Attesi dal suo amore
    Proposta pastorale 2024-25 

    MGS 24 triennio

    Materiali di approfondimento


    Letti 
    & apprezzati


    Il numero di NPG
    speciale sussidio 2024
    600 cop 2024 2


    Il numero di NPG
    maggio-giugno 2024
    600 cop 2024 2


    Newsletter
    SPECIALE 2024
    SPECIALE SUSSIDIO 2024


    Newsletter
    maggio-giugno 2024
    MAGGIO-GIUGNO 2024


    P. Pino Puglisi
    e NPG
    PPP e NPG


    Pensieri, parole
    ed emozioni


    Post it

    • On line il numero SPECIALE di NPG con gli approfondimenti della proposta pastorale, e quello di MAGGIO-GIUGNO sui "buchi neri dell'educazione".  E qui le corrispondenti NEWSLETTER: specialemaggio-giugno.
    • Attivate nel sito (colonna di destra "Terza paginA") varie nuove rubriche per il 2024.
    • Linkati tutti i DOSSIER del 2020 col corrispettivo PDF.
    • Messa on line l'ANNATA 2020: 118 articoli usufruibili per la lettura, lo studio, la pratica, la diffusione (citando gentilmente la fonte).
    • Due nuove rubriche on line: RECENSIONI E SEGNALAZIONI. I libri recenti più interessanti e utili per l'operatore pastorale, e PENSIERI, PAROLE

    Le ANNATE di NPG 
    1967-2024 


    I DOSSIER di NPG 
    (dall'ultimo ai primi) 


    Le RUBRICHE NPG 
    (in ordine alfabetico
    e cronologico)
     


    Gli AUTORI di NPG
    ieri e oggi


    Gli EDITORIALI NPG 
    1967-2024 


    VOCI TEMATICHE 
    di NPG
    (in ordine alfabetico) 


    I LIBRI di NPG 
    Giovani e ragazzi,
    educazione, pastorale

     


