Attesi dal suo amore
    Proposta pastorale 2024-25 

    MGS 24 triennio

    Materiali di approfondimento


    Letti 
    & apprezzati


    Il numero di NPG
    luglio-agosto 2024
    600 cop 2024 2


    Il numero di NPG
    speciale sussidio 2024
    600 cop 2024 2


    Newsletter
    luglio-agosto 2024
    LUGLIO AGOSTO 2024


    Newsletter
    SPECIALE 2024
    SPECIALE SUSSIDIO 2024


    P. Pino Puglisi
    e NPG
    PPP e NPG


    Pensieri, parole
    ed emozioni


    Post it

    • On line il numero di LUGLIO-AGOSTO di NPG sul tema degli IRC, e quello SPECIALE con gli approfondimenti della proposta pastorale.  E qui le corrispondenti NEWSLETTER: luglio-agostospeciale.
    • Attivate nel sito (colonna di destra "Terza paginA") varie nuove rubriche per il 2024.
    • Linkati tutti i DOSSIER del 2020 col corrispettivo PDF.
    • Messa on line l'ANNATA 2020: 118 articoli usufruibili per la lettura, lo studio, la pratica, la diffusione (citando gentilmente la fonte).
    • Due nuove rubriche on line: RECENSIONI E SEGNALAZIONI. I libri recenti più interessanti e utili per l'operatore pastorale, e PENSIERI, PAROLE

    Le ANNATE di NPG 
    1967-2024 


    I DOSSIER di NPG 
    (dall'ultimo ai primi) 


    Le RUBRICHE NPG 
    (in ordine alfabetico
    e cronologico)
     


    Gli AUTORI di NPG
    ieri e oggi


    Gli EDITORIALI NPG 
    1967-2024 


    VOCI TEMATICHE 
    di NPG
    (in ordine alfabetico) 


    I LIBRI di NPG 
    Giovani e ragazzi,
    educazione, pastorale

     


    I SEMPREVERDI
    I migliori DOSSIER NPG
    fino al 2000 


    Animazione,
    animatori, sussidi


    Un giorno di maggio 
    La canzone del sito
    Margherita Pirri 


    WEB TV


    NPG Facebook

    x 2024 400


    NPG X

    x 2024 400



    Note di pastorale giovanile
    via Giacomo Costamagna 6
    00181 Roma

    Telefono
    06 4940442

    Email


    Credenti per convenzione?

    Irene Carlesi


    Avere fede assume diversi significati e ho deciso di riportare quello che è stato detto da una mia amica, una persona credente che afferma: «Per me la fede è un luogo astratto in cui riesco a esprimere tutti i miei pensieri, tutte le mie paure e tutte le gioie della vita». Avere fede significa quindi avere piena fiducia in qualcosa o qualcuno, forse un concetto che noi giovani non siamo ancora in grado di comprendere a pieno, perché fidarsi di un'entità superiore ed invisibile ci risulta ancora più difficile che credere in qualcosa di non astratto. La fiducia, però, nella società moderna è sempre minore, a causa delle numerose fake news e tutto ciò che troviamo in Internet, che deve essere filtrato da ognuno di noi, per trovare ciò che vi è di vero in milioni di notizie fasulle.
    La fede è quindi qualcosa di difficile da raggiungere ma molto facile da perdere: quante volte ci siamo fatti domande sul perché una determinata cosa è successa? Spesso, quando succedono grandi disastri e molte persone muoiono, ci chiediamo il perché, ci interroghiamo sulle cause; se Dio esiste non ha potuto salvarle.
    Anche io mi interrogo spesso su questo e mi chiedo perché un determinato evento sia dovuto accadere, magari un evento per il quale io non potevo intervenire, per il quale non ho potuto fare niente, come la morte improvvisa di una persona. Ne ho vissuta una di recente, ed in quel momento mi sono posta molte domande e ho avuto molti dubbi riguardo alla mia fede. Io infatti mi ritengo credente, anche se qualche volta penso di esserlo solo per convenzione, perché sono stata sempre abituata a credere. Questo perché molte volte utilizzo la religione e Dio solo nei momenti in cui ne ho bisogno, solo quando non c'è nessun altro che può darmi una mano. Credo che la maggior parte delle persone non dichiari né di essere credente né di essere ateo, così da essere «salvi» se l'esistenza di Dio fosse verificata, senza prendere una posizione ben precisa.
    Conosco comunque numerose persone molto credenti, che hanno una fede genuina, che non è sfruttata solo nel momento del bisogno, e praticanti. Infatti, per loro, andare in chiesa non è visto come una formalità, ma come un'azione che compiono volentieri, e che sentono il bisogno di fare.
    Nonostante queste persone ve ne sono altrettante che sono completamente ignoranti al riguardo ma, piuttosto che informarsi, preferiscono non entrare in merito. Questo perché spesso la fede è associata alla Chiesa, che viene spesso vista come un'istituzione bigotta.
    Ovviamente la Chiesa, nel corso degli anni, si è evoluta ed ha cercato di avvicinarsi al pensiero dei giovani. Nonostante questo, molti hanno ancora pesanti pregiudizi che si basano sugli errori compiuti dalla Chiesa in passato.
    Credo quindi, per concludere, che, se la tendenza continuerà ad essere quella di non credere, i credenti veri rimarranno ma quelli in dubbio diventeranno sempre meno e anche il numero di quelli che erano credenti «per convenzione» continuerà a calare. Posso fare un esempio personale con i miei cugini, che, da credenti «per convenzione», mentre io ho fatto sia comunione che cresima, pur essendo stati battezzati ed essendo stati abituati ad andare a messa, hanno deciso di non continuare il percorso religioso.


    T e r z a
    p a g i n A


    NOVITÀ 2024


    Saper essere
    Competenze trasversali


    L'umano
    nella letteratura


    I sogni dei giovani x
    una Chiesa sinodale


    Strumenti e metodi
    per formare ancora


    Per una
    "buona" politica


    Sport e
    vita cristiana
    rubrica sport


    PROSEGUE DAL 2023


    Assetati d'eterno 
    Nostalgia di Dio e arte


    Abitare la Parola
    Incontrare Gesù


    Dove incontrare
    oggi il Signore


    PG: apprendistato
    alla vita cristiana


    Passeggiate nel
    mondo contemporaneo
     


    NOVITÀ ON LINE


    Di felicità, d'amore,
    di morte e altro
    (Dio compreso)
    Chiara e don Massimo


    Vent'anni di vantaggio
    Universitari in ricerca
    rubrica studio


    Storie di volontari
    A cura del SxS


    Voci dal
    mondo interiore
    A cura dei giovani MGS

    MGS-interiore


    Quello in cui crediamo
    Giovani e ricerca

    Rivista "Testimonianze"


    Universitari in ricerca
    Riflessioni e testimonianze FUCI


    Un "canone" letterario
    per i giovani oggi


    Sguardi in sala
    Tra cinema e teatro

    A cura del CGS


    Recensioni  
    e SEGNALAZIONI

    invetrina2

    Etty Hillesum
    una spiritualità
    per i giovani
     Etty


    Semi e cammini 
    di spiritualità
    Il senso nei frammenti
    spighe


    Ritratti di adolescenti
    A cura del MGS


     

    Main Menu