Attesi dal suo amore
    Proposta pastorale 2024-25 

    MGS 24 triennio

    Materiali di approfondimento


    Letti 
    & apprezzati


    Il numero di NPG
    speciale sussidio 2024
    600 cop 2024 2


    Il numero di NPG
    maggio-giugno 2024
    600 cop 2024 2


    Newsletter
    luglio-agosto 2024
    LUGLIO AGOSTO 2024


    Newsletter
    SPECIALE 2024
    SPECIALE SUSSIDIO 2024


    P. Pino Puglisi
    e NPG
    PPP e NPG


    Pensieri, parole
    ed emozioni


    Post it

    • On line il numero SPECIALE di NPG con gli approfondimenti della proposta pastorale, e quello di MAGGIO-GIUGNO sui "buchi neri dell'educazione".  E qui le corrispondenti NEWSLETTER: specialemaggio-giugno.
    • Attivate nel sito (colonna di destra "Terza paginA") varie nuove rubriche per il 2024.
    • Linkati tutti i DOSSIER del 2020 col corrispettivo PDF.
    • Messa on line l'ANNATA 2020: 118 articoli usufruibili per la lettura, lo studio, la pratica, la diffusione (citando gentilmente la fonte).
    • Due nuove rubriche on line: RECENSIONI E SEGNALAZIONI. I libri recenti più interessanti e utili per l'operatore pastorale, e PENSIERI, PAROLE

    Le ANNATE di NPG 
    1967-2024 


    I DOSSIER di NPG 
    (dall'ultimo ai primi) 


    Le RUBRICHE NPG 
    (in ordine alfabetico
    e cronologico)
     


    Gli AUTORI di NPG
    ieri e oggi


    Gli EDITORIALI NPG 
    1967-2024 


    VOCI TEMATICHE 
    di NPG
    (in ordine alfabetico) 


    I LIBRI di NPG 
    Giovani e ragazzi,
    educazione, pastorale

     


    I SEMPREVERDI
    I migliori DOSSIER NPG
    fino al 2000 


    Animazione,
    animatori, sussidi


    Un giorno di maggio 
    La canzone del sito
    Margherita Pirri 


    WEB TV


    NPG Facebook

    x 2024 400


    NPG X

    x 2024 400



    Note di pastorale giovanile
    via Giacomo Costamagna 6
    00181 Roma

    Telefono
    06 4940442

    Email


    Recensione e segnalazione

    marelli
     
    Centro Ambrosiano 2022 - pp. 240 - E 18,00 
     

    L'AUTORE
    Nato nel 1976 e presbitero della diocesi di Milano dal 2002, è licenziato in Teologia Pastorale all'Università Pontificia Salesiana e in Teologia Spirituale alla Facoltà Teologica dell'Italia Settentrionale. È stato direttore e presidente della Fondazione Oratori Milanesi, responsabile di Oratori Diocesi Lombarde e consulente ecclesiastico del comitato di Milano del Centro Sportivo Italiano.
    Con Centro Ambrosiano ha pubblicato Istantanee dall'oratorio (2017), Fare casa. Giovani e vita comune (2021).
     
    IL LIBRO
    Il pellegrinaggio ha radici antiche, ricche di storia e di tradizioni, potentemente innervate nel cuore dell'umanità. L'identità stessa dell'uomo è una realtà dinamica, sempre in divenire, che non può prescindere dal movimento, dal mettersi in viaggio.
    Ecco perché oggi vale ancora la pena proporre l'esperienza del cammino, quale condizione in grado di restituire all'esistenza la sua consistenza autentica e la sua densità ontologica. Un saggio di carattere spirituale che conduce per mano alla scoperta dei bisogni del pellegrino, in un viaggio interiore che implica l'apprendimento, la continua ricerca, la disponibilità a un modo di essere inedito, che ridefinisce completamente il nostro stare al mondo.
     
