Campagna
    abbonamenti
    QuartinoNPG2024


    Letti 
    & apprezzati


    Il numero di NPG
    maggio-giugno 2024
    600 cop 2024 2


    Il numero di NPG
    marzo-aprile 2024
    600 cop 2024 2


    Newsletter
    maggio-giugno 2024
    NL 3 2024


    Newsletter
    marzo-aprile 2024
    NL 2 2024


    P. Pino Puglisi
    e NPG
    PPP e NPG


    Pensieri, parole
    ed emozioni


    Post it

    • On line il numero di MAGGIO-GIUGNO di NPG sui "buchi neri dell'educazione" e quello di MARZO-APRILE sulla narrazione biblica.  E qui le corrispondenti NEWSLETTER: maggio-giugnomarzo-aprile.
    • Attivate nel sito (colonna di destra "Terza paginA") varie nuove rubriche per il 2024.
    • Linkati tutti i DOSSIER del 2020 col corrispettivo PDF.
    • Messa on line l'ANNATA 2020: 118 articoli usufruibili per la lettura, lo studio, la pratica, la diffusione (citando gentilmente la fonte).
    • Due nuove rubriche on line: RECENSIONI E SEGNALAZIONI. I libri recenti più interessanti e utili per l'operatore pastorale, e PENSIERI, PAROLE

    Le ANNATE di NPG 
    1967-2024 


    I DOSSIER di NPG 
    (dall'ultimo ai primi) 


    Le RUBRICHE NPG 
    (in ordine alfabetico
    e cronologico)
     


    Gli AUTORI di NPG
    ieri e oggi


    Gli EDITORIALI NPG 
    1967-2024 


    VOCI TEMATICHE 
    di NPG
    (in ordine alfabetico) 


    I LIBRI di NPG 
    Giovani e ragazzi,
    educazione, pastorale

     


    I SEMPREVERDI
    I migliori DOSSIER NPG
    fino al 2000 


    Animazione,
    animatori, sussidi


    Un giorno di maggio 
    La canzone del sito
    Margherita Pirri 


    WEB TV


    NPG Facebook


    NPG Twitter



    Note di pastorale giovanile
    via Giacomo Costamagna 6
    00181 Roma

    Telefono
    06 4940442

    Email

    Signore mostraci il Padre



    (NPG 1969-12-75)

    ATEISMO

    Canto: Dio è morto

    1. L'UOMO DISSE: DIO È MORTO 

    (diapositive) 
    L
    Ho visto, e il cuore mi si stringe,        

    la terra deserta e vuota,
    l'uomo senza Dio,
    ancora una volta senza Dio.
    Ha voluto gustare del frutto dell'uomo,
    il morso fu dolce.
    E Dio fu scacciato dal suo giardino.
    Fu scacciato.
    L'uomo rimase solo.
    Anche in due erano soli.
    Folle intere sono sole:
    famiglie, popoli, senza Dio.
    Il cantiere della terra è senza Dio.
    Ho visto l'uomo pieno e orgoglioso,
    l'orgoglio di chi crede troppo all'uomo.
    Ho visto l'uomo vuoto e disperato.
    La disperazione di chi non crede più a niente.
    Ho visto l'uomo nudo.
    Ma la vergogna non gli bruciava per la sua nudità.
    Anzi, la ostentava.
    Ho visto l'uomo del night,
    l'uomo delle guardie rosse,
    l'uomo della tratta dei giovani e delle donne,
    e l'uomo di Marx e di Freud,
    l'uomo del denaro e l'uomo per bene,
    rifiutare la mano di Dio. Rifiutare la mano di Dio.
    Rifiutare la mano di Dio.
    Ho visto, e il cuore si stringe, la terra deserta e vuota.
    L'uomo senza Dio.
    Ancora una volta senza Dio.

    G L'ateismo è la realtà più tragica dell'uomo di oggi. Una realtà dolorosa che ci circonda, ci assedia, ci colpisce nel nostro spirito. Non fa più problema. È come la noia. La noia di Dio. Qualcosa di sottile, di soffocante, di enorme. Filtra in strati sempre più vasti, investendo tutti i settori: economia, filosofia. politica, letteratura, arte, scienza, morale, diritto.
    Ci esalta. Punta tutte le sue carte sull'uomo: ateismo è liberazione dalla alienazione; affermazione dell'autonomia e della grandezza dell'uomo. Gli uomini dicono:
    (Voci dall'assemblea, quattro seduti al proprio posto)
    1 Dio, non lo posso soffrire. Mi fa i conti in tasca.
    2 Dio, non Io posso vedere. Perché non mi mostra il suo volto?
    3 Dio, non lo posso ammettere. Sarebbe cieco e sordo al nostro dolore.
    4 E poi... non mi interessa. Sto bene come sono. Creo come lui. Ho altro da pensare.

    2. MA POI L'UOMO SI FABBRICÒ DEGLI IDOLI

    G E l'uomo senza Dio adorò l'uomo e le sue opere, perché da solo aveva troppo freddo e nonostante tutto si sentiva nudo.
    Il selvaggio adora gli idoli di pietra e di legno, l'uomo civilizzato adora gli idoli di carne e di sangue.

    L Sì, il volto invisibile di lui, l'eterna sua potenza e la sua divinità, fin dalla creazione del mondo, si possono intuire, con l'applicazione della mente, attraverso le sue opere. Costoro sono dunque senza scusa, poiché, pur avendo conosciuto Iddio, né lo glorificarono come Dio, né gli resero grazie, ma vaneggiarono nei loro ragionamenti e i loro cuori insensati s'offuscarono. Essi che pretendevano di essere sapienti, diventarono stolti e sostituirono la gloria del Dio immortale con immagini di uomini mortali (Rom 1,20-23).

