio Ebraico di Amsterdam, sezione assistenza alle partenze. L’ incarico non le piace, e venuta a conoscenza della decisione, da parte del Consiglio Ebraico di Amsterdam, di aprire una sezione nel campo di Westerbork, fa richiesta di trasferimento. La sua domanda è accettata: il 30 luglio 1942 comincia a lavorare al dipartimento di aiuto sociale alle persone in transito.
    A Westerbork gode di una certa libertà, che le consente di mantenere contatti con l'esterno e di scrivere numerose lettere. Torna talvolta ad Amsterdam, e proprio durante uno dei suoi soggiorni nella capitale olandese le viene trovato un calcolo biliare, è perciò costretta a una lunga degenza presso l'ospedale israelitico.
    Il 15 settembre 1942 Julius Spier muore per un tumore al polmone. Etty, che in quel momento si trova ad Amsterdam con lui, ha il permesso delle autorità tedesche di partecipare al funerale.
    Il 5 giugno 1943 Etty torna al campo di Westerbork: rifiuta l'aiuto che molti suoi amici le offrono per nasconderla e sfuggire così alla persecuzione nazista. Affida ad una amica, Maria Tuinzing, gli 11 quaderni del diario, chiedendole di darli allo scrittore Klaas Smelik per pubblicarli alla fine della guerra, qualora lei non dovesse tornare più. Nello stesso mese arrivano a Westerbork anche i suoi genitori e il fratello Mischa, arrestati durante una retata.
    A luglio le autorità tedesche decidono che metà dei membri del Consiglio Ebraico presenti nel campo di Westerbork deve tornare ad Amsterdam, mentre gli altri devono rimanere perdendo però ogni libertà di circolazione e comunicazione. Etty decide di restare.
    Il 7 settembre 1943 la famiglia Hillesum sale su un treno diretto in Polonia. Durante il viaggio Etty riesce a gettare un biglietto indirizzato ad un'amica ed è l'ultimo scritto di Esther. Verrà ritrovato lungo la linea ferroviaria e spedito.
    I genitori di Esther muoiono qualche giorno dopo la partenza, non è chiaro se durante il tragitto o al loro arrivo uccisi in una camera a gas.
    Etty muore ad Auschwitz il 30 novembre 1943.
    Stessa sorte per suo fratello Mischa, il 31 marzo 1944.
    Jaap Hillesum, deportato a Bergen Belsen nel febbraio 1944, muore il 27 gennaio 1945 sul treno che liberava i prigionieri del campo, vittima probabilmente di un’epidemia di tifo.
    Nell’autunno del 1943 vengono pubblicate clandestinamente ad Amsterdam due lettere che Etty aveva scritto dal campo nel dicembre 1942 e il 24 agosto 1943. Ma per la pubblicazione complessiva delle sue opere bisognerà aspettare molti anni: il Diario viene pubblicato per la prima volta in Olanda nel 1981 dall'editore Gaarlandt. E nel 1982 vengono pubblicate le Lettere scritte a Westerbork col titolo Il cuore pensante della baracca.


      

    BIBLIOGRAFIA

    (a cura di Giancarlo De Nicolò)

    Indichiamo solo i libri in italiano

    - Etty Hillesum, DIARIO 1941-1943. Edizione integrale, Adelphi 2012.
    - Etty Hillesum, LETTERE. Edizione integrale, Adelphi 2013.
    - Etty Hillesum, Diario 1941-1943, Adelphi 1985 (edizione ridotta).
    - Etty Hillesum, Lettere 1942-1943, Adelphi 1990 (edizione ridotta).
    - Etty Hillesum, 101 pensieri per resistere all'odio, San Paolo 2023.

