Attesi dal suo amore
    Proposta pastorale 2024-25 

    MGS 24 triennio

    Materiali di approfondimento


    Letti 
    & apprezzati


    Il numero di NPG
    speciale sussidio 2024
    600 cop 2024 2


    Il numero di NPG
    maggio-giugno 2024
    600 cop 2024 2


    Newsletter
    SPECIALE 2024
    SPECIALE SUSSIDIO 2024


    Newsletter
    maggio-giugno 2024
    MAGGIO-GIUGNO 2024


    P. Pino Puglisi
    e NPG
    PPP e NPG


    Pensieri, parole
    ed emozioni


    Post it

    • On line il numero SPECIALE di NPG con gli approfondimenti della proposta pastorale, e quello di MAGGIO-GIUGNO sui "buchi neri dell'educazione".  E qui le corrispondenti NEWSLETTER: specialemaggio-giugno.
    • Attivate nel sito (colonna di destra "Terza paginA") varie nuove rubriche per il 2024.
    • Linkati tutti i DOSSIER del 2020 col corrispettivo PDF.
    • Messa on line l'ANNATA 2020: 118 articoli usufruibili per la lettura, lo studio, la pratica, la diffusione (citando gentilmente la fonte).
    • Due nuove rubriche on line: RECENSIONI E SEGNALAZIONI. I libri recenti più interessanti e utili per l'operatore pastorale, e PENSIERI, PAROLE

    Le ANNATE di NPG 
    1967-2024 


    I DOSSIER di NPG 
    (dall'ultimo ai primi) 


    Le RUBRICHE NPG 
    (in ordine alfabetico
    e cronologico)
     


    Gli AUTORI di NPG
    ieri e oggi


    Gli EDITORIALI NPG 
    1967-2024 


    VOCI TEMATICHE 
    di NPG
    (in ordine alfabetico) 


    I LIBRI di NPG 
    Giovani e ragazzi,
    educazione, pastorale

     


    I SEMPREVERDI
    I migliori DOSSIER NPG
    fino al 2000 


    Animazione,
    animatori, sussidi


    Un giorno di maggio 
    La canzone del sito
    Margherita Pirri 


    WEB TV


    NPG Facebook


    NPG Twitter



    Note di pastorale giovanile
    via Giacomo Costamagna 6
    00181 Roma

    Telefono
    06 4940442

    Email


     

    Ritorna qui il "sermo humilis" di cui parlava Agostino, che anche oggi è il modulo espressivo più consono a una Chiesa che vuole essere amica degli uomini e delle donne del suo tempo e per questo sceglie la via della colloquialità, dell'accessibilità. La verità cristiana - questo ci suggerisce Papa Francesco col suo modo di parlare, di predicare, di agire - non è una conoscenza raggiunta con sforzo e riservata a congreghe di iniziati, che poi la sequestrano come loro possesso. La verità cristiana, essendo "soave e amorosa salvezza" - cosi insegnava il Santo Vescovo di Ippona - per sua natura deve essere porta, offerta e testimoniata "suaviter", con delicatezza. E questo "sia per rispetto della sua stessa natura, sia tanto più per il rispetto delle possibilità di ricezione dell'uditore, affinché questi la possa accogliere" (cfr. S. Falasca, Le omelie di Papa Francesco come sermo humilis, Avvenire, 21 aprile 2013).

    Sulla stessa via si muove oggi Papa Francesco: egli mette l'interlocutore, chiunque sia, in una condizione di parità e non di distanza; instaura una relazione di prossimità; stabilisce un legame di vicinanza. Le sue parole aprono, abbracciano, facilitano. Aiutano a sollevare lo sguardo da se stessi. Diventano altrettanti semi che possono fiorire nei modi più inaspettati nella vita, nelle pieghe del vissuto di chi lo ascolta. In maniera gratuita e misteriosa, come dono di grazia, fuori da ogni pretesa "funzionalista".

