Campagna
    abbonamenti
    QuartinoNPG2024


    Letti 
    & apprezzati


    Il numero di NPG
    marzo-aprile 2024
    600 cop 2024 2


    Il numero di NPG
    gennaio-febbraio 2024


    Newsletter
    marzo-aprile 2024
    NL 2 2024


    Newsletter
    gennaio-febbraio 2024


    P. Pino Puglisi
    e NPG
    PPP e NPG


    Pensieri, parole
    ed emozioni


    Post it

    • On line il numero di MARZO-APRILE di NPG sulla narrazione biblica, e quello di GENNAIO-FEBBRAIO sulle strutture pastorali.  E qui le corrispondenti NEWSLETTER: marzo-aprilegennaio-febbraio.
    • Attivate nel sito (colonna di destra "Terza paginA") varie nuove rubriche per il 2024.
    • Linkati tutti i DOSSIER del 2020 col corrispettivo PDF.
    • Messa on line l'ANNATA 2020: 118 articoli usufruibili per la lettura, lo studio, la pratica, la diffusione (citando gentilmente la fonte).
    • Due nuove rubriche on line: RECENSIONI E SEGNALAZIONI. I libri recenti più interessanti e utili per l'operatore pastorale, e PENSIERI, PAROLE

    Le ANNATE di NPG 
    1967-2024 


    I DOSSIER di NPG 
    (dall'ultimo ai primi) 


    Le RUBRICHE NPG 
    (in ordine alfabetico
    e cronologico)
     


    Gli AUTORI di NPG
    ieri e oggi


    Gli EDITORIALI NPG 
    1967-2024 


    VOCI TEMATICHE 
    di NPG
    (in ordine alfabetico) 


    I LIBRI di NPG 
    Giovani e ragazzi,
    educazione, pastorale

     


    I SEMPREVERDI
    I migliori DOSSIER NPG
    fino al 2000 


    Animazione,
    animatori, sussidi


    Un giorno di maggio 
    La canzone del sito
    Margherita Pirri 


    WEB TV


    NPG Facebook


    NPG Twitter



    Note di pastorale giovanile
    via Giacomo Costamagna 6
    00181 Roma

    Telefono
    06 4940442

    Email


    Giovani e Beatitudini /7

    Coloro che amano

    e cercano la pace

    Luis A. Gallo


    Beati gli operatori di pace, perché saranno chiamati figli di Dio (Mt 5,9)

    Il saluto più ripetuto nella Bibbia è "shalom", che noi traduciamo per "ti desidero la pace". Ma nel nostro linguaggio corrente la parola "pace" impoverisce il senso che le dava la Scrittura, e che è poi quello che le attribuiva certamente Gesù nella sua sesta beatitudine del discorso della montagna. "Shalom" designava la pienezza di ogni bene e non solo, come spesso tra noi, la semplice assenza della guerra o, secondo la classica definizione di S. Agostino, la "tranquillità dell'ordine".
    Potremmo dire che "pace", nella bocca di Gesù, è sinonimo di quel "regno di Dio" che egli cercò così appassionatamente nella sua vita. È per questo che, nel vangelo di Giovanni, troviamo frasi come questa detta ai discepoli nel suo discorso di congedo: "Vi lascio la pace, vi do la mia pace. Non come la dà il mondo, io la do a voi" (Gv 14,27). La sua è molto di più di quella pseudo-pace che alle volte si pretende far regnare tra di noi. Come ad esempio, nei tempi passati, la famosa "pace romana" ... ottenuta a furor di legioni. O come quella che regna in una famiglia dove si evita semplicemente di affrontare i problemi perché "si vuole stare in pace", facendosi ognuno "i fatti suoi". Anche nei cimiteri c'è molta pace, ma è la pace della morte!
    Gesù non vuole la pace della morte, ma della vita. Quella pace che egli ha cercato con passione durante tutta la sua vita, e che ha raggiunto nel momento della sua risurrezione, una pace che è sinonimo appunto di pienezza di vita. Nel vangelo di Giovanni c'è una narrazione piena di suggestione. Racconta di qualcosa avvenuto la sera della Pasqua. Gesù, appena risorto, si presenta vivo in mezzo ai suoi discepoli impauriti e li saluta con le classiche parole imparate dalla tradizione del suo popolo: "Pace a voi!". E dopo aver mostrato loro le mani e il costato, ripete di nuovo: "Pace a voi! Come il Padre ha mandato me, anch'io mando voi" (Gv 20,19-21). Come a dire: "Ecco la vostra missione nel mondo, prolungamento della mia: andate a operare la pace. Per questo vi do il mio Spirito".
    Non solo fruitori, ma anche e principalmente operatori di pace, della sua pace: è questa la vocazione di chi dice di seguire Gesù. E operare la pace significa lavorare per sradicare dal mondo, piccolo o grande che sia, tutto ciò che genera morte, e per assecondare e far crescere tutto ciò che genera vita. Una vocazione stupenda a cui si connette una grande promessa di felicità.
    Certo, come si diceva, la pace di Gesù non è la semplice assenza della guerra. È molto di più. È la giusta attuazione dei rapporti con Dio, con se stessi, con gli altri, con la natura, con le cose... Ma, proprio per questo, è anche assenza di guerra. E di guerre ce ne sono tante nel mondo attuale. Guerre aperte, portate avanti per anni e anni utilizzando sofisticati armamenti inventati dall'intelligenza umana, e magari forniti segretamente da chi, d'altra parte, denuncia gli stessi scontri bellici e perfino negozia pubblicamente per stroncarli. E guerre velate, fatte mediante la creazione e il mantenimento di strutture economiche, sociali e politiche che, silenziosamente e senza troppo rumore, falciano la vita di migliaia e migliaia di persone indifese. Alle volte si fa più guerra con una presa di posizione economica (un contratto salariale, un aumento delle tasse ...), che priva del necessario i più deboli della società, che con i più raffinati missili. Si guerreggia con i guanti di camoscio ...
    Ma poi ci sono altre guerre, quelle piccole. Quelle che si fanno all'interno di una famiglia nella quale i rapporti si sono rarefatti o perfino stroncati, quelle che si generano nella stessa chiesa tra i diversi movimenti o gruppi che si dichiarano seguaci di Gesù ... Non spargono materialmente il sangue, ma lo versano in tanti altri modi. Sono fonti di morte per solitudine, per emarginazione, per esclusione.
    Ma per fortuna c'è anche oggi nel mondo un'accresciuta sensibilità verso la pace. Si è perfino istituito il premio Nobel per la pace, attribuito a uomini e donne che si sono battuti per crearla o per ristabilirla. I movimenti pacifisti si moltiplicano un po' dappertutto. Hanno contribuito a creare una nuova sensibilità secondo la quale non esistono "guerre giuste", come si pensava un tempo, anche in ambito ecclesiale. Essi si meritano, siano o no cristiani, la beatitudine proclamata da Gesù. Magari senza saperlo, stanno portando avanti, almeno per quell'aspetto così importante della pace, il grande progetto di Gesù.
    C'è davvero da domandarsi se ci si può dire discepoli di colui che per la pace piena e gioiosa tra gli uomini diede anche la sua vita, se si nutrono sentimenti di guerra, se si assumono atteggiamenti aggressivi, se si fanno discorsi bellicosi, se si agisce con violenza verso gli altri, specialmente verso i più deboli. Un cristiano dovrebbe essere per natura un non-violento. E anche se in passato c'è stato chi, perfino nel nome di Gesù Cristo e portando il suo stendardo, fece la guerra, è il momento di dire "mai più!".

