Pastorale Giovanile

    Campagna
    abbonamenti
    QuartinoNPG2024


    Letti 
    & apprezzati


    Il numero di NPG
    genn.-febbraio 2024


    Il numero di NPG
    dicembre 2023


    Newsletter
    genn.-febbraio 2024


    Newsletter
    dicembre 2023


    P. Pino Puglisi
    e NPG
    PPP e NPG


    Pensieri, parole
    ed emozioni


    Post it

    • On line il numero di GENNAIO-FEBBRAIO di NPG sulle strutture pastorali, e quello di DICEMBRE sulla PG degli ultimi 10 anni, sull'educazione alla pace.  E qui le corrispondenti NEWSLETTER: gennaio-febbraio 2024 e  dicembre 2023.
    • Attivate nel sito (colonna di destra "Terza paginA") varie nuove rubriche per il 2024.
    • Linkati tutti i DOSSIER del 2020 col corrispettivo PDF.
    • Messa on line l'ANNATA 2020: 118 articoli usufruibili per la lettura, lo studio, la pratica, la diffusione (citando gentilmente la fonte).
    • Due nuove rubriche on line: RECENSIONI E SEGNALAZIONI. I libri recenti più interessanti e utili per l'operatore pastorale, e PENSIERI, PAROLE

    Le ANNATE di NPG 
    1967-2024 


    I DOSSIER di NPG 
    (dall'ultimo ai primi) 


    Le RUBRICHE NPG 
    (in ordine alfabetico
    e cronologico)
     


    Gli AUTORI di NPG
    ieri e oggi


    Gli EDITORIALI NPG 
    1967-2024 


    VOCI TEMATICHE 
    di NPG
    (in ordine alfabetico) 


    I LIBRI di NPG 
    Giovani e ragazzi,
    educazione, pastorale

     