    I SEMPREVERDI
    I migliori DOSSIER NPG
    fino al 2000 


    Animazione,
    animatori, sussidi


    Un giorno di maggio 
    La canzone del sito
    Margherita Pirri 


    WEB TV


    NPG Facebook

    x 2024 400


    NPG X

    x 2024 400



    Note di pastorale giovanile
    via Giacomo Costamagna 6
    00181 Roma

    Telefono
    06 4940442

    Email



    Beati quelli

    che ascoltano

    la Parola di Dio

    Bruna Costacurta


    Al centro della nostra riflessione di oggi c’è l’ascolto della parola di Dio come momento fondamentale, indispensabile della formazione della persona che consente poi la trasmissione della fede, ma avendo Maria come punto di riferimento per riflettere su questo elemento dell’ascolto, che è ciò che costituisce il credente e che permette la formazione della persona. Dunque l’ascolto con tutte le sue implicazioni. Abbiamo preso come punto di partenza la frase di Gesù, che viene riportata da Luca al cap.11,28, in risposta ad un’esclamazione di una donna. Gesù risponde: “Beati piuttosto coloro che ascoltano la Parola di Dio e la custodiscono”. Gesù, secondo questo episodio che viene riportato da Luca, stava predicando, in risposta a dei discorsi fortemente provocatori che alcuni avevano fatto, dopo aver assistito alla cacciata di un demonio, il famoso demonio sordo-muto. Davanti a questo episodio, a questo intervento di Gesù nei confronti di ciò che dice disordine, alterazione del progetto di Dio, male, davanti a questo intervento di Gesù che si presenta come colui che opera la vittoria sul male, che ha potestà di vincere, alcuni invece reagiscono provocando Gesù, accusandolo di fare questo non perché portatore di una forza di bene, ma perché invece in qualche modo coinvolto nel male stesso. E allora Gesù risponde con quella specie di parabola sul regno che, se è diviso in se stesso non può durare, e dunque l’accusa era: tu cacci i demoni in virtù dei demoni. Lui dice: no! Un regno diviso in se stesso, dove il demonio caccia l’altro demonio, non potrebbe durare e illustra poi questo con la parabola del forte che viene vinto da uno più forte, dove quindi il forte è satana, vinto da uno più forte che è Gesù, che vince il male e che libera dal potere del male e a questo fa seguito da parte di Gesù l’invito a stare con lui, a prendere posizione e a schierarsi. Qui c’è il bene e il male; c’è il potere del bene che vince il male e Gesù invita a prendere posizione, terminando con la pericope dello spirito immondo che, cacciato, ritorna e trova la casa spazzata. Qui Gesù introduce l’elemento della necessità dell’attenzione, perché per il convertito c’è sempre il rischio di non rimanere saldo nella fede e quindi di riaprire le porte a quelle dimensioni di male che, invece, ha abbandonato, lasciandosi convertire al regno. La tematica di questa pericope è estremamente forte, complicata e complessa, perché è quella del confronto tra Gesù e Satana, tra il regno di Dio e il male, e quindi anche tra l’offerta, la proposta del regno di Dio e l’indurimento del cuore, che si oppone al regno di Dio. Chi ascolta deve prendere posizione. Gesù lo dice esplicitamente a quelli che sono lì, ma anche chi legge questi testi è chiamato a prendere posizione e a decidere da che parte vuole stare. Mentre Gesù sta parlando così, Luca pone proprio il rapporto esplicito, perché dice: mentre diceva questo…(siamo all’interno di questo discorso), una donna alzò la voce di mezzo alla folla e disse: Beato il ventre che ti ha portato e il seno da cui hai preso il latte; ma egli disse: Beati piuttosto coloro che ascoltano la parola di Dio e la custodiscono. Una risposta da parte di Gesù che richiama immediatamente l’altro detto di Gesù, quello che Luca riporta al cap.8. Tutto ciò è molto significativo, perché quest’altro detto di Gesù del cap. 8, Matteo e Marco lo mettono, invece, proprio alla fine della controversia su qual è il potere che scaccia i demoni, quindi, la controversia analoga a quella che noi adesso abbiamo qui al cap. 11 di Luca; Matteo e Marco ce l’hanno da un’altra parte e fanno terminare quella controversia proprio con il detto di Gesù, quello che invece Luca riporta al cap. 8, sui veri parenti di Gesù, che è un detto che si avvicina molto a quello di cui noi oggi ci occupiamo, perché al cap. 8, Luca dice: Così gli fu annunziato: tua madre e i tuoi fratelli sono qui fuori e desiderano vederti, ma egli rispose: mia madre e i miei fratelli sono coloro che ascoltano la parola di Dio e la mettono in pratica. Allora c’è la proclamazione: Beata la donna che ti ha portata in grembo e che ti ha allattato! No! Beati piuttosto quelli che ascoltano la parola di Dio e la custodiscono! E questo richiama l’altro: Guarda, ci sono tua madre e i tuoi fratelli! No! Mia madre e miei fratelli sono coloro che ascoltano la parola di Dio e la mettono in pratica. Vedete che in ambedue i casi c’è una precisazione di Gesù che dice che la vera beatitudine non è di averlo generato e di averlo allattato, e che i suoi veri parenti, sua madre e i suoi fratelli… sua madre quella che lo ha dato alla luce e i suoi parenti quelli che hanno legami di sangue con lui; lui precisa che la vera parentela e la vera beatitudine, questa è quella di coloro che, schierandosi dalla parte di Gesù, visto che stiamo all’interno della controversia con quelli che lo accusano, riconoscendo in Gesù veramente il Messia e dunque non contrapponendosigli, ma invece credendo in lui, ecco, i veri parenti di Gesù e i veri beati sono quelli che, credendo in lui, ascoltano la parola di Dio e la custodiscono (in un detto) e la mettono in pratica (nell’altro).