    Scuotere la vita e anche la lingua

    Nel novembre scorso usci un opuscoletto sull'L'Abici del Papa, curato dal settimanale "Vita", una ricerca analitica sulle parole e le espressioni usate fino ad allora da Francesco. Emergeva già un dato interessante, cioè che le parole di Papa Francesco "fanno corpo con il personaggio", ne scolpiscono la figura agli occhi del mondo, non solo di chi crede, perché il Papa "è" quello che dice.

    Questo vale anche per i gesti e i comportamenti. Papa Francesco esprime, infatti, la propria corporeità in maniera naturalmente sbilanciata sull'interlocutore. Nel modo di rapportarsi agli altri e alle situazioni in cui si trova, lui "esce" continuamente da se stesso. La sua non è una compostezza rigida, ma una flessibilità che lo vede ora immergersi in una assorta concentrazione, come quando celebra la S. Messa; ora protendersi in uno slancio, nel quale sembra persino perdere l'equilibrio, quando si china a abbracciare i bambini o i disabili. Ciò vale per il suo corpo, vale anche per la sua voce e tanto più per la comunicazione epistolare, a lui molto cara.

    Non mi dilungherò, ovviamente, a elencare statistiche che forse risulterebbero anche noiose. Faccio solo qualche esempio: l'espressione "tutto/tutti" (che fino a novembre contava più di 300 ricorrenze), manifesta bene la sua visione delle cose, portata a superare i recinti e ad aprire le porte, "Il tutto è superiore alla parte", cosi recita una delle quattro suggestive formule che Papa Francesco inserisce nel IV capitolo della Esortazione apostolica Evangelii gaudium, proponendole come "principi" che favoriscono anche il bene comune e la pace sociale. "A noi cristiani - scrive tra l'altro Papa Francesco - questo principio parla anche della totalità o integrità del Vangelo che la Chiesa ci trasmette e ci invia a predicare. La sua ricchezza piena incorpora gli accademici e gli operai, gli imprenditori e gli artisti, tutti (...) La Buona Notizia è la gioia di un Padre che non vuole che si perda nessuno dei suoi piccoli" (n. 237).

    Un altro aspetto curioso riguarda la frequenza dei punti di domanda. Papa Francesco procede attraverso domande, pone interrogativi a se stesso e a chi lo ascolta. Con le domande conclude molte delle omelie delle Messe di Santa Marta, invitando tutti a raffrontare il proprio vissuto con quello che racconta il Vangelo del giorno. Sono domande vere. Interrogativi reali, non retorici. La domanda, l'attesa, la mendicanza è il tratto proprio della condizione umana, segna il cuore stesso di ogni uomo.

    In Papa Francesco, il porre domande diventa anche espressione della sollecitudine concreta e appassionata verso tutte le persone che incontra. Alla fine di una bella conversazione con un gruppo di ragazzi del Belgio, che è stata anche teletrasmessa, Papa Francesco ha rivolto loro una domanda, aggiungendo che non era una domanda originale, era presa dal Vangelo, ma che è la domanda giusta, in questo momento: “Dov'è il tuo tesoro, dove riposa il tuo cuore? Su quale tesoro riposa il tuo cuore? Perché dov'è il tuo tesoro - ha detto il papa ai ragazzi - là è la tua vita. Il cuore è attaccato al tesoro: possono essere i soldi o l'orgoglio oppure la bontà, bellezza, la voglia di fare il bene. Dovete rispondere  voi sessi, da soli, a casa vostra”.

    Nello stesso tempo, la domanda, la posizione di domanda, fa parte di quello che Papa Francesco descrive come il "pensiero aperto", il "pensiero incompleto". Il pensiero che non si compiace della propria autosufficienza, il pensiero che non pretende di possedere a priori la realtà. E cosi sfugge anche le risposte preconfezionate e fallaci di quella che lo stesso Papa Francesco, nell'intervista con La Civiltà Cattolica, ha definito come "fede da laboratorio", una fede dove "si prendono i problemi e li si portano a casa propria per addomesticarli, per verniciarli, fuori dal loro contesto". Per lui "non bisogna portarsi la frontiera a casa, ma vivere in frontiera e essere audaci".

