Campagna
    abbonamenti
    QuartinoNPG2024


    Letti 
    & apprezzati


    Il numero di NPG
    maggio-giugno 2024
    600 cop 2024 2


    Il numero di NPG
    marzo-aprile 2024
    600 cop 2024 2


    Newsletter
    maggio-giugno 2024
    NL 3 2024


    Newsletter
    marzo-aprile 2024
    NL 2 2024


    P. Pino Puglisi
    e NPG
    PPP e NPG


    Pensieri, parole
    ed emozioni


    Post it

    • On line il numero di MAGGIO-GIUGNO di NPG sui "buchi neri dell'educazione" e quello di MARZO-APRILE sulla narrazione biblica.  E qui le corrispondenti NEWSLETTER: maggio-giugnomarzo-aprile.
    • Attivate nel sito (colonna di destra "Terza paginA") varie nuove rubriche per il 2024.
    • Linkati tutti i DOSSIER del 2020 col corrispettivo PDF.
    • Messa on line l'ANNATA 2020: 118 articoli usufruibili per la lettura, lo studio, la pratica, la diffusione (citando gentilmente la fonte).
    • Due nuove rubriche on line: RECENSIONI E SEGNALAZIONI. I libri recenti più interessanti e utili per l'operatore pastorale, e PENSIERI, PAROLE

    Le ANNATE di NPG 
    1967-2024 


    I DOSSIER di NPG 
    (dall'ultimo ai primi) 


    Le RUBRICHE NPG 
    (in ordine alfabetico
    e cronologico)
     


    Gli AUTORI di NPG
    ieri e oggi


    Gli EDITORIALI NPG 
    1967-2024 


    VOCI TEMATICHE 
    di NPG
    (in ordine alfabetico) 


    I LIBRI di NPG 
    Giovani e ragazzi,
    educazione, pastorale

     


    I SEMPREVERDI
    I migliori DOSSIER NPG
    fino al 2000 


    Animazione,
    animatori, sussidi


    Un giorno di maggio 
    La canzone del sito
    Margherita Pirri 


    WEB TV


    NPG Facebook


    NPG Twitter



    Note di pastorale giovanile
    via Giacomo Costamagna 6
    00181 Roma

    Telefono
    06 4940442

    Email

    In fattiva attesa della prossima GMG a Lisbona


    Europa, giovani e pastorale giovanile /2

    Intervista a Joaquim Mendes *

    A cura di Renato Cursi

    (NPG 2022-03-48)

     


    1. Quali frutti ha portato il Sinodo dei Vescovi su Giovani, Fede e Discernimento Vocazionale e l’Esortazione Apostolica Christus Vivit nella pastorale giovanile del vostro Paese?

    Credo che sia ancora un po' presto per valutare i frutti della ricezione del Sinodo, tuttavia notiamo l'interesse e l'impegno da parte dei Segretariati Diocesani di Pastorale Giovanile e dei Movimenti Ecclesiali nello studio, nella riflessione e nell'applicazione delle proposte sia del Documento Finale che dell'Esortazione Apostolica Christus Vivit.
    Come risposta, abbiamo iniziato un cammino di approfondimento e operatività, cercando di passare da una pastorale degli eventi e dei settori a una pastorale dei processi, coinvolgendo la pastorale giovanile, la pastorale dell'educazione superiore, la pastorale vocazionale, la pastorale scolastica e la pastorale familiare, come proposto al numero 141 del Documento finale.
    Dopo il Sinodo abbiamo promosso una Settimana di formazione, avendo trattato per diversi giorni i seguenti temi: 2019 - Accompagnare i giovani oggi - una proposta formativa del Sinodo; 2020 - Progettare la pastorale - processi innovativi, virtuosi e umilmente integrali; 2021 - Sinodalità per la missione - un laboratorio di discernimento pastorale.
    Questi incontri con partecipazione faccia a faccia hanno fornito un'esperienza di comunione, sinodalità e sviluppo di processi comuni.
    Inoltre, per dare accesso al processo sinodale per il Sinodo del 2018, e su richiesta dei partecipanti a queste riunioni, stiamo pubblicando un compendio con tutti i documenti relativi al processo di preparazione del Sinodo.
    Abbiamo anche dedicato le Giornate Pastorali dell'Episcopato, dal 14 al 16 giugno 2021, al tema del Sinodo: Evangelizzare - L'accoglienza del Sinodo dei Vescovi sui giovani e la Giornata Mondiale della Gioventù Lisbona 2023 - con la partecipazione, oltre ai Vescovi, anche dei Responsabili Diocesani della Pastorale Giovanile, della Pastorale dell'Educazione Superiore e dei Movimenti Giovanili.
    Credo che questa "semina" non mancherà di dare frutti, in un maggior coinvolgimento e partecipazione dei giovani nelle comunità ecclesiali, rinnovandole e aprendole alla dimensione missionaria e nel loro dinamismo per preparare e realizzare la GMG 2023 come evento della Chiesa in Portogallo, coinvolgendo tutti.