    PER IL LAVORO PERSONALE E DI GRUPPO

    "Vi affido la mia pace", si potrebbe tradurre l'accorato messaggio di Gesù ai suoi discepoli in quella notte del congedo. Come se dicesse: "Io me ne vado, non sarò più tra voi; siate voi ora i miei continuatori. Siate voi a operare la mia pace, e troverete pace e gioia per voi stessi".
    Pensa un momento a queste parole di Gesù. Vedi se realmente sei tu uno degli "operatori di pace" nel piccolo mondo nel quale vivi ogni giorno e se, nella misura delle tue possibilità, dai il tuo contributo anche all'altra pace, a quella "grande" che ha le dimensioni del mondo. Sappi godere la gioia che sgorga da questo impegno pacificatore.

    Preghiera

    Infondi, Gesù, la tua pace nel mio cuore.
    Fa' che essa vi affondi le sue radici.
    Così io potrò essere un vero operatore di pace,
    di quella pace che ti stava e ti sta tanto a cuore.
    Aiutami a sradicare dal mio cuore,
    ma anche da quello degli altri,
    ogni forma di rivalità, di rancore, di odio.
    E alita il tuo Spirito su di me,
    come facesti sui tuoi amici la sera di Pasqua,
    perché mi renda capace di portare avanti la tua stupenda proposta.
    Amen.


    T e r z a
    p a g i n A


    NOVITÀ 2024


    Saper essere
    Competenze trasversali


    L'umano
    nella letteratura


    I sogni dei giovani x
    una Chiesa sinodale


    Strumenti e metodi
    per formare ancora


    Per una
    "buona" politica


    Sport e
    vita cristiana
    rubrica sport


    PROSEGUE DAL 2023


    Assetati d'eterno 
    Nostalgia di Dio e arte


    Abitare la Parola
    Incontrare Gesù


    Dove incontrare
    oggi il Signore


    PG: apprendistato
    alla vita cristiana


    Passeggiate nel
    mondo contemporaneo

     


    NOVITÀ ON LINE


    Di felicità, d'amore,
    di morte e altro
    (Dio compreso)
    Chiara e don Massimo


    Vent'anni di vantaggio
    Universitari in ricerca
    rubrica studio


    Storie di volontari
    A cura del SxS


    Voci dal
    mondo interiore
    A cura dei giovani MGS

    MGS-interiore


    Quello in cui crediamo
    Giovani e ricerca

    Rivista "Testimonianze"


    Universitari in ricerca
    Riflessioni e testimonianze FUCI


    Un "canone" letterario
    per i giovani oggi


    Sguardi in sala
    Tra cinema e teatro

    A cura del CGS


    Recensioni  
    e SEGNALAZIONI

    invetrina2

    Etty Hillesum
    una spiritualità
    per i giovani
     Etty


    Semi e cammini 
    di spiritualità
    Il senso nei frammenti
    spighe


    Ritratti di adolescenti
    A cura del MGS


     

    Main Menu