    Canto: Una voce mi diceva («Salmi per il nostro tempo» di Giombini)

    3. DAL PROFONDO GRIDO A TE, O SIGNORE

    G Che orrore! Il mondo è caduto nelle mani degli uomini.
    E Dio disse: «Li getterò nella afflizione affinché mi ritrovino».
    L'esperienza non è stata vana. L'uomo ha perso continuamente, inesorabilmente, l'illusione di fare a meno di Dio e si è ritrovato in cuore, mai spento, un grido al Signore della vita.
    Si è descritta la generazione «beat» come una generazione alla ricerca di qualcosa. Che cosa andate cercando? «Dio. Voglio che Dio mi mostri il suo volto!» (J. Keruac).

    T O Dio, tu sei il mio Dio,
    ti cerco dall'aurora.
    Ha sete di te l'anima mia.
    Desidera te la mia carne,
    terra arida e arsa, senza acqua.
    La mia anima ha sete di Dio,
    del Dio vivente.
    Quando verrò e vedrò il volto di Dio?

    Canto: Tu non mi senti («Salmi per il nostro tempo» di Giombini)

    4. L'ATEISMO QUI, IN MEZZO A NOI
    (conversazione con l'assemblea, alla scoperta di situazioni locali)

    5. CRISTO CI RIVELA IL VOLTO DEL PADRE CHE CERCHIAMO

    G II volto di Dio vivente, che molti uomini oggi negano, ma che inconsapevolmente ricercano, non si trova nei libri o nelle dimostrazioni, ma risplende nel volto di Cristo.
    L lo, Gesù, sono la via, la verità e la vita. Nessuno viene al Padre, se non per mezzo mio.
    T Signore, mostraci il Padre e ci basta.
    L Se avete conosciuto me, conoscerete anche il Padre. Stando con me, lo avete conosciuto e lo avete veduto.
    T Signore, mostraci il Padre e ci basta.
    L Da tanto tempo io sono con voi e non mi avete conosciuto? Chi vede me, vede il Padre.
    T Signore, mostraci il Padre e ci basta.
    L Non credete che io sono nel Padre e che il Padre è in me? Le parole che vi dico, non le dico da me,
    ma il Padre che dimora in me, compie le sue opere.
    T Signore, mostraci il Padre e ci basta.

    G Preghiamo!

    T O Cristo,
    tu sei il volto umano del Dio invisibile.
    Tu, l'Uomo-amore,
    sei la rivelazione vivente del Dio-amore.
    In te, il Dio che cerchiamo a tastoni,
    è il Dio che ci viene incontro.
    Il Dio lontano, diventa il Dio vicino,
    Il Dio con noi, il Dio uno di noi,
    compagno di viaggio.
    Il Dio nascosto e inaccessibile
    diventa il Dio manifesto e accessibile.
    In te, o Cristo,
    Dio ha imparato la nostra lingua,
    perché potessimo comunicare con lui.
    Ed ora possiamo ascoltarlo e parlargli.
    Possiamo chiamarlo con verità: Padre.
    La gioia di un figlio
    è l'essere in comunione col Padre:
    tu o Cristo, sei la sorgente della nostra gioia di vivere.
    Per conoscere il Padre,
    non abbiamo più bisogno di lunghe dimostrazioni:
    basta conoscere te, la tua vita, il tuo Vangelo.
    Tu o Cristo, ora vivi in noi.
    Ti preghiamo:
    Fa' che il tuo volto risplenda sul nostro volto,
    che formiamo veramente la tua Chiesa, comunità di amore.
    Perché solo una comunità di amore,
    può rivelare al mondo il Dio-amore.

    Canto: Chi era lui


    T e r z a
    p a g i n A


    NOVITÀ 2024


    Saper essere
    Competenze trasversali


    L'umano
    nella letteratura


    I sogni dei giovani x
    una Chiesa sinodale


    Strumenti e metodi
    per formare ancora


    Per una
    "buona" politica


    Sport e
    vita cristiana
    rubrica sport


    PROSEGUE DAL 2023


    Assetati d'eterno 
    Nostalgia di Dio e arte


    Abitare la Parola
    Incontrare Gesù


    Dove incontrare
    oggi il Signore


    PG: apprendistato
    alla vita cristiana


    Passeggiate nel
    mondo contemporaneo

     


    NOVITÀ ON LINE


    Di felicità, d'amore,
    di morte e altro
    (Dio compreso)
    Chiara e don Massimo


    Vent'anni di vantaggio
    Universitari in ricerca
    rubrica studio


    Storie di volontari
    A cura del SxS


    Voci dal
    mondo interiore
    A cura dei giovani MGS

    MGS-interiore


    Quello in cui crediamo
    Giovani e ricerca

    Rivista "Testimonianze"


    Universitari in ricerca
    Riflessioni e testimonianze FUCI


    Un "canone" letterario
    per i giovani oggi


    Sguardi in sala
    Tra cinema e teatro

    A cura del CGS


    Recensioni  
    e SEGNALAZIONI

    invetrina2

    Etty Hillesum
    una spiritualità
    per i giovani
     Etty


    Semi e cammini 
    di spiritualità
    Il senso nei frammenti
    spighe


    Ritratti di adolescenti
    A cura del MGS


     

    Main Menu