    - Gerrit Van Oord (a cura di), L’esperienza dell’Altro. Studi su Etty Hillesum, Apeiron 1990.
    - Graziella Merlatti, Etty Hillesum. Un cuore pensante, Ancora 1999.
    - Nadia Neri, Un’estrema compassione. Etty Hillesum testimone e vittima del Lager, Bruno Mondadori 1999.
    - Laura Boella, Le imperdonabili, Tre Lune Edizioni 2000.
    - Pascal Dreyer, Etty Hillesum. Una testimone del Novecento, Ed. Lavoro 2000.
    - Sylvie Germain, Etty Hillesum. Una coscienza ispirata, Ed. Lavoro 2000.
    - Paul Lebeau, Etty Hillesum. Un itinerario spirituale, Paoline 2000.
    - M.P. Mazziotti, G. Van Oord (a cura di), Etty Hillesum, Diario 1941-1943. Un mondo “altro” è possibile, Apeiron 2002.
    - Wanda Tommasi, Etty Hillesum. L’intelligenza del cuore, Messaggero 2002.
    - Ingmar Granstedt, Ritratto di Etty Hillesum, Paoline 2003.
    - Maria Giovanna Noccelli, Oltre la ragione. Risonanze filosofiche dal pensiero e dall’itinerario esistenziale di Etty Hillesum, Apeiron 2004.
    - Maria Giovanna Noccelli, Se amare è chiedere troppo. Leggendo Etty Hillesum, Pro Sanctitate 2004.
    - Nandino Capovilla, Betta Tusset, Nei sandali degli ultimi. In Terra Santa con Etty Hillesum, Paoline 2005.
    - Evelyn Frank, Con Etty Hillesum. Alla ricerca della felicità, un cammino inatteso, Gribaudi 2005.
    - Fratel MichaelDavide, Etty Hillesum: Dio matura, La Meridiana 2005-2021.
    - Pia Marcolivo (a cura), Forme del destino. Etty Hillesum, Palomar 2005.
    - Luigi Maria Epicoco, Il Dio “salvato”. Etty Hillesum tra storia e profezia, Nova Itinera 2006.
    - Pierre Ferrière, Isabelle Meeûs-Michiels, Etty Hillesum. Meditiamo 15 giorni con, Paoline 2006.
    - Cristiana Dobner, Etty Hillesum. Pagine mistiche, Ancora 2007.
    - Giuseppe Bovo, Il dodicesimo quaderno. Gli 83 giorni di Etty Hillesum ad Auschwitz, La Meridiana 2009.
    - C. F. Manara, G. Van Oord, Quaderno di informazione e ricerca. Con Etty Hillesum, vol. 1, Apeiron 2009.
    - Beatrice Iacopini - Sabina Moser, Uno sguardo nuovo. Il problema del male in Etty Hillesum e Simone Weil, San Paolo 2009.
    - Patrick Woodhouse, Credo in Dio e negli uomini. Storia di Etty Hillesum, Lindau 2010.

    - Ria van den Brandt, Etty Hillesum: amicizia, ammirazione, mistica, Apeiron 2010.
    - Silvia Angeli, Etty Hillesum. Le pratiche di scrittura come trasformazione, Edizioni Univ. Romane, 2010.
    - Isabella Adinolfi, Etty Hillesum. La fortezza inespugnabile, il melangolo 2011. 
    - Luciana Breggia, Parole con Etty. Un itinerario verso il presente, Claudiana 2011.
    - Alessandro Barban - Antonio Carlo Dall'Acqua, Etty Hillesum. Osare Dio, Cittadella 2012.
    - Gerrit Van Oord (a cura), Etty Hillesum. Studi sulla vita e l'opera, Apeiron 2012.
    - Giorgio Pantanella, La ragazza che ospitò Dio, Pazzini 2012.
    - Cristiana Dobner, Il volto. Principio di interiorità. Edith Stein, Etty Hillesum, Marietti 2012.
    - Yves Bériault, Etty Hillesum. Testimone di Dio nell'abisso del male, Paoline 2013.
    - Luigi Maria Epicoco, Introduzione ad una donna, Tau editrice 2013.
    - Fabio Scarsato, Francesco d'Assisi e Etty Hillesum, Messaggero 2013. 
    - Fratel MichaelDavide, Etty Hillesum. Umanità radicata in Dio, Paoline 2013.
    - Antonio Gentili, «Sarò io ad aiutare Dio». Il cammino spiritale di Etty Hillesum, Ancora 2014.
    - Klaas A.D. Smelik, Il concetto di Dio in Etty Hillesum, Apeiron 2014.
    - Lorenzo Gobbi (a cura), Il bene quotidiano, Breviario dagli scritti (1941-1942), San Paolo 2014.
    - Giorgio Garrone, Dal buio la luce, Paoline 2014.
    - Karina Berger, Dialogo con Etty Hillesum, Paoline 2015.
    - Klaas A.D. Smelik, Il concetto di Dio in Etty Hillesum, Apeiron 2014.
    - Klaas A.D. Smelik, Odio e inimicizia in Etty Hillesum, Apeiron 2015.
    - Maria Coccia, Etty Hillesum. L'amore oltre la giustizia, Edizioni Univ. Romane 2014.
    - Emanuela Miconi, Etty Hillesum, la forma perfetta, Il Margine 2015.
    - Giancarlo Gaeta, Il privilegio di giudicare. Scritti su Etty Hillesum, Apeiron 2016.
    - Lucrezia Lerro, Il contagio dell'amore. Etty Hillesum e Julius Spier, San Paolo 2016.
    - Antonella Fimiani, Donna della parola. Etty Hillesum e la scrittura che dà origine al mondo, Aperion 2017.
    - (a cura di Fratel MichaelDavide), Ogni battito del cuore. Pagine scelte e commentate, Edizioni Terra Santa 2017.
    - Enzo Romeo, Diari a confronto. Anna Frank - Etty Hillesum, Ancora 2017.
    - Edgarda Ferri, Un gomitolo aggrovigliato è il mio cuore. Vita di Etty Hillesum, La nave di Teseo 2017.
    - Matteo Corradini, Siamo partiti cantando. Etty Hillesum, un treno, dieci canzoni, Rueballu 2017.
    - Daniele De Vecchi, Etty Hillesum mistica. La ragazza che non sapeva inginocchiarsi, Pazzini 2018.
    - Beatrice Iacopini (a cura), Etty Hillesum. Il gelsomino e la pozzanghera, Editoriale Le Lettere 2018.
    - Sara Gomel, Parole mie con voce tua: Etty Hillesum e l’esperienza del raccontarsi, Castelvecchi 2020.
    - Primavera Fisogni, La profondità del bene. Etty Hillesum e la metafisica della vita buona nei tempi bui, LuoghInteriori 2019.
    - Franco Brogi, Di questi tempi. Rileggendo Etty Hillesum al tempo del Coronavirus, Toscana Oggi 2020.
    - Marco Manco, Sbrogliare la vita con Etty Hillesum, Tau 2022.
    - Annalisa Consolo, Etty Hillesum. Il coraggio della scrittura, Ares 2022.
    - Mercedes Monmany, Sai che tornerò. Tre grandi scrittrici ad Auschwitz, Somora! 2022.
    - Morena Poltronieri, Graziella Pagani, Clara Tozzi, Etty Hillesum, Edith Stein, Simone Weil. Il filo rosso del femminile. Tra astri e grafie, Museo by Hermatena 2022.
    - Mauro Trentadue, Femminile, plurale. Simone de Beauvoir, Hannah Arendt, Simone Weil, Rachel Bespaloff, Etty Hillesum, Cristina Campo, Farina Editore, Milano 2022.
    - Elisabetta Rasy, Dio ci vuole felici. Etty Hillesum o della giovinezza, HarperCollins Italia 2023.