    "Camminare" e "andare" sono altre due parole con una frequenza di ripetizioni altissima, in particolare nei discorsi delle Udienze, quando il Papa fa catechesi. La vita cristiana in Papa Francesco, infatti, è essenzialmente un camminare, un andare, un "moto a luogo". Subito si trovano i verbi, che sono conseguenza logica di quei primi due, "uscire", "seguire". L"'andare" per Papa Francesco non è solamente un percorso interiore, ma è un "andare" anche fisico, verso quei luoghi e quelle situazioni esistenziali dove conviene andare, uscendo da se stessi non per sforzo ma perché attirati e portati dalla Grazia di Cristo. Anche perché - come ha detto Papa Francesco ai bambini nella sua prima visita da Papa in una parrocchia della periferia romana - "la realtà si capisce meglio non dal centro ma dalle periferie".

    Inoltre, tra le parole più usate da Papa Francesco ci sono anche i verbi "vedere", "guardare", "ascoltare" e "sentire", ai quali si affiancano anche dei termini negativi, con cui Papa Francesco identifica gli atteggiamenti dai quali mette in guardia, come le "chiacchiere", o il "lamento".

    Vorrei chiudere questo breve excursus panoramico sulla lingua di Papa Francesco facendo un cenno alla tendenza a creare neologismi. Nella già citata intervista con Padre Antonio Spadaro su La Civiltà Cattolica, ad esempio, Papa Bergoglio ha detto: "La preghiera è sempre per me una preghiera 'memoriosa', piena di memoria". Si tratta di un neologismo che esprime bene come sia la preghiera: memoria di una presenza, dei gesti operati dal Signore nella nostra vita, e del fatto che "io posso dimenticarmi del Signore, ma so che lui non si dimentica mai di me. So che il Signore ha memoria di me". Si può ricordare qui anche il verbo spagnolo "primerear", usato per meglio rendere il fatto che Dio viene prima, anticipa ogni azione umana.

    La disposizione a creare neologismi è sintomo di due cose. Primo: per Papa Francesco la creatività è una componente che non viene mai esclusa, anzi viene sprigionata in ogni autentica dinamica missionaria e pastorale. Non si tratta di inventare cose nuove in maniera artificiosa, col rischio di ingombrare la vita di nuovi impegni e di pesi logoranti, ma piuttosto di trovare sempre vie nuove per annunciare il Vangelo e far percepire l'amore di Cristo per gli uomini e le donne del tempo presente, cosi come sono.

    Secondo: l'operare di Dio nella realtà avviene in modi che, a volte, si possono esprimere meglio con parole nuove, che l'esperienza fa germinare. Ci troviamo cosi coinvolti in un sommovimento che "scompaginando" la vita finisce per forza con 1o "scombinare" anche la lingua.

    Un "disgelo" comunicativo

    Vorrei, adesso, scegliere e commentare brevemente quattro espressioni di Papa Francesco, ben consapevole di tralasciarne molte altre, che ognuno di noi avrebbe desiderato, in cuor suo, sentire evocare.

    La prima parola, che Papa Francesco ha usato da subito senza esitazioni, è la parola tenerezza. Ha delineato questa virtù, questo atteggiamento di cui non ci dobbiamo mai vergognare, già nell'omelia dell'inizio del Ministero petrino il 19 marzo 2013, festa di san Giuseppe: "Custodire il creato, ogni uomo e ogni donna, con uno sguardo di tenerezza e amore, è aprire l'orizzonte della speranza, è aprire uno squarcio di luce in mezzo a tante nubi, è portare il calore della speranza! E per il credente, per noi cristiani, come Abramo, come san Giuseppe, la speranza che portiamo ha l'orizzonte di Dio che ci è stato aperto in Cristo, è fondata sulla roccia che è Dio".