    IL SOMMARIO
    Prefazione
    Introduzione
     
    Capitolo primo
    IL CAMMINO FA L'UOMO
    1. Esperienza
    2. Corpo
    3. Sensi
    4. Tempo
    5. Spazio
    6. Anima
     
    Capitolo secondo
    PASSO DOPO PASSO
    1. Decidere
    2. Prepararsi
    3. Partire
    4. Camminare
    5. Arrivare
    6. Ritornare
    7. Raccontare
     
    Capitolo terzo
    LO SPIRITO DEI PIEDI
    1. Essenzialità
    2. Conversione
    3. Discernimento
    4. Fraternità
    5. Sacrificio
    6. Preghiera
    7. Fede
     
    Capitolo quarto
    LA MERAVIGLIA DELLA STRADA
    1. Riferimento evidente
    2. Avventura avvincente
    3. Pratica esigente
    4. Esperienza conveniente
    5. Memoria promettente
    6. Gesto coinvolgente
    7. Provocazione eloquente
    8. Evocazione potente
    9. Sintesi sorprendente
     
    BIBLIOGRAFIA
    Documenti
    Opere complete e saggi
    Articoli, contributi e riviste
     
     
    LA PREFAZIONE
     
    Peregrino, ¿Quién te llama?
    ¿Qué fuerza oculta te atrae?
    Ni el Campo de las Estrellas, ni las grandes catedrales.
    No es la bravura navarra, ni el vino de los Riojanos,
    ni los mariscos gallegos, ni los campos castellanos.
    Peregrino, Quién te llama?
    ¿Qué fuerza oculta te atrae?
    Ni las gentes del Camino, ni las costrumbres rurales.
    No es la historia y la cultura, ni el gallo de La Calzada,
    ni el palacio de Gaudí, ni el Castillo de Ponferrada.
    Todo lo veo al pasar, y es un gozo verlo todo,
    mas la voz que a mi me llama la siento mucho mks hondo.
    La fuerza que a mi me empuja, la fuerza que a mi me atrae,
    no sé ni explicarla ni yo.
    ¡Sólo el de Arriba lo sabe!

    (Don Eugenio Garibay)
     