    In NPG: Rubrica “Testimoni”

    “Salva Dio in te stesso”
    Un messaggio di Etty Hillesum
    Maria Giovanna Noccelli


    In NPG: Rubrica "
    Il coraggio dell'aurora
    Fabiola Falappa

    NEWSLETTER NPG: NUMERO MONOGRAFICO

    80 ANNI DALLA MORTE: 30 novembre 1943 (e 110 ANNI DALLA NASCITA: 15 gennaio 1924)

    ALTRI ARTICOLI NEL SITO

    Scrittura e spiritualità nei diari e nelle lettere di Etty Hillesum (pdf - html)
    Gerrit Van Oord (il punto di riferimento per la conoscenza di Etty in Italia)

    Un cuore pensante
    Beatrice Iacopini

    Etty
    Francesco Occhetto

    Il messaggio universale di Etty Hillesum
    Giovanni Reale

    Etty Hillesum e il suo inno alla vita
    Marina Corradi

    A testa alta per la libertà contro il male
    Bruno Forte

    A Etty Hillesum
    Alexandre Jollien

    Etty Hillesum
    Laura Boella

    Una testimone: Etty Hillesum
    Monica Dal Maso

    La scrittura in Etty Hillesum
    Nadia Neri

    «Aiutare Dio»: Riflessioni su vita e pensiero di Etty Hillesum
    Joseph Sievers

    Lettera su Etty Hillesum
    Tzvetan Todorov

    Etty Hillesum, testimone di speranza
    Jacques Philippe

    Frammenti su Etty Hillesum
    Gabriele Nissim

    Etty Hillesum
    Tzvetan Todorov

    In cerca della forma perfetta
    Ernesto Galvagno (Emanuela Miconi)

    Nella fossa dei leoni
    Michael Shano

    Un corpo in relazione

    Marco Tondello

    Parole dall’anima e la scrittura infinita: l’irrequietezza «sacra» di Etty Hillesum
    Arianna Rotondo

    Etty Hillesum, la ragazza che trovò Dio durante la Shoah
    Cristina Uguccioni

    Ritratto letterario di Etty Hillesum
    Biviana Unger (tesi di laurea magistrale)

    Nuovi pensieri dai pozzi della miseria. Vita e scrittura in Etty Hillesum
    Attilio Bragantini

    Simone Weil e Etty Hillesum: l’attesa di Dio
    Isabella Adinolfi

    Etty Hillesum. La condivisione nel profondo
    Isabella Adinolfi

    Alcuni processi affettivi nell’esperienza mistica: il caso di Etty Hillesum
    Cristiana Dobner