    La tenerezza - questo suggerisce Papa Francesco - è il sentimento che noi uomini facciamo nascere nel cuore stesso di Dio. Coi nostri limiti, con le nostre fragilità, coi nostri tentativi anche imperfetti di mostrargli il nostro amore, anche coi nostri capricci. Per tenerezza lui consola il suo popolo e ricrea le cose che sembrano perdute, risana ciò che si è frantumato, fa rifiorire ciò che era avvizzito. "E la Chiesa - aggiunge Papa Bergoglio - non si stanca di dire che questa ri-creazione è più meravigliosa della creazione". Il Signore consola il suo popolo con tenerezza. Dio, l'Onnipotente, "non ha paura della tenerezza. Lui si fa tenerezza, si fa bambino, si fa piccolo". La tenerezza è il tratto proprio dell'operare di Gesù nel Vangelo: gli Apostoli, la Maddalena, i discepoli di Emmaus... A tutti loro Gesù "si avvicina con tenerezza". E cosi ci fa andare avanti, ci dà speranza.

    Quando il riverbero di questa tenerezza di Dio e di suo Figlio brilla nell'ordito della vita quotidiana, c'è per tutti più luce, più respiro, è più facile ripartire. Questo fa intravedere Papa Francesco, quando invita tutti a ripetere ogni giorno coi propri cari le tre parole che secondo lui aiutano a preservare l'umanità di ogni convivenza: "Scusa, permesso, grazie".

    Tre espressioni usate molto raramente oggi nei rapporti interpersonali. Già Teresa di Lisieux, la santa più cara a papa Francesco, nella Storia di un'anima rimproverava i cristiani di non capire questa dimensione dell'amore di Gesù: "Gesù è assetato, non incontra se non ingrati e indifferenti tra i discepoli del mondo e, tra i suoi stessi discepoli, trova pochi cuori i quali si abbandonino a lui senza riserve e capiscano la tenerezza del suo amore infinito".

    La seconda parola del lessico di Papa Francesco a cui voglio accennare è misericordia. Lui stesso lo affermò fin dalla sua prima omelia domenicale da Papa, nella parrocchia vaticana di Sant'Anna: "Per me, lo dico umilmente - riconobbe quella volta Papa Francesco - è il messaggio più forte del Signore, la misericordia. Lui stesso l'ha detto: io non sono venuto per i giusti; i giusti si giustificano da soli. Io sono venuto per i peccatori".

    È nella misericordia che si manifesta l'onnipotenza di Dio. La misericordia, scrive San Tommaso d'Aquino - citato da Papa Francesco nel paragrafo 37 di Evangelii gaudium - è in se stessa la più grande delle virtù. Ad essa spetta di "sollevare le miserie altrui. E questo, spiega San Tommaso, è compito specialmente di chi è superiore. Ecco perché si dice che è proprio di Dio usare misericordia".

    La misericordia degli uomini può fiorire dall'esperienza della misericordia di Dio. Fiorisce gratuitamente nel cuore convertito dall'amore misericordioso, che abbia realmente assaporato la misericordia del Padre. La misericordia è la controprova dell'amore, che quando è vissuto in profondità trasfigura l'atteggiamento verso se stessi, verso gli altri e verso Dio. Che amore sarebbe quello verso il povero, verso il sofferente, verso il fratello, verso i parenti, verso il coniuge se non ci fosse la misericordia? Anche l'amore più sincero, se non diventa un habitus di accoglienza e misericordia verso i limiti e le fragilità di se stessi e del prossimo, può diventare col tempo una forma mascherata di egoismo. Sempre San Tommaso spiegava che l'habitus non è un'azione ripetitiva, ma è una modalità creativa e sempre nuova di vivere una virtù e renderla piena.