    I SEMPREVERDI
    I migliori DOSSIER NPG
    fino al 2000 


    Animazione,
    animatori, sussidi


    Un giorno di maggio 
    La canzone del sito
    Margherita Pirri 


    WEB TV


    NPG Facebook


    NPG Twitter



    Note di pastorale giovanile
    via Giacomo Costamagna 6
    00181 Roma

    Telefono
    06 4940442

    Email


    Sentire, ascoltare

    Movimento Studenti di Azione Cattolica

    Ludovica Mangiapanelli *

    msac


    C’è una differenza fondamentale tra sentire e ascoltare.
    Ogni giorno nella nostra vita sentiamo tante cose, dalle voci dei nostri genitori in cucina la mattina, ai rumori del traffico andando a scuola o recandoci a lavoro o ancora alle parole di quella conduttrice in tv a cui non stiamo facendo poi tanta attenzione, fino magari al ronzio di quella mosca che non ci lascia prendere sonno.
    Ma ascoltare è diverso! É molto di più che sentire, che percepire rumori e voci. Ascoltare vuol dire prestare una reale e profonda attenzione ai suoni e alle parole, per interpretarli e capirli. E per fare ciò non si può prescindere da un certo grado di empatia tra chi ascolta e chi parla. Alla base dell’ascolto non può non esserci un concreto interesse e una sincera cura verso quello che qualcuno sta cercando di dirci; altrimenti torniamo solamente a sentire, a farci scorrere addosso parole e rumori.
    È proprio da qui che parte l’esperienza e il servizio del Movimento Studenti di Azione Cattolica, dalla voglia di metterci al servizio degli studenti, di farci sempre più prossimi ai nostri compagni, specialmente agli ultimi, a quelli maggiormente in difficoltà, proprio come ci insegna il Vangelo di cui desideriamo essere una testimonianza vera e tangibile. Oggi più che mai non è facile parlare di fede in un ambiente talvolta ostico come può essere quello della scuola. Proprio per questo l’importante non è alzare la voce per imporre il nostro punto di vista, ma partire dall’ascolto; quello che conta di più non è urlare il Vangelo, ma esserne testimoni e farci portatori della bellezza che infonde nella nostra vita. E c’è un insegnamento più bello di quello di amare? Ecco, l’ascolto è un atto di amore, un profondo atto di dedizione, specialmente quando ci mettiamo in ascolto di qualcuno che non la pensa come noi, che ha un’idea contrastante con la nostra e lo si fa senza pregiudizi e senza volere vincere a tutti i costi un dibattito, ma con cuore sincero e mente aperta.
    È per questi motivi che, come studenti di Azione Cattolica, ci teniamo sempre a sottolineare che l’ascolto nella nostra esperienza non è uno dei tanti temi, né una semplice tappa di un percorso: l’ascolto è lo stile continuo che sta alla base della nostra missione!
    Il MSAC, infatti, è una concreta esperienza di ascolto, vissuta tra i banchi di scuola: va oltre le parole, è un ascolto che passa per i gesti, per gli sguardi, per i silenzi. È un ascolto che si basa sull’empatia, che è fondamentale sperimentare tra compagni di classe che condividono la propria quotidianità, fatta di sogni e difficoltà, ansie e speranze.
    E poi c’è l’ascolto del tempo, della realtà e dei modi tramite cui ci si parla. Essere “msacchini” e “msacchine” vuol dire, così, prendersi ogni giorno l’impegno di vivere la scuola da protagonisti, prendere l’iniziativa ogni giorno per far sì che le nostre scuole siano a misura di studenti e all’altezza dei loro sogni. E per essere partecipi, per fare qualcosa di concreto per le nostre scuole e i nostri compagni è fondamentale capire innanzi tutto quali sono le esigenze dei nostri territori, qual è la realtà in cui siamo immersi e di cosa hanno bisogno i nostri compagni. Ecco perché, come Movimento studenti di Azione cattolica, non presentiamo un percorso uguale per tutti o delle attività preconfezionate, ma piuttosto cerchiamo di dare degli spunti da cui partire, delle proposte da declinare poi nel proprio territorio, nelle proprie realtà.
    È quindi nell’ascolto che si concretizza l’I Care di Don Milani, il motto proprio del MSAC.
    Ci stanno a cuore i nostri compagni, ci sta a cuore la scuola italiana e ci sta a cuore il nostro territorio. Da qui parte il nostro impegno nel creare un dialogo costruttivo con i compagni, aderenti all’AC e no, credenti e non credenti, in pieno stile sinodale, per parlare e confrontarci insieme su tematiche di attualità, per formarci e informarci insieme e per sognare e progettare il “futuro-presente” delle nostre scuole.

    * Vice-segretaria nazionale del Msac

    Questo contributo è la "parte esperienziale" dell'articolo sull' ASCOLTO nella nuova rubrica NPG per il 2022: Grammatica e sentieri di sinodalità, a cura di Gianfranco Zurra, Assistente nazionale AC settore Giovani.


    T e r z a
    p a g i n A


    NOVITÀ 2024


    Saper essere
    Competenze trasversali


    L'umano
    nella letteratura


    I sogni dei giovani x
    una Chiesa sinodale


    Strumenti e metodi
    per formare ancora


    Per una
    "buona" politica


    PROSEGUE DAL 2023


    Assetati d'eterno 
    Nostalgia di Dio e arte


    Abitare la Parola
    Incontrare Gesù


    Dove incontrare
    oggi il Signore


    PG: apprendistato
    alla vita cristiana


    Il filo di Arianna
    della politica


    Recensioni  
    e SEGNALAZIONI


    Santi giovani
    e giovinezza dei Santi


    NOVITÀ ON LINE


    Di felicità, d'amore,
    di morte e altro
    (Dio compreso)
    Chiara e don Massimo


    Ritratti di adolescenti
    A cura del MGS


    Storie di volontari


    Quello in cui crediamo
    Giovani e ricerca

    Rivista "Testimonianze"


    Universitari in ricerca
    Riflessioni e testimonianze FUCI


    Un "canone" letterario
    per i giovani oggi


    Sguardi in sala
    Tra cinema e teatro

    A cura del CGS

    invetrina2

    Etty Hillesum
    una spiritualità
    per i giovani
     Etty


    Semi e cammini 
    di spiritualità
    Il senso nei frammenti
    spighe


    Passeggiate nel
    mondo contemporaneo


     

    Main Menu