    Dunque i due detti vanno insieme, perché hanno la stessa tematica, perché vanno nella stessa linea e sono significativi perché in ambedue c’è assolutamente come fatto primario l’ascolto, ma poi in uno, questo è articolato alla custodia della parola che si è ascoltata e nell’altro, invece, l’articolazione è con il mettere in pratica, fare questa parola che si è ascoltata.
    Cominciamo con il riflettere che cosa vuol dire “ascoltare questa parola” che, poiché la si è ascoltata, allora può essere custodita e messa in pratica e per riflettere su questo partiamo da quel testo assolutamente fondamentale e assolutamente ovvio che è il testo dell’ “Ascolta, Israele!”. Nel Deuteronomio cap. 6,4-9 c’è il famoso testo dello Shema Israel:
    Ascolta Israele, il Signore è il nostro Dio, il Signore è uno solo. Amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua forza. Queste parole che io oggi ti comando siano sul tuo cuore; le ripeterai ai tuoi figli, ne parlerai quando sarai seduto in casa tua e quando camminerai per via, quando ti coricherai e quando ti alzerai. Te le legherai alla mano come un segno; ti saranno come un pendaglio tra gli occhi e le scriverai sugli stipiti della tua casa e sulle tue porte!
    Siamo all’interno del libro del Deuteronomio. Dunque secondo la finzione letteraria del Deuteronomio - il Deuteronomio è un testo abbastanza recente scritto in tappe successive, quando il popolo era nella terra già da parecchio tempo e anzi la stesura definitiva del Deuteronomio è situata nel post-esilio. Dunque Israele non solo è entrato nella terra, ma l’ha pure persa e c’è pure ritornato. Allora, secondo la finzione letteraria, il Deuteronomio è un unico lunghissimo discorso che Mosè fa al popolo, alle soglie della terra promessa, dopo il lungo cammino nel deserto. Dunque per 40 anni Dio si è preso cura del suo popolo come un padre fa con suo figlio – dice esplicitamente Mosè – Dio lo ha educato, gli ha insegnato e gli ha donato la sapienza, cioè quella capacità di vivere nella fede e nella libertà. Si è preso cura della vita del suo popolo. Ricordate l’espressione del Deuteronomio: il tuo vestito non si è logorato, il tuo piede non si è gonfiato! Ti è stata data la manna! Si è preso cura del suo popolo, della vita materiale del popolo, ma poi, in particolare, soprattutto della vita spirituale e della vita di fede di questo popolo che in questi 40 anni Dio ha pazientemente educato alla fede. Questa lunga scuola di fede, durata 40 anni, durante la quale Israele si è lasciato trasformare nel popolo di Dio, vivendo questa dipendenza radicale da Dio, che è la vita di fede, che è il riconoscimento e l’accettazione della verità di Dio come Creatore e Signore e quindi questa radicale dipendenza che da Dio accetta tutto, così che Israele ha dovuto imparare a fidarsi, a vivere di provvidenza, a lasciarsi amare come Dio voleva amarlo, accogliendo questa vita di fede che è vita di dipendenza, di obbedienza, di riconoscimento di avere bisogno di Dio e di ricevere da Dio tutto e quindi in questo senso la dipendenza radicale e l’obbedienza, ma nella assoluta libertà di chi vive tutto questo come figlio in rapporto al Padre. Dunque l’atteggiamento tipico della fede che si appella alla libertà e alla responsabilità di ciascuno, perché ciascuno possa vivere nella verità del riconoscimento di Dio e quindi nell’accoglienza della propria libertà personale. Questo è ciò che è avvenuto, è ciò che Israele ha vissuto per 40 anni, aiutato da Dio, attraverso Mosè, che è il mediatore. Adesso secondo la finzione letteraria del Deuteronomio, questi 40 anni sono finiti, adesso siamo alle soglie della terra promessa e nel momento in cui Israele sta per entrare in questa nuova situazione, abbandonando il deserto ed entrando quindi nel paese di Canaan, entrando in una situazione completamente diversa, Mosè, che è giunto anche lui alla fine del viaggio, lui che non entra nella terra, istruisce il suo popolo; porta così a compimento la sua funzione di mediatore, di guida del popolo e di profeta, istruendo il suo popolo per prepararlo a questa nuova vita che sta per iniziare. Mosè lo ha condotto nella vita del deserto e adesso, nel momento in cui abbandona il popolo, gli lascia questo testamento spirituale che è il Deuteronomio e che accompagnerà il popolo nella vita della terra. Mosè non lo potrà più accompagnare fisicamente, ma accompagna il popolo attraverso questo suo lungo discorso, donando al popolo delle parole. Dona al popolo queste parole che accompagneranno il popolo in questa situazione completamente nuova, perché il deserto voleva dire vagabondare nelle terre e adesso invece la terra di Canaan vuol dire conoscere una stabilità che è quella non solo di possedere una terra e non più di andare vagando in una terra non propria, ma vuol dire anche abbandonare le tende per costruire una casa e quindi anche per fare quella costruzione della casa che non è solo quella di mettere un mattone sull’altro per fare dei muri, ma è quella costruzione della casa che è il mettere su famiglia. Non si tratta più di vivere giorno per giorno di ciò che