    Papa Francesco, coi suoi continui gesti di attenzione nei confronti dei malati, dei sofferenti, di chi è stato ferito dalla vita, sembra invitare i cristiani a fare questa verifica: la misericordia che ci troviamo a vivere racconta molto della nostra fede e ci dice quanto ci stiamo abbandonando all'amore di Dio, quanto per questo desideriamo ridare amore. La misericordia dice anche in che misura 1'amore ci ha cambiati fino a produrre in noi atteggiamenti di apertura e compassione per l'altro.

    Cosi, lui ricorda a tutti, nella Evangelii gaudium, che "bisogna accompagnare con misericordia e pazienza le possibili tappe di crescita delle persone che si vanno costruendo giorno per giorno" (n. 50). Ai sacerdoti, in particolare, ricorda che il confessionale "non dev'essere una sala di tortura bensì il luogo della misericordia del Signore che ci stimola a fare il bene possibile". Perché "un piccolo passo, in mezzo a grandi limiti umani, può essere più gradito a Dio della vita esteriormente corretta di chi trascorre i suoi giorni senza fronteggiare importanti difficoltà. A tutti deve giungere la consolazione e lo stimolo dell'amore salvifico di Dio, che opera misteriosamente in ogni persona, al di là dei suoi difetti e delle sue cadute" (n. 44).

    In questo modo, suggerisce a tutti anche quale è il volto autentico della Chiesa. "La comunità evangelizzatrice - scrive ancora nella sua Esortazione apostolica, documento-chiave del suo pontificato - sperimenta che il Signore ho preso l'iniziativa, l'ha preceduta nell'amore (cfr 1 Gv 4,10), e per questo essa sa fare il primo passo, sa prendere l'iniziativa senza paura, andare incontro, cercare i lontani e arrivare agli incroci delle strade per invitare gli esclusi. Vive un desiderio inesauribile di offrire misericordia, frutto dell'aver sperimentato l'infinita misericordia del Padre e la sua forza diffusiva" (n.24).

    Nella sua esperienza di pastore, Jorge Mario Bergoglio ha sperimentato tante volte che proprio l'esperienza di essere abbracciati dalla misericordia che perdona può risvegliare nelle coscienze degli uomini e delle donne di oggi la percezione del male, del peccato che indurisce il cuore, del bene che attrae e rende felici. Lo sguardo proprio del cristiano sulla vita morale fiorisce dall'esperienza gratuita della misericordia. Per questo i discorsi sulle questioni etiche che non tengono conto di tale sorgente, o che addirittura dileggiano la misericordia facendone la caricatura e etichettandola come "buonismo", non colgono mai le dinamiche proprie innescate nel mondo dai fatti annunciati nel Vangelo.

    La terza parola su cui vorrei soffermarmi brevemente è la parola verità. Ad essa Papa Francesco ha dedicato espressioni eloquenti fin nell'incontro avuto tre giorni dopo la sua elezione papale coi rappresentanti del mondo dei media. Già in quella occasione il Papa ha sottolineato il legame inestricabile tra i termini di quella che ha definito anche come una "triade" esistenziale: la verità, la bellezza, la bontà.

    "Il vostro lavoro - ha detto quella volta - necessita di studio, di sensibilità, di esperienza, come tante altre professioni, ma comporta una particolare attenzione nei confronti della verità, della bontà e della bellezza; e questo ci rende particolarmente vicini, perché la Chiesa esiste per comunicare proprio questo: la Verità, la Bontà e la Bellezza 'in persona'. Dovrebbe apparire chiaramente che siamo chiamati tutti non a comunicare noi stessi, ma questa triade esistenziale che conformano verità, bontà e bellezza".

    La potente azione e influenza dei mezzi di comunicazione nella società e nella cultura, ma anche delle nostre stesse parole, possono aiutare a crescere o al contrario possono disorientare. Quando le immagini e le informazioni veicolate hanno come unico scopo quello di indurre al consumo o manipolare le persone per approfittarsi di esse, siamo di fronte ad un vero assalto, ad un golpe, a un'"estetica disintegrante", che fa perdere la speranza nella possibilità di scoprire la verità e operare il bene comune.