    La ragazza che non sapeva inginocchiarsi. L’immagine di Dio in Etty Hillesum
    Tesina di Omar Cominelli

    Letture controverse di una mistica figlia della modernità
    Lucetta Scaraffia

    Etty Hillesum, o perché l'odio non aiuta il mondo
    Gerrit Van Oord

    Etty Hillesum's Learning to Live and Preparing to Die: Complacentia Boni as the Beginning of Acquired and Infused Virtue
    William McDonough

    Etty Hillesum: Un itinerario espiritual

    Etty Hillesum, il dramma e il canto alla vita
    Marcella Filippa

    Etty Hillesum: Body, Hands, Feet and Eyes (Part 1a: Body)
    Philip Knight 

    Etty Hillesum’s Humanism
    Philip Knight

    The Prayers and the Tears of Etty Hillesum
    Philip Knight

    Etty Hillesum: parole per un futuro altro
    Gerrit Van Oord

    Etty Hillesum: scrittura e spiritualità nei Diari e nelle Lettere
    Gerrit Van Oord

    Etty Hillesum’s hand-analysis, the prologue to her diaries
    Alexandra H.M. Nagel

    Two Voices from Westerbork: Etty Hillesum and Philip Mechanicus on the Transport from Camp Westerbork on 24 August 1943
    Gerrit Van Oord

    Hillesum. Per Dio e per la vita
    Riccardo Michelucci

    Etty Hillesum: Love Calls for Spiritual Discernment
    Alexandra Pleshoyano

    Il pensiero di un’estrema compassione
    Vari

    Il Dio personale

    Etty Hillesum: An Introduction /1

    Etty Hillesum: An Introduction /2

    La risposta filosofica alla Shoah
    Anna Foa

    La experiencia mÍstica contemporánea y la realización del ser humano. El caso de Etty Hillesumón del ser humano. El caso de Etty Hillesum
    Rosana E Navarro S

    Etty Hillesum: incontrare Dio in mezzo all'inferno

    Recensione a: M. G. Noccelli, Oltre la ragione. Risonanze filosofiche dal pensiero e dall'itinerario esistenziale di Etty Hillesum, Apeiron Editori, Sant'Oreste, 2004, 158 p., €7,95
    F. C. Manara

    Modern Women Mystics: Etty Hillesun and Simone Weil
    Fiona Bowie

    Spirituality in the Writings of Etty Hillesum (estratti)

    Etty Hillesum: For God and with God
    Alexandra Pleshoyano

    Reading Etty Hillesum in Context

    Recensione a Etty Hillesum, Diario 1941-1943 (edizione del 1985)
    F. Gentiloni

    Discorso 
    Klaas Smelik - Hollandse Schouwburg - 4 maggio 2014

    Etty Hillesum: un cuore pensante
    Rivista di Ascetica e mistica

    Unknown Sources of Etty Hillesum's Spirituality
    Ria Van den Brandt

    Etty Hillesum: quello che resta della vita
    Chiara Zamboni

    Etty Hillesum. Ricongiungersi con la vita che portavo in me
    Catherine Chalier

    Il Diario del «Dio personale»: Etty Hillesum
    Ulrick Beck


    T e r z a
    p a g i n A


    NOVITÀ 2024


    Saper essere
    Competenze trasversali


    L'umano
    nella letteratura


    I sogni dei giovani x
    una Chiesa sinodale


    Strumenti e metodi
    per formare ancora


    Per una
    "buona" politica


    Sport e
    vita cristiana
    rubrica sport


    PROSEGUE DAL 2023


    Assetati d'eterno 
    Nostalgia di Dio e arte


    Abitare la Parola
    Incontrare Gesù


    Dove incontrare
    oggi il Signore


    PG: apprendistato
    alla vita cristiana


    Passeggiate nel
    mondo contemporaneo

     


    NOVITÀ ON LINE


    Di felicità, d'amore,
    di morte e altro
    (Dio compreso)
    Chiara e don Massimo


    Vent'anni di vantaggio
    Universitari in ricerca
    rubrica studio


    Storie di volontari
    A cura del SxS


    Voci dal
    mondo interiore
    A cura dei giovani MGS

    MGS-interiore


    Quello in cui crediamo
    Giovani e ricerca

    Rivista "Testimonianze"


    Universitari in ricerca
    Riflessioni e testimonianze FUCI


    Un "canone" letterario
    per i giovani oggi


    Sguardi in sala
    Tra cinema e teatro

    A cura del CGS


    Recensioni  
    e SEGNALAZIONI

    invetrina2

    Etty Hillesum
    una spiritualità
    per i giovani
     Etty


    Semi e cammini 
    di spiritualità
    Il senso nei frammenti
    spighe


    Ritratti di adolescenti
    A cura del MGS


     

    Main Menu