Dio manda dal cielo, prima la manna e poi le quaglie; non più il cibo, la vita da attendere ogni giorno da Dio, ma invece i campi da coltivare, il bestiame da allevare, così che adesso è il popolo che si procura il cibo che fa vivere, invece di attenderlo ogni giorno come dono che scende dal cielo. Perché ci sono i campi con i loro frutti, perché c’è il bestiame, perché non c’è poi più quell’obbedienza piccola, minuta, materiale, giorno dopo giorno, ora dopo ora, che era quella del cammino nel deserto dove Israele si muoveva quando la colonna di fuoco si muoveva e poi si fermava, quando la colonna di fuoco o la nube si fermava; non più quell’obbedienza del passo dopo passo dietro a Dio, non più quell’obbedienza della manna che va raccolta ogni giorno senza metterla da parte per il giorno dopo e quindi ogni giorno, il giorno dopo si raccoglie la manna, però il venerdì bisogna raccoglierne il doppio e poi bisogna raccoglierne quella determinata quantità e non altra… lo vedete l’obbedienza assolutamente minuziosa, che praticamente ti determina tutta la vita, tutta la tua giornata, ora dopo ora… Tu fai questo, poi devi fare quest’altro e poi in questa misura e poi in quest’altra… Un’obbedienza bambina, piccola, dei bambini che devono fare tutto… adesso no! Nella terra c’è un’obbedienza completamente diversa che viene chiesta al popolo, perché nella terra non c’è più la manna da prendere in quelle determinate quantità; non c’è più Mosè a indicare minuziosamente le cose da fare… la tenda costruita in questo modo, alta così, di questo colore… adesso il popolo entra in una terra che è sua e deve in qualche modo prendere in mano la propria vita e gestirla, ormai fatto adulto. Non più l’obbedienza bambina, ma adulta, libera, cioè l’obbedienza del cuore e non più solo delle cose. Mosè prepara il popolo a questo passaggio, che è radicale, di una diversità totale e prepara il popolo a questo passaggio aiutandolo a capire che ora è tutto diverso, ma che il rapporto con Dio, invece, deve rimanere uguale. Questo è significativo, perché rappresenta anche diverse tappe della nostra vita di credenti, spirituale, dove c’è un momento in cui siamo chiamati all’obbedienza minuziosa, piccola, a lasciarci guidare in tutto per poi, invece, assumerci le nostre responsabilità e quindi gestire una terra che ormai è nostra. E allora: non vivere più semplicemente aspettando la manna, ma vivere coltivando i campi, raccogliendo il grano e decidendo noi in seguito che cosa ci facciamo con questo grano. Lo mettiamo nei granai, lo distribuiamo ai poveri… che ci facciamo? E’ la vita nella terra, la vita del credente che è in rapporto con il mondo; e quindi ci sono i campi, c’è il bestiame… tradotto oggi: c’è il conto in banca, c’è da gestire il patrimonio della parrocchia; c’è da prendere delle decisioni su cosa fare, come gestirla… parroci a tempo pieno oppure anche lavorando… è la vostra vita di preti adulti ed è la nostra vita di laici adulti, che dobbiamo lavorare sul posto di lavoro, prendere le nostre responsabilità, mettere su casa… questo è ciò che aspetta Israele nella terra e davanti a questo la cosa importante (Deut 8) è Mosè che dice: Bene! Tutto questo sta per avvenire, ma attenti! La manna finirà, ma bisognerà che voi accogliate i campi di grano proprio come accoglievate la manna e allora: non c’è più la manna, i campi di grano li coltivate voi, mentre la manna veniva dal cielo, però, nonostante i campi siate voi a coltivarli, a gestirli, dovete poi ricevere questi campi di grano allo stesso modo con cui ricevevate la manna, pur essendo voi a coltivarli, a raccogliere il grano e a gestirli. E ci saranno le case e ci saranno le vigne e ci sarà il bestiame e questo dovrà continuare ad essere accolto come dono; saranno vostre proprietà, ma guai a farle diventare vostre; devono essere vostre solo nella misura in cui sono vostre, perché le accogliete come dono, proprio come accoglievate la manna, proprio come quando vivevate sotto le tende. E allora guai a voi se vi lascerete andare alla tentazione. Questa è anche la tentazione costante della nostra vita di credenti adulti. Adulti, vuol dire che assumiamo responsabilmente la nostra vita nella fede, però prendendoci le nostre responsabilità. Ebbene: la tentazione costante della nostra fede di adulti è quella che dice Mosè ed è quella di dire: la mia forza e la potenza della mia mano mi hanno acquistato tutto questo. Invece di accogliere la manna, guardiamo i nostri campi di grano, le nostre case, le nostre chiese, il nostro popolo e diciamo: con la mia forza io ho costruito tutto questo ed è questo che mi fa vivere. Mosè dice: guai a voi! E perché questo non avvenga, perché invece sia possibile vivere di fede, ecco cosa dice Mosè: Ascolta! L’antidoto contro la maledizione della tentazione dell’autosufficienza è ascoltare ed ecco allora: ascolta, Israele! Perché “ascoltare” nella prospettiva biblica vuol dire ascoltare la parola di Dio e quindi entrare in quella dimensione di ascolto obbediente attraverso il quale il credente si lascia cambiare, convertire, plasmare da ciò che ascolta. E perciò il vero, l’unico ascolto possibile è un ascolto fatto con il cuore che accoglie la parola, la custodisce riconoscendola come fonte di vita, che dà vita e che chiede di essere trasformata in vita e dunque chiede di essere custodita, ma chiede anche di essere