Attesi dal suo amore
    Proposta pastorale 2024-25 

    MGS 24 triennio

    Materiali di approfondimento


    Letti 
    & apprezzati


    Il numero di NPG
    speciale sussidio 2024
    600 cop 2024 2


    Il numero di NPG
    maggio-giugno 2024
    600 cop 2024 2


    Newsletter
    SPECIALE 2024
    SPECIALE SUSSIDIO 2024


    Newsletter
    maggio-giugno 2024
    MAGGIO-GIUGNO 2024


    P. Pino Puglisi
    e NPG
    PPP e NPG


    Pensieri, parole
    ed emozioni


    Post it

    • On line il numero SPECIALE di NPG con gli approfondimenti della proposta pastorale, e quello di MAGGIO-GIUGNO sui "buchi neri dell'educazione".  E qui le corrispondenti NEWSLETTER: specialemaggio-giugno.
    • Attivate nel sito (colonna di destra "Terza paginA") varie nuove rubriche per il 2024.
    • Linkati tutti i DOSSIER del 2020 col corrispettivo PDF.
    • Messa on line l'ANNATA 2020: 118 articoli usufruibili per la lettura, lo studio, la pratica, la diffusione (citando gentilmente la fonte).
    • Due nuove rubriche on line: RECENSIONI E SEGNALAZIONI. I libri recenti più interessanti e utili per l'operatore pastorale, e PENSIERI, PAROLE

    Le ANNATE di NPG 
    1967-2024 


    I DOSSIER di NPG 
    (dall'ultimo ai primi) 


    Le RUBRICHE NPG 
    (in ordine alfabetico
    e cronologico)
     


    Gli AUTORI di NPG
    ieri e oggi


    Gli EDITORIALI NPG 
    1967-2024 


    VOCI TEMATICHE 
    di NPG
    (in ordine alfabetico) 


    I LIBRI di NPG 
    Giovani e ragazzi,
    educazione, pastorale

     


    I SEMPREVERDI
    I migliori DOSSIER NPG
    fino al 2000 


    Animazione,
    animatori, sussidi


    Un giorno di maggio 
    La canzone del sito
    Margherita Pirri 


    WEB TV


    NPG Facebook

    x 2024 400


    NPG X

    x 2024 400



    Note di pastorale giovanile
    via Giacomo Costamagna 6
    00181 Roma

    Telefono
    06 4940442

    Email


    Quando si raggiunge

    la maggiore età

    Elisa Pucci



    Al giorno d'oggi uno dei temi più discussi è proprio quello che riguarda il rapporto dei giovani con la sacralità. Personalmente penso che tutti, giovani o anziani, almeno una volta nella vita si siano posti domande circa la loro vita dopo la morte e ciò che governa il nostro universo. Ogni giorno ho a che fare con centinaia di ragazzi che parlano del più e del meno, ma raramente sento discutere circa la Chiesa e la sacralità, se non in modo dispregiativo. Dopo aver discusso in classe su quest'argomento, ho ritenuto opportuno chiedere ai miei amici che cosa ne pensassero a riguardo. I pareri, come mi aspettavo, sono stati molto discordanti. C'è chi non crede e non si è mai avvicinato alle istituzioni sacre; c'è invece chi ha ricevuto tutti i sacramenti ma per imposizione di genitori e parenti e adesso non crede e non professa alcun tipo di religione; c'è invece chi crede ma sta lontano da ogni tipo di istituzione religiosa; c'è chi crede in qualcosa di indefinito che governa il nostro mondo e la nostra vita e infine c'è chi professa la religione cattolica. Per quanto mi riguarda, la situazione è molto complessa. lo sono cresciuta con l'idea di dover andare in chiesa per professare la religione e di confessarsi regolarmente per essere una brava cattolica. Personalmente mi considero, come allora, di religione cattolica, ma ho ritenuto opportuno allontanarmi dalla chiesa.
    Ritengo inoltre che sacralità e istituzioni religiose siano sconnesse tra di loro e credo fermamente che, per essere un bravo fedele, non serva recarsi quotidianamente in chiesa e per questo c'è un motivo: ho frequentato per diverso tempo la chiesa, ma, alla luce di diversi scandali riguardanti quest'ultima, ritengo di dover separare fede e istituzioni. Penso che credere in Dio e diffondere la religione non significhi creare un'istituzione alcune volte corrotta e piena di misteri.
    Credo che la Chiesa possa essere vista principalmente da due punti di vista: da quello del bambino, che non si accorge degli errori e vede il bello in tutto, e da quello degli uomini adulti che, come diceva Kant, sono entrati nella maggiore età, un'età dove si inizia a rendersi conto di ciò che è giusto e sbagliato.
    A parer mio la scelta di frequentare la chiesa è libera ed ognuno è libero di vedere quest'istituzione come meglio crede. Credo però che la Chiesa abbia in generale compiuto una serie di sbagli nel corso della storia, che sono difficili da dimenticare; a partire dal sostegno dato alle crociate fino all'appoggio al fascismo con i patti lateranensi.
    Ovviamente non mi sento di criticare tutta la Chiesa e tutte le istituzioni; io personalmente sono cresciuta in una chiesa tranquilla, senza obblighi o imposizioni da parte dei miei genitori.
    Per me quindi la sacralità della religione cattolica, come di tutti gli altri culti, va professata non per obbligo, non per tradizione di famiglia e sicuramente non per paura ad avvicinarsi ad altre religioni; credo che tutti abbiano il diritto di scegliere in cosa credere e cosa non credere. Penso che tutto quello che è sacro per qualcuno, ovviamente che non vada a ledere o disturbare la quiete del mondo, debba essere rispettato.
    Credere in una entità che non vedi non è semplice e quindi è impossibile determinare cosa sia giusto o sbagliato. La sacralità è qualcosa di importante e anche molto soggettivo, per questo ritengo che sia possibile criticare solo le istituzioni e non la fede altrui.


    T e r z a
    p a g i n A


    NOVITÀ 2024


    Saper essere
    Competenze trasversali


    L'umano
    nella letteratura


    I sogni dei giovani x
    una Chiesa sinodale


    Strumenti e metodi
    per formare ancora


    Per una
    "buona" politica


    Sport e
    vita cristiana
    rubrica sport


    PROSEGUE DAL 2023


    Assetati d'eterno 
    Nostalgia di Dio e arte


    Abitare la Parola
    Incontrare Gesù


    Dove incontrare
    oggi il Signore


    PG: apprendistato
    alla vita cristiana


    Passeggiate nel
    mondo contemporaneo
     


    NOVITÀ ON LINE


    Di felicità, d'amore,
    di morte e altro
    (Dio compreso)
    Chiara e don Massimo


    Vent'anni di vantaggio
    Universitari in ricerca
    rubrica studio


    Storie di volontari
    A cura del SxS


    Voci dal
    mondo interiore
    A cura dei giovani MGS

    MGS-interiore


    Quello in cui crediamo
    Giovani e ricerca

    Rivista "Testimonianze"


    Universitari in ricerca
    Riflessioni e testimonianze FUCI


    Un "canone" letterario
    per i giovani oggi


    Sguardi in sala
    Tra cinema e teatro

    A cura del CGS


    Recensioni  
    e SEGNALAZIONI

    invetrina2

    Etty Hillesum
    una spiritualità
    per i giovani
     Etty


    Semi e cammini 
    di spiritualità
    Il senso nei frammenti
    spighe


    Ritratti di adolescenti
    A cura del MGS


     

    Main Menu