Attesi dal suo amore
    Proposta pastorale 2024-25 

    MGS 24 triennio

    Materiali di approfondimento


    Letti 
    & apprezzati


    Il numero di NPG
    speciale sussidio 2024
    600 cop 2024 2


    Il numero di NPG
    maggio-giugno 2024
    600 cop 2024 2


    Newsletter
    SPECIALE 2024
    SPECIALE SUSSIDIO 2024


    Newsletter
    maggio-giugno 2024
    MAGGIO-GIUGNO 2024


    P. Pino Puglisi
    e NPG
    PPP e NPG


    Pensieri, parole
    ed emozioni


    Post it

    • On line il numero SPECIALE di NPG con gli approfondimenti della proposta pastorale, e quello di MAGGIO-GIUGNO sui "buchi neri dell'educazione".  E qui le corrispondenti NEWSLETTER: specialemaggio-giugno.
    • Attivate nel sito (colonna di destra "Terza paginA") varie nuove rubriche per il 2024.
    • Linkati tutti i DOSSIER del 2020 col corrispettivo PDF.
    • Messa on line l'ANNATA 2020: 118 articoli usufruibili per la lettura, lo studio, la pratica, la diffusione (citando gentilmente la fonte).
    • Due nuove rubriche on line: RECENSIONI E SEGNALAZIONI. I libri recenti più interessanti e utili per l'operatore pastorale, e PENSIERI, PAROLE

    Le ANNATE di NPG 
    1967-2024 


    I DOSSIER di NPG 
    (dall'ultimo ai primi) 


    Le RUBRICHE NPG 
    (in ordine alfabetico
    e cronologico)
     


    Gli AUTORI di NPG
    ieri e oggi


    Gli EDITORIALI NPG 
    1967-2024 


    VOCI TEMATICHE 
    di NPG
    (in ordine alfabetico) 


    I LIBRI di NPG 
    Giovani e ragazzi,
    educazione, pastorale

     


    I SEMPREVERDI
    I migliori DOSSIER NPG
    fino al 2000 


    Animazione,
    animatori, sussidi


    Un giorno di maggio 
    La canzone del sito
    Margherita Pirri 


    WEB TV


    NPG Facebook

    x 2024 400


    NPG X

    x 2024 400



    Note di pastorale giovanile
    via Giacomo Costamagna 6
    00181 Roma

    Telefono
    06 4940442

    Email

    Avrei voluto assottigliarmi contro i muri...



    Nicoletta Grieco

    (NPG 2000-07-6)


    È cominciato tutto un anno fa. Avevo qualche chilo di troppo, o meglio, diciamo che ero come sono a volte le tredicenni, non grassa certo, ma con quelle rotondità che incominciano a spuntare dopo l’adolescenza. Però non mi piaceva: non mi piacevo, avrei voluto tornare al mio corpo infantile, snello e sinuoso senza un filo di grasso. E invece quella natura femminile era prepotente: ogni giorno potevo vedere cambiamenti nel mio corpo, e i vecchi jeans non mi entravano più.
    Così decisi che dovevo dimagrire. Iniziai quasi per gioco, insieme ad Anna, la mia compagna di banco che aveva anche lei gli stessi problemi.
    All’inizio fu solo rinunciare a delle golosità particolari, come le patatine o i cioccolatini: dopo però, quando incominciai a vedere i primi risultati, divenne quasi una mania. Mi pesavo tutti i giorni e ogni etto perso era un vittoria: una felicità sottile si impadroniva di me, ed era più forte di qualunque tentazione. Nulla mi faceva più gola o, se succedeva, era comunque più forte la sensazione di vittoria che conseguiva alla tentazione dominata.
    Stavo dimagrendo sul serio, e provavo un forte senso di onnipotenza e di dominio sul corpo: cominciai a comprare libri di alimentazione, conoscevo perfettamente la quantità di calorie di ogni cibo da me ingerito, avevo eliminato completamente la pasta, i carboidrati e i cibi grassi.
    La magrezza era un mito da perseguire: le immagini delle modelle scheletriche degli anni ’60 i miei idoli. Mi sembrava assolutamente più dignitosa della grassezza, un ideale di spiritualità totale, di astinenza purificatrice. Avrei voluto assottigliarmi contro i muri per svanire, asessuata, invisibile agli occhi del mondo. Il dominio sul cibo mi faceva sentire superiore, come se gli altri cedessero ad una tentazione carnale mangiando, come se fossero schiavi di un qualcosa di sporco e prosaico.
    Io mi sentivo pulita dentro, in pace con me stessa quando accarezzavo il ventre piatto e sentivo le ossa del torace sotto le dita.
    I miei genitori cominciarono a preoccuparsi: mia madre mi stava dietro costantemente offrendomi del cibo. A pranzo e a cena era un tormento continuo con lei che mi preparava i manicaretti più prelibati per invogliarmi. Mio padre la prese ancora peggio: un giorno a tavola, fuori di sé, mi spiaccicò sul viso una mozzarella nel tentativo di farmela ingoiare. Alla fine, sottostando alla violenza la ingoiai, ma fu per poco, corsi in bagno a vomitarla immediatamente. Quella sera sentii mio padre piangere nella sua stanza.
    Mi portarono da tutti i medici più bravi, mi fecero ogni sorta di iniezioni, ma nulla mi indusse a ricominciare a mangiare. Era come farmi rinunciare ai miei ideali, o tradire il mio migliore amico, come commettere qualcosa di immorale.
    A scuola i compagni mi guardavano con un misto tra pena e ribrezzo, ma io non ci facevo caso, pensavo che fossero invidiosi della mia forza, della mia volontà superiore a qualsiasi altro bisogno.
    Tuttavia, come a conferma della giustezza del mio comportamento, non avevo ancora conseguenze fisiche: non mi sentivo debole, anzi, sentivo di avere la mente più lucida che mai e anche gli sforzi fisici non mi erano difficili.
    Poi, d’improvviso, un giorno persi i sensi. Da allora non ricordo più molto, so solo che sono stata in coma per molto tempo e poi, miracolosamente, ne sono uscita.
    Sono attaccata alla vita, e questo, dice il mio psichiatra (che adesso mi ha in cura) è stata la mia salvezza.
    Non starò a raccontarvi i motivi per cui la mia anima si è ammalata e ha fatto ammalare il corpo. So di essere malata, e questo è già molto, sto combattendo questa malattia come se ne combattono molte altre, ne sono pienamente cosciente e per il momento è già abbastanza. Ho ripreso qualche chilo, sono ancora magrissima, ma adesso non sono sicura di piacermi così tanto. Sono giovane, so che ce la farò, il tempo è dalla mia parte.


    T e r z a
    p a g i n A


    NOVITÀ 2024


    Saper essere
    Competenze trasversali


    L'umano
    nella letteratura


    I sogni dei giovani x
    una Chiesa sinodale


    Strumenti e metodi
    per formare ancora


    Per una
    "buona" politica


    Sport e
    vita cristiana
    rubrica sport


    PROSEGUE DAL 2023


    Assetati d'eterno 
    Nostalgia di Dio e arte


    Abitare la Parola
    Incontrare Gesù


    Dove incontrare
    oggi il Signore


    PG: apprendistato
    alla vita cristiana


    Passeggiate nel
    mondo contemporaneo
     


    NOVITÀ ON LINE


    Di felicità, d'amore,
    di morte e altro
    (Dio compreso)
    Chiara e don Massimo


    Vent'anni di vantaggio
    Universitari in ricerca
    rubrica studio


    Storie di volontari
    A cura del SxS


    Voci dal
    mondo interiore
    A cura dei giovani MGS

    MGS-interiore


    Quello in cui crediamo
    Giovani e ricerca

    Rivista "Testimonianze"


    Universitari in ricerca
    Riflessioni e testimonianze FUCI


    Un "canone" letterario
    per i giovani oggi


    Sguardi in sala
    Tra cinema e teatro

    A cura del CGS


    Recensioni  
    e SEGNALAZIONI

    invetrina2

    Etty Hillesum
    una spiritualità
    per i giovani
     Etty


    Semi e cammini 
    di spiritualità
    Il senso nei frammenti
    spighe


    Ritratti di adolescenti
    A cura del MGS


     

    Main Menu