fatta, trasformata in vita. L’ascolto perciò è l’ascolto del cuore. Il cuore nell’antropologia biblica è l’organo fondamentale dell’esistere, perché senza il cuore non si vive; questo è evidente dal punto di vista fisico e somatico, ma questo è assolutamente vero anche dal punto di vista psichico e spirituale, perché il cuore è la sede della decisione e della volontà. Non tanto la sede delle emozioni, quelle sono riservate alle viscere, ma la sede della capacità decisionale e della capacità di conoscenza. Si conosce con il cuore e con il cuore perciò, davanti a ciò che viene conosciuto, si prendono delle decisioni e con il cuore che è anche la sede della volontà si portano avanti le decisioni prese. Dunque è con il cuore che si conosce, con il cuore che si decide e con il cuore che si rimane fedeli. Ecco perché il cuore è assolutamente centrale. Ascoltare con il cuore vuol dire non semplicemente udire, ma entrare in relazione piena con colui che parla, vuol dire aprire l’intelligenza e la volontà a ciò che l’altro dice, vuol dire prestargli attenzione e poi rimanere fedeli, vuol dire impegnare tutta la propria capacità di comprensione, di decisione, di amore. E allora ascoltare vuol dire fare silenzio per permettere all’altro di parlare; ascoltare vuol dire mettersi in un atteggiamento di apertura e di umiltà in cui si lascia spazio all’altro, lo si rispetta e soprattutto lo si riconosce, lo si riconosce come portatore di un dono essenziale per noi e perciò entrando con lui in una relazione dialogica. Capite bene che ascoltare così suppone che noi consideriamo che ciò che l’altro ha da dirci è assolutamente determinante per la nostra vita. Vuol dire che noi consideriamo che quello che lui ci dice, che quella parola è un dono preziosissimo, irrinunciabile; vuol dire essere convinti che quell’atto di ascolto comporta per noi dei vantaggi inimmaginabili, vuol dire che è solo lì che noi riconosciamo qualche cosa di fondamentale per la nostra vita. Se è così, allora noi ascolteremo e poi quelle parole che avremo ascoltato verranno custodite come bene prezioso, custodite nella memoria, ripensate, meditate, conservate come un bene di cui non possiamo più fare a meno e tutto questo per poter poi quelle parole, così conservate, meditate e custodite, attualizzarle e vivere. Adesso capiamo perché nella Bibbia “ascoltare” vuol dire obbedire e di fatto non c’è termine per dire obbedire. Il verbo “obbedire” in ebraico non esiste, perché in ebraico è lo stesso verbo per dire “ascoltare”. Ascoltare vuol dire: aderire con il cuore a ciò che si è udito, farlo proprio e dunque, metterlo in pratica. Ora però quello che è significativo è che, quando Mosè parte con questo “ascolta”, non c’è solo qui, nello shema Israel; l’invito ad ascoltare è un continuo nel Deuteronomio; però lo shema Israel è questo testo assolutamente privilegiato!
    Noi dobbiamo ascoltare ed è significativo che la prima cosa che noi dobbiamo ascoltare è questa parola che ci dice “ascolta”. La prima cosa a cui dobbiamo obbedire è obbedire al comando “obbedisci”! Noi siamo davanti alla necessità di ascoltare; questa è la cosa più importante e però dobbiamo ascoltare la parola che ci dice: ascolta! Poi però questo “ascolta” ha un contenuto anche questo assolutamente decisivo, perché poi questo “ascolta” dice anche che questo ascoltare, che è ascoltare di dover ascoltare, è però ascoltare la verità di Dio e cioè che il Signore è Dio e che è Uno. Questa prima frase dello shema Israel è sintatticamente difficile da stabilire, perché siccome non ci sono le copule, - in ebraico quasi mai c’è il verbo essere - , allora mancando quello che noi poi mettiamo lì con questo “è”, se voi togliete quello, voi vi ritrovate davanti ad una frase che letteralmente è questa: il Signore, nostro Dio, il Signore Uno! Adesso decidete voi dove mettere gli “è” e allora può essere: il Signore è nostro Dio, il Signore è uno! Ma può anche essere: il Signore nostro Dio è il Signore uno. Allora, in tutti i casi si può dire che è uno, però è un conto dire: il Signore, nostro Dio, è uno! E un conto è dire: il Signore è nostro Dio, cioè: come Dio abbiamo lui solo: il Signore! E questo Signore che è il nostro Dio è uno solo. Dunque: Dio solo, un solo Dio e questo unico Dio è il Signore e non ce ne sono altri! Dunque: Dio come unico, come assoluto, come non relativizzabile nella molteplicità e se uno è assoluto, dunque impossibile da confondere con il molteplice, con le cose; impossibile da identificare con i nostri bisogni, i nostri desideri, le cose che a noi sembrano essenziali per vivere, impossibile! Perché le cose che ci sembrano essenziali per vivere: il cibo, il denaro, il successo, la carriera, l’amicizia degli altri, l’affetto, la benevolenza del vescovo… tutte queste cose sono molteplici e quindi siamo pazzi a dare valore assoluto a queste cose, perché diamo valore assoluto ad una cosa che per definizione è relativa ed è molteplice. E allora invece, ecco lo shema Israel che ci dice: No! Attenti! L’assoluto, il non-molteplice, di non relativo c’è solo Dio! Dio, unico e assoluto, che perciò chiede un rapporto e un amore unico e assoluto; quindi un’adesione totale di tutta la persona… Amerai il Signore Dio tuo con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua forza. Vedete che non rimane fuori niente... è proprio l'uomo nella sua totalità e quindi adesione totale di tutta la persona che si manifesta e si concretizza nell’obbedienza alla legge. Tu devi ascoltare, il Signore è uno; lo amerai dunque con tutto te stesso e queste parole che io oggi ti comando devono essere oggi sul tuo cuore, ecco cos’è l’ascolto!