    Ciò che si attende da persone intellettualmente oneste è un parlare semplice e asciutto e una "parola di verità e con amore". Non è onesto agire con l'alterazione delle parole, adulando per circuire le intenzioni di altri cosi da ingannare e persuadere in danno del prossimo. In questo senso vi è, per il Papa, un nesso indissolubile tra ipocrisia e corruzione, che passa anche per l'artificio di piegare i significati delle azioni e delle parole adulterando la semplicità del loro significato.

    Papa Francesco riserva, inoltre, una considerazione su una "certa debolezza interiore", per cui "ci piace che dicano cose buone di noi". Il Papa ci esorta tutti a parlare in verità. Un comunicare che non cerca la lusinga, non dice falsa testimonianza per accusare o far prevalere le proprie posizioni, ma predilige il "parlare dei semplici, parlare da bambino, parlare da figli di Dio, parlare in verità".

    La testimonianza resa alla verità fa parte del compito affidato alla Chiesa per liberare gli uomini dalla menzogna. Come scrive Papa Francesco ancora nell'Evangelii gaudium: "Cosi come l'organicità tra le virtù impedisce di escludere qualcuna di esse dall'ideale cristiano, nessuna verità è negata. Non bisogna mutilare l'integralità del messaggio del Vangelo. Inoltre, ogni verità si comprende meglio se la si mette in relazione con l'armoniosa totalità del messaggio cristiano, e in questo contesto tutte le verità hanno la loro importanza e si illuminano reciprocamente. Quando la predicazione è fedele al Vangelo, si manifesta con chiarezza la centralità di alcune verità e risulta chiaro che la predicazione morale cristiana non è un'etica stoica, è più che un'ascesi, non è una mera filosofia pratica né un catalogo di peccati ed errori" (n. 39).

    La quarta parola su cui mi soffermo è la parola giustizia: "Finché ognuno cerca di accumulare per sé - ha detto Papa Francesco all'Angelus del 2 marzo 2014 - non ci sarà mai giustizia. Dobbiamo sentire bene, questo! Finché ognuno cerca di accumulare per sé, non ci sarà mai giustizia. Se invece, confidando nella provvidenza di Dio, cerchiamo insieme il suo Regno, allora a nessuno mancherà il necessario per vivere dignitosamente".

    A ben guardare la conversione cui ci richiama Francesco, credenti e non, è quella della centralità di ogni uomo e di ogni donna: se l'uomo è il metro che misura il nostro agire, se insomma l'uomo è la variabile indipendente, allora è tutto il resto che deve cambiare e riordinarsi a questo fine. Amore e povertà senza giustizia non colmano la misura di grazia promessa dal Vangelo. A che servirebbe una Chiesa magari più austera ma che non impegnasse i suoi membri a lavorare giorno per giorno, nella concretezza delle situazioni, per restituire ai poveri (e ancor più ai miseri e ai dannati della terra) la loro dignità - anche economica - di cittadini del mondo, che vivono del proprio lavoro?

    Il Papa mette in gioco la testimonianza evangelica dei credenti anche nelle battaglie per la giustizia sociale. Una giustizia che riguarda miliardi di uomini e di donne, le moltitudini dei diseredati e che vivono spesso da "invisibili" anche nei paesi del nord ricco del mondo. Nasce da qui, come riflesso, anche una acutezza di giudizio critico sulle pulsioni - da lui definite "idolatriche” - che muovono i meccanismi della speculazione economica e finanziaria. Le pulsioni che tornano a adorare l'idolo del denaro che si produce da se stesso e per questo non ha remore a trasformare in disoccupati milioni di lavoratori, inoculando in tutto il corpo sociale quelle che Papa Bergoglio ha definito come "cultura dello scarto” e "globalizzazione dell'indifferenza".

    Secondo Papa Francesco, l'ingiustizia e gli squilibri sono il vaso di Pandora di tutti i conflitti. E "quando la società - locale, nazionale o mondiale - abbandona nella periferia una parte di sé - ha scritto nella Evangelii gaudium - non vi saranno programmi politici, né forze dell'ordine o di intelligence che possano assicurare illimitatamente la tranquillità" (n. 59).