    2. Quali buone pratiche offre la pastorale giovanile nel vostro Paese?

    Tra le buone pratiche della pastorale giovanile in Portogallo, ne evidenzio cinque.
    - La crescente partecipazione e il coinvolgimento dei giovani nella vita delle comunità e nella stessa diocesi, in un cammino comune di preghiera e missione verso la GMG 2023, rafforzata dall'esperienza della Giornata Mondiale della Gioventù del novembre 2021.
    - L'impegno crescente di raggiungere tutti i giovani in preparazione alla GMG 2023, coinvolgendoli nel cammino di preparazione e partecipazione con iniziative nel giorno "23" di ogni mese, la partecipazione alle catechesi Say Yes per gli adolescenti e Rise up per i giovani, così come in progetti concreti di missione.
    - Il volontariato, che è cresciuto, soprattutto in questo momento della pandemia, con grande espressione nelle comunità locali e non solo, che ha contribuito alla responsabilizzazione dei giovani da parte dei giovani stessi con iniziative e progetti a cui partecipano non solo giovani credenti ma anche non credenti. In essa, i giovani hanno scoperto e sperimentato la comunione, il servizio e se stessi - "per quello che sono" - così come l'incontro con Cristo e la comunità. Le esperienze di Volontariato hanno contribuito alla maturazione della fede, all'avvicinamento e alla scoperta della Chiesa come comunione, casa, famiglia e partecipazione alla sua vita e missione.
    - La “Missione Paese”, un progetto cattolico per studenti universitari, che mira a portare Gesù nelle università e ad evangelizzare il Portogallo attraverso la testimonianza di fede, servizio e carità. È stato creato nel 2003 ed è cresciuto esponenzialmente. Nel 2020 ha coinvolto 3.300 giovani missionari, provenienti da circa 53 Facoltà, in 60 missioni, in 60 località periferiche. È stato interrotto, nella sua modalità in presenza fisica, a causa della pandemia, ma dovrebbe riprendere nel 2022.
    - I Centri Cristiani nelle università, coinvolgendo giovani, docenti, ricercatori e impiegati che sono lievito di evangelizzazione e presenza della Chiesa nell'istruzione superiore, promuovendo il dialogo tra fede e cultura, fede e scienza.

    3. Come saranno coinvolti i giovani nel processo di preparazione alla prossima assemblea ordinaria del Sinodo dei Vescovi?

    Il cammino sinodale che ogni Chiesa particolare sta facendo non può fare a meno dell'apporto dei giovani, integrando la loro partecipazione nei gruppi formati in ogni comunità, un'opportunità per ascoltare i giovani e per vivere un cammino comune e intergenerazionale verso il rinnovamento della Chiesa e la sua attività evangelizzatrice.
    Allo stesso tempo, questo ascolto e contributo dei giovani potrebbe essere esteso anche ai Movimenti Giovanili, cercando di includere i giovani, non solo quelli interni, ma anche quelli esterni.
    Credo che il momento che stiamo vivendo - il cammino di preparazione alla GMG 2023, e il cammino verso l'assemblea del Sinodo dei Vescovi 2023 - sia una grande opportunità per l'integrazione, la partecipazione e la corresponsabilità dei giovani nella vita e nella missione della Chiesa, facendoli sentire parte di essa e arricchendola con il loro contributo.

    4. I cittadini dell’Unione Europea in questi mesi stanno partecipando a vario titolo ad una Conferenza sul Futuro dell’Europa. Quali prospettive può offrire la pastorale giovanile del Portogallo al ripensamento del futuro dell’Europa?

    La partecipazione alla Conferenza sul futuro dell'Europa può e deve essere un'opportunità per i giovani di allargare i loro orizzonti oltre la loro realtà, il loro paese, di conoscere la cultura europea, i problemi e le sfide dell'Europa e di essere più coinvolti nella costruzione del loro futuro, con il loro entusiasmo, le loro idee e i loro desideri di fraternità e di pace.
    Credo che i giovani portoghesi, nel contesto della pastorale giovanile, possano offrire la propria esperienza di multiculturalismo, di dialogo ecumenico e interreligioso, così come i valori di comunione, unità, fraternità e impegno cristiano e servizio alla comunità, dando il contributo della religione e della fede per l'evangelizzazione dell'Europa e il ripensamento del suo futuro.

    * Responsabile della PG in Portogallo


    T e r z a
    p a g i n A


    NOVITÀ 2024


    Saper essere
    Competenze trasversali


    L'umano
    nella letteratura


    I sogni dei giovani x
    una Chiesa sinodale


    Strumenti e metodi
    per formare ancora


    Per una
    "buona" politica


    Sport e
    vita cristiana
    rubrica sport


    PROSEGUE DAL 2023


    Assetati d'eterno 
    Nostalgia di Dio e arte


    Abitare la Parola
    Incontrare Gesù


    Dove incontrare
    oggi il Signore


    PG: apprendistato
    alla vita cristiana


    Passeggiate nel
    mondo contemporaneo

     


    NOVITÀ ON LINE


    Di felicità, d'amore,
    di morte e altro
    (Dio compreso)
    Chiara e don Massimo


    Vent'anni di vantaggio
    Universitari in ricerca
    rubrica studio


    Storie di volontari
    A cura del SxS


    Voci dal
    mondo interiore
    A cura dei giovani MGS

    MGS-interiore


    Quello in cui crediamo
    Giovani e ricerca

    Rivista "Testimonianze"


    Universitari in ricerca
    Riflessioni e testimonianze FUCI


    Un "canone" letterario
    per i giovani oggi


    Sguardi in sala
    Tra cinema e teatro

    A cura del CGS


    Recensioni  
    e SEGNALAZIONI

    invetrina2

    Etty Hillesum
    una spiritualità
    per i giovani
     Etty


    Semi e cammini 
    di spiritualità
    Il senso nei frammenti
    spighe


    Ritratti di adolescenti
    A cura del MGS


     

    Main Menu