    Questa obbedienza a queste parole che sono il rivelarsi di Dio e la sua legge; è queste parole che allora vengono obbedite, vengono ascoltate perché devono stare “sul” tuo cuore. E’ bella questa cosa! Noi siamo abituati a pensare: le cose “nel” tuo cuore. Anche Luca riprende questo tema: Maria che conserva le cose “nel” suo cuore. Però Deuteronomio è molto fine perché dice: “vicino” al cuore. Sul cuore vuol dire: certamente lì, dove c’è il cuore. Certamente attaccate al cuore, unite al cuore, ma non inglobate e fagocitate nel cuore; non vi appartengono! Sono sempre dono prezioso! E invece tenute lì, attaccate al cuore, ma sul cuore, quasi un po’ con l’idea che vi pesano un po’ sul cuore, non perché siano pesanti… Il mio giogo è leggero, dice Gesù! Con questo peso leggerissimo che però sta lì sul cuore a ricordarci il nostro destino di santità e di figli di Dio, a ricordarci che dobbiamo ascoltare e obbedire e che Dio è uno e lui solo. E allora queste parole sul cuore diventano queste parole preziose, che perciò saranno oggetto di ogni pensiero, di ogni nostro parlare, saranno presenti alla nostra mente in ogni istante, sempre, ovunque, quando sarai seduto in casa e quando invece camminerai per strada, quando ti coricherai e quando invece ti alzerai; saranno l’oggetto dell’insegnamento da dare ai figli, l’eredità più bella da donare; parole che non si possono dimenticare, parole che allora bisogna tenere sulla fronte e sulle mani. Sapete che ebrei ortodossi hanno i filatteri, che si legano sulla fronte e sulle mani e parole da scrivere sulle porte! Ci ricordano che bisogna ascoltare che Dio è uno! Questo nella prospettiva di Luca è concentrato e sintetizzato lì in quella doppia frase di Gesù, che dice che la parola è da custodire e da fare, da mettere in pratica. Dunque: custodire e fare, i due poli dell’ascolto. La parola è ascoltata davvero solo se viene custodita e se viene fatta; però in un fare che non deve essere il fare puramente operativo, di chi fa materialmente quello che gli viene detto e poi basta, ma deve invece essere quel fare che è la conseguenza di quella obbedienza, che non è l’obbedienza dello schiavo, che obbedisce solo materialmente e quindi l’obbedienza formale, ma filiale, di chi cordialmente assume queste parole, le capisce e le traduce nel suo oggi e perciò queste traduzioni tra l’altro saranno ogni volta diverse; per questo non è l’obbedienza materiale dello schiavo, che fa sempre la stessa cosa, ma ogni volta diverse, perché ogni volta tradotte nel nostro oggi in una attualizzazione pienamente responsabile e libera. Questo vuol dire “fare”, interrogandosi ogni volta su cosa vuol dire questa parola. Ma cos’è, qual è il senso dentro la lettera? La lettera è importante, è lì che si rivela il senso, ma la lettera è importante per capire il senso e allora poi questo senso va tradotto oggi, per me; e oggi è diverso da ieri e sarà sicuramente diverso da domani. E’ per me! Sarà probabilmente anche diverso da te. Questo vuol dire fare la parola, dopo averla ascoltata e dopo averla custodita.
    Ebbene Maria è figura assolutamente paradigmatica di questo punto di riferimento. Maria è figlia di Abramo, di Mosè; dunque Maria che ha vissuto all’interno di questa tradizione di parola di Dio in questo modo; Maria che ha vissuto all’interno di questa spiritualità dell’ascolto; Maria che ha recitato lo shema e che ha obbedito allo shema Israel; Maria che ha vissuto lo shema Israel. E ora Gesù le rende testimonianza; davanti alla donna che piena di ammirazione per quello che ha visto e per quello che ha udito dire da Gesù e allora lo vuole lodare; vuole dire: ma tu sei grande, tu sei l’unico e quindi dice allora beata chi ti ha generato… allora davanti a questo Gesù risponde che sì, certo! Maria è beata! Gesù non lo nega, ma è beata per qualche cosa che è molto di più che aver generato Gesù. E’ beata, perché ha ascoltato la parola di Dio, l’ha custodita e l’ha messa in pratica. In altri due luoghi Luca insiste su questa cosa per due volte, dicendo: Maria conservava tutte queste cose nel suo cuore (meditandole). E sono le due volte in cui Luca dice questo e quindi dice poi ciò che Gesù testimonia, dicendo : lei è sì beata, ma perché ha ascoltato la Parola di Dio… ecco Luca, due volte lo dice e in due momenti particolari. Tutte e due le volte all’interno dei vangeli dell’infanzia e una volta dopo che i pastori sono andati a vedere questo segno che è il bambino avvolto in fasce, messo in una mangiatoia e poi la seconda volta, dopo che ritrovano Gesù che era stato perso nel tempio e lo ritrovano per scoprire che lo hanno perso davvero.