    Per la polis

    Le parole di Papa Francesco sono un patrimonio apprezzato e riconosciuto da molti. Anche da molti che non hanno e non vivono il dono della fede. In molti percepiscono che le sue parole prefigurano il profilo di una "città affidabile", dove confluiscono suggestioni teologiche, culturali e politiche. Teologiche, perché essa si può fondare sull'esperienza della fedeltà di Dio all'intero genere umano e al cammino di edificazione e preparazione "di un luogo nel quale l'uomo possa abitare insieme con gli altri".

    Culturale, perché dimostra la menzogna e l'inaffidabilità del modello che, intendendo l'alterità come estraneità, non può che produrre la convinzione che l'unità fra gli uomini sia concepibile "solo come fondata sull'utilità, sulla composizione degli interessi, sulla paura", tracciando senza requie nel corpo vivo dell'umanità linee di frattura e di conflitto, che in molte parti del mondo continuano purtroppo ad alimentare la violenza e lo scontro militare fra comunità e stati. Ben diversa è l"'architettura" dei rapporti che si costruisce nella tensione verso il bene comune, alimentata dalla "gioia che la semplice presenza dell'altro può suscitare", attenta dunque a accogliere e integrare anche chi è "straniero".

    La città abitabile è infine una proposta politica, perché impegna "al servizio concreto della giustizia, del diritto e della pace".

    Già da Arcivescovo di Buenos Aires, Jorge Mario Bergoglio aveva manifestato la sua sensibilità ai processi in atto nelle grandi aree urbane dove si mescolano opulenza e esclusione sociale, manipolazione massificante e anonimato. E già a Buenos Aires aveva esortato a verificare all'interno di quei processi l'efficacia della testimonianza nutrita dalla grazia, cioè della dinamica evangelica più elementare, che ha segnato l'annuncio cristiano fin dai tempi apostolici. L'immagine proposta a tutti dal cardinale Bergoglio, nei suoi interventi ai seminari di studio sulla "questione urbana" a cui partecipava a Buenos Aires, era quella di Gesù che passa in città, operando il bene per tutti.

    Lo stesso sguardo si ritrova oggi nella "conversione pastorale" che Papa Francesco suggerisce a tutta la Chiesa. Fa parte di tutto questo anche il contributo proprio che i cristiani sono chiamati a offrire alla costruzione della polis comune, insieme ai loro contemporanei: "Agire da buoni cittadini, in qualunque città - ha detto Bergoglio a un convegno sulla pastorale urbana tenutosi a Buenos Aires nel 2012 - migliora la fede, Paolo raccomandava fin dall'inizio di essere buoni cittadini".

    Con questo spirito Papa Francesco continua a propone il rinnovamento possibile nel cuore di una società mercificata: semplicità. umiltà, attenzione per gli ultimi, condivisione dei problemi degli altri. Il suo ordinario stile di vita è una scuola di testimonianza che invita coraggiosamente al cambiamento.

    "Puntate sugli alti ideali", "non fatevi rubare la speranza" sono le frasi che il Papa ripete spesso ai giovani, volendo sottolineare che guardare in alto significa dare valore anche alle piccole cose. Cosi, si può uscire dalla crisi, eliminare i conflitti, coltivare la speranza di costruire un mondo migliore basato sulla cultura del dialogo, della trasparenza, della legalità, della giustizia, della solidarietà e dell'abbattimento delle barriere culturali.

    Le sollecitazioni del Papa infondono coraggio, ma sono anche uno stimolo, quando ad esempio invita a non aver paura di "andare controcorrente". Sottraendosi alla dominante cultura dell'egoismo, dell'indifferenza, dell'esteriorità e del vuoto protagonismo.