    Pellegrino, chi ti chiama? L'interrogativo con cui inizia il celeberrimo componimento poetico dipinto su un muro a Nájera, lungo il Camino de Santiago, attraversa l'intera riflessione di don Samuele Marelli. Egli, infatti, non accontentandosi della conclusione del poema – Solo Dio lo sa! – e avvalendosi di una grande quantità di testimonianze, propone una chiave di lettura di un fenomeno che negli ultimi quarant'anni ha assunto proporzioni sorprendenti. Ancora nel 1979 la cattedrale di Santiago registrava poco più di duecento arrivi all'anno; nel 2022, probabilmente, si supereranno di molto i 400.000 pellegrini. Senza contare la miriade di cammini più o meno religiosi – storici e non – che vengono di nuovo percorsi in ogni angolo d'Europa, la cui quantificazione purtroppo ci sfugge, per la mancanza, nei luoghi di arrivo, di servizi quali la compostellana Oficina del peregrino.
    Come mai, in epoca di galoppante secolarizzazione, in cui tutti gli indicatori religiosi tendono vistosamente al ribasso, è rinato in modo dirompente un fenomeno che assai più di altri sembrava morto e sepolto, relegato tra i prodotti più datati della religiosità popolare? E, ancora: che cos'è esattamente rinato? Si tratta di una semplice riproposizione oppure c'è stata – e c'è – una sostanziale rivisitazione di questa prassi devozionale, che ha conosciuto i suoi fasti nell'età di mezzo? Che cosa si è conservato di quei tempi perigliosi ed esaltanti nell'epoca delle carte di credito, delle attrezzature hi-tech, della connettività pervasiva?
    Tali domande non rivestono solamente un interesse accademico – sul versante della sociologia religiosa – ma hanno importanti ricadute pastorali per chi, come don Samuele, si è trovato a proporre l'esperienza del pellegrinaggio a piedi ai giovani. Comprenderne le dinamiche consente, infatti, di aiutare chi parte a vivere al meglio il proprio cammino, senza perdere ciò che è davvero importante. Non avere contezza di ciò che oggi accade (o può accadere) alle persone che decidono di mettersi in marcia lungo un itinerario della tradizione cristiana è spesso causa di scelte sbagliate a tutti i livelli: personale, ecclesiale, pastorale, politico, commerciale... La storia recente è purtroppo costellata di siffatti errori di prospettiva, che hanno comportato la perdita di opportunità di crescita, la trascuratezza di possibilità di evangelizzazione, lo spreco di denaro pubblico e privato.
    L'itinerario ermeneutico che don Samuele Marelli propone si articola fondamentalmente lungo due direttrici, mai distinte in modo netto nella trattazione: la prima si fonda sull'antropologia e sulla teologia del pellegrinaggio; la seconda è decisamente fenomenologica, andando a cogliere e ad analizzare i momenti e le dimensioni dell'esperienza dei pellegrini di oggi. Si tratta evidentemente di punti di vista complementari: il pellegrinaggio del terzo millennio non è un'invenzione; esisteva da tempo, in diverse tradizioni e culture, con precise caratteristiche sia sul piano dell'esperienza umana sia su quello dei significati religiosi.
    D'altra parte, il pellegrinaggio di oggi è qualcosa di diverso da quello delle origini o dei secoli d'oro; viene interpretato entro orizzonti antropologici e teologici mutati, i quali danno luogo a prassi in cui a fatica un uomo del XII secolo potrebbe riconoscersi; mentre il pellegrino del XXI secolo non accetta più certi modi di fare dei suoi antichi predecessori. Ad esempio, quanti oggigiorno sentono il bisogno di lasciare il proprio testamento prima della partenza, mettendo in conto la possibilità di non tornare più indietro? Fattori di rischio esistono sempre, ma in misura incomparabilmente minore rispetto a setto-otto secoli fa.
    La cosa non deve meravigliare; anzi, è probabilmente la chiave del sorprendente successo contemporaneo della pratica del pellegrinaggio. Una prassi antica, ricca di storia e di tradizioni, e potentemente innervata nell'umanità, viene rivisitata per rispondere a bisogni interiori nuovi e diversi, che assumono l'antico e lo rendono adatto a fornire risposte. La trattazione, assai ben documentata, di don Samuele Marelli, potrà offrire numerosi spunti di riflessione soprattutto a quegli operatori pastorali – animatori d'oratorio, educatori, sacerdoti... – che intendono mettersi in cammino con i propri ragazzi lungo un percorso della fede. Li potrà aiutare a valorizzare al massimo l'esperienza, potenziandone le dinamiche virtuose ed evitando di innescare prassi problematiche.

    + Paolo Giulietti
    Arcivescovo di Lucca
    Assistente della Confraternita di San Jacopo di Compostella
     
     

     


    T e r z a
    p a g i n A


    NOVITÀ 2024


    Saper essere
    Competenze trasversali


    L'umano
    nella letteratura


    I sogni dei giovani x
    una Chiesa sinodale


    Strumenti e metodi
    per formare ancora


    Per una
    "buona" politica


    Sport e
    vita cristiana
    rubrica sport


    PROSEGUE DAL 2023


    Assetati d'eterno 
    Nostalgia di Dio e arte


    Abitare la Parola
    Incontrare Gesù


    Dove incontrare
    oggi il Signore


    PG: apprendistato
    alla vita cristiana


    Passeggiate nel
    mondo contemporaneo
     


    NOVITÀ ON LINE


    Di felicità, d'amore,
    di morte e altro
    (Dio compreso)
    Chiara e don Massimo


    Vent'anni di vantaggio
    Universitari in ricerca
    rubrica studio


    Storie di volontari
    A cura del SxS


    Voci dal
    mondo interiore
    A cura dei giovani MGS

    MGS-interiore


    Quello in cui crediamo
    Giovani e ricerca

    Rivista "Testimonianze"


    Universitari in ricerca
    Riflessioni e testimonianze FUCI


    Un "canone" letterario
    per i giovani oggi


    Sguardi in sala
    Tra cinema e teatro

    A cura del CGS


    Recensioni  
    e SEGNALAZIONI

    invetrina2

    Etty Hillesum
    una spiritualità
    per i giovani
     Etty


    Semi e cammini 
    di spiritualità
    Il senso nei frammenti
    spighe


    Ritratti di adolescenti
    A cura del MGS


     

    Main Menu