    Allora la prima volta con i pastori; Maria che ha vissuto tutto il travaglio di un’annunciazione, di una maternità impossibile da comprendere, perché assolutamente e totalmente misteriosa, a cui però Maria ha obbedito totalmente e ha aderito senza riserve. Maria chiede solo come avverrà e non è un’obiezione nella fede, come era stato Zaccaria. Lei chiede: come? Accetta, ma dimmi come? Ed è questo che poi permette all’angelo di spiegare. Maria che si apre a questo mistero diventando nuova arca dell’alleanza, perché la potenza dell’Altissimo la ricopre con la sua ombra e Maria quindi che si apre a questa fede nell’impossibile, perché si apre ad un annuncio ancor più impossibile dell’impossibile gravidanza di Elisabetta, che pure l’angelo prende come segno che l’impossibile è possibile, perché tutto è possibile a Dio, come anche era stato detto a Sara ed ecco Elisabetta anziana e sterile, invece già è al sesto mese e lì questa Elisabetta porta a compimento tutte le impossibili maternità del popolo di Israele. Questi impossibili ventri che fioriscono alla vita: Sara, Rebecca, Anna… tutte le madri del popolo sono madri impossibili, tutte sterili e Sara, anziana, proprio come Elisabetta e adesso questa gravidanza di Elisabetta porta a compimento questi impossibili ventri sterili; porta a compimento questa impossibile storia di fecondità del popolo di Israele, ma davanti a Maria si apre un mistero ancora più impossibile, perché non si tratta solo di un ventre sterile che diventa fecondo in una donna anche anziana, qui si tratta di aprire non un ventre chiuso e oramai inaridito, ma qui si tratta del mistero di un figlio che deve nascere da chi non conosce uomo e che sarà il figlio di Dio. Non è solo la sterilità che diventa fecondità, qui è che Maria è vergine e non conosce uomo e da questo grembo verginale che non conosce uomo nascerà una vita e non sarà una vita qualunque, sarà il figlio di Dio e questo è molto più impossibile che far partorire una donna sterile e anziana e a questo “impossibile” Maria aderisce. Dunque Maria è già davanti al mistero e poi il bambino nasce e quando vengono i pastori e poi se vanno in giro a dire la meraviglia di ciò che hanno visto e la meraviglia è semplicemente un bambino avvolto in fasce e messo in una mangiatoia con tutto ciò che questo comporta. Quando vanno a riferire quello che hanno visto e allora tutti quelli che li udivano – dice Luca – si stupivano di tutte queste cose; ecco, quando l’impossibile a cui Maria si è aperta diventa la carne di questo bambino, diventa questa mistero davanti a cui tutti si stupiscono, Luca dice che Maria da parte sua conservava tutte queste cose meditandole nel suo cuore.
    E poi quando perde Gesù. Dopo la nascita di Gesù c’è la presentazione al tempio con quelle altre parole inquietanti di Simeone, che parla di segno di contraddizione e di spada, che trafiggerà l’anima di Maria e poi, ecco, quest’anima trafitta si comincia a vedere subito quando, perso Gesù dodicenne nel tempio, per tre giorni Maria e Giuseppe, angosciatissimi lo cercano… Tre giorni: partecipazione di quell’altra perdita molto più terrificante che è quella nel buio della morte, per tre giorni lo cercano, per tre giorni angosciati hanno paura di non trovarlo più, hanno paura che sia successo qualche cosa, si sentono inconsciamente anche un po’ responsabili e colpevoli… l’abbiamo perso di vista, questo è il concetto e quando poi finalmente lo trovano, lo trovano per scoprire di averlo perso, perché lo trovano, lui davanti al padre e alla madre che angosciati lo cercavano, glielo dicono: angosciati ti cercavamo, ma cosa fai? Ma cosa fate voi? Ma non lo sapevate che io mi devo occupare delle cose del Padre mio e Giuseppe viene escluso, ma viene esclusa anche Maria, alla quale Gesù dice: ma perché mi cercate? Non cercarmi più! Lasciami andare! Maria capisce lì che questo figlio va perso, nel senso che va lasciato andare e che l’unico modo di trovarlo davvero è di lasciarlo andare e però di seguirlo nello stesso mistero di abbandono, nello stesso mistero di obbedienza, nello stesso mistero di perdita di sé, in questo ritrovarlo poi che sarà sotto la croce, quando Maria lo ritroverà nel momento in cui, di nuovo, accetta di perderlo, perché non solo accetta che Gesù muoia, ma accetta anche che Gesù le dica: Donna, questo, quest’altro è tuo figlio! E questo cammino di abbandono Maria lo fa conservando queste cose nel suo cuore, perché quando ritrovano Gesù, dopo l’episodio della perdita di Gesù, è lì che Luca dice che ritornano a casa e sì, stava loro sottomesso, e sua madre serbava tutte queste cose nel suo cuore. Dunque Maria è colei che porta a compimento la sua maternità reale nella carne, ma soprattutto la sua maternità spirituale, perché è questa quella che conta. E’ questa maternità spirituale che poi diventa dono per ogni credente, Maria porta a compimento questo, camminando nell’ascolto e nell’obbedienza, conservando queste cose nel cuore e facendole. Perché lei la madre nella carne è madre definitivamente per la fede. Non è l’aver partorito Gesù e non è neppure averlo allattato che la rendono beata, ma lei è beata ed è davvero madre, perché ha ascoltato la parola di Dio, l'ha custodita nel cuore e sul cuore e l’ha messa in pratica e questo è il compito di ogni credente e questo è il cammino di obbedienza che viene chiesto alla chiesa tutta. Portare la parola sul cuore, questo peso leggero, in un ascolto docile e senza riserve, in ogni istante della nostra vita, seduti in casa o camminando per la via, quando ci corichiamo e quando ci alziamo, amando il Signore nostro Dio, l’unico, con tutto il cuore, con tutta l’anima e con tutta la nostra forza, lasciando così che questa parola diventi carne anche in noi e si faccia vita, vita per noi e per tutti coloro che ci vengono affidati da Dio.