    I giovani e il tesoro di ogni cuore

    È soprattutto ai giovani che il Papa si rivolge quando tratta di speranza. Papa Francesco difende i giovani, indicandoli come le prime vittime dei processi di mercificazione dominati dall'egoismo. Ma saranno proprio loro che potranno leggere l'attuale crisi come opportunità per "immaginare" un mondo migliore e, con costante impegno, realizzarlo.

    Alle nuove generazioni è affidata la possibilità di affrancarsi dalla mediocrità dei comportamenti, delineando anche un modello socio-economico che riconosca l'autentico significato di sviluppo. "Dobbiamo proporre l'orizzonte che Dio ci ha messo nel cuore. E per farlo - ha detto una volta Papa Francesco - è necessario uscire da noi stessi. Quindi non accontentatevi di stare con il vostro piccolo gruppo, ma ascoltate le preoccupazioni e prendetevi cura delle ansie di tutti i giovani. È vero, voi giovani siete una minoranza. Anche il lievito è solo una piccola parte ma serve a far fermentare la pasta. Anche il sale è una minoranza ma aggiunge sapore e aiuta a mantenere la cottura. Allora integratevi, parlate e ascoltate. Suggerite orizzonti veri, non quelli a breve termine. Dovete avere spirito missionario e mescolarvi con gli altri. Come ho già detto in molte occasioni, voglio una Chiesa per le strade. Che esca fuori da se stessa. Ecco, voglio anche i giovani per le strade. Giovani mescolati e incorporati nella vita quotidiana di altri giovani. Ragazzi che parlano di Gesù Cristo, che con Lui vivono e possono trasmettere il suo esempio agli altri”.

    Ritorno, in conclusione, alla domanda già citata che Papa Francesco ha rivolto con cuore di padre ai cinque ragazzi che dal Belgio erano venuti a intervistarlo nel Palazzo apostolico: dove è il tuo tesoro? Su quale tesoro riposa il tuo cuore?

    Con il Papa, anch'io ripeto questa domanda, che non è una domanda originale, è presa dal Vangelo. Ma è la domanda giusta, in questo momento, e sempre. Noi solo per i giovani e le giovani, ma anche per noi, che non siamo più ragazzi. È la domanda di Gesù, che oggi raggiunge ciascuno di noi anche attraverso le parole di papa Francesco. Il cammino che abbiamo davanti dipende anche da come ognuno di noi risponderà a questa domanda.

    (Torino 10 maggio 2014, Salone del libro)


    T e r z a
    p a g i n A


    NOVITÀ 2024


    Saper essere
    Competenze trasversali


    L'umano
    nella letteratura


    I sogni dei giovani x
    una Chiesa sinodale


    Strumenti e metodi
    per formare ancora


    Per una
    "buona" politica


    Sport e
    vita cristiana
    rubrica sport


    PROSEGUE DAL 2023


    Assetati d'eterno 
    Nostalgia di Dio e arte


    Abitare la Parola
    Incontrare Gesù


    Dove incontrare
    oggi il Signore


    PG: apprendistato
    alla vita cristiana


    Passeggiate nel
    mondo contemporaneo
     


    NOVITÀ ON LINE


    Di felicità, d'amore,
    di morte e altro
    (Dio compreso)
    Chiara e don Massimo


    Vent'anni di vantaggio
    Universitari in ricerca
    rubrica studio


    Storie di volontari
    A cura del SxS


    Voci dal
    mondo interiore
    A cura dei giovani MGS

    MGS-interiore


    Quello in cui crediamo
    Giovani e ricerca

    Rivista "Testimonianze"


    Universitari in ricerca
    Riflessioni e testimonianze FUCI


    Un "canone" letterario
    per i giovani oggi


    Sguardi in sala
    Tra cinema e teatro

    A cura del CGS


    Recensioni  
    e SEGNALAZIONI

    invetrina2

    Etty Hillesum
    una spiritualità
    per i giovani
     Etty


    Semi e cammini 
    di spiritualità
    Il senso nei frammenti
    spighe


    Ritratti di adolescenti
    A cura del MGS


     

    Main Menu