    (Relazione è stata tenuta all’incontro presbiterale del settore Sud, l’11 maggio 2006. Il testo è’ stato tratto dalla registrazione e non è stato rivisto dall’autore)


    T e r z a
    p a g i n A


    NOVITÀ 2024


    Saper essere
    Competenze trasversali


    L'umano
    nella letteratura


    I sogni dei giovani x
    una Chiesa sinodale


    Strumenti e metodi
    per formare ancora


    Per una
    "buona" politica


    Sport e
    vita cristiana
    rubrica sport


    PROSEGUE DAL 2023


    Assetati d'eterno 
    Nostalgia di Dio e arte


    Abitare la Parola
    Incontrare Gesù


    Dove incontrare
    oggi il Signore


    PG: apprendistato
    alla vita cristiana


    Passeggiate nel
    mondo contemporaneo
     


    NOVITÀ ON LINE


    Di felicità, d'amore,
    di morte e altro
    (Dio compreso)
    Chiara e don Massimo


    Vent'anni di vantaggio
    Universitari in ricerca
    rubrica studio


    Storie di volontari
    A cura del SxS


    Voci dal
    mondo interiore
    A cura dei giovani MGS

    MGS-interiore


    Quello in cui crediamo
    Giovani e ricerca

    Rivista "Testimonianze"


    Universitari in ricerca
    Riflessioni e testimonianze FUCI


    Un "canone" letterario
    per i giovani oggi


    Sguardi in sala
    Tra cinema e teatro

    A cura del CGS


    Recensioni  
    e SEGNALAZIONI

    invetrina2

    Etty Hillesum
    una spiritualità
    per i giovani
     Etty


    Semi e cammini 
    di spiritualità
    Il senso nei frammenti
    spighe


    Ritratti di adolescenti
    A cura del MGS